#2015Up, 13 idee regalo prodotte da una startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Last minute

#2015Up, 13 idee regalo prodotte da una startup

18 Dic 2015

Dalla BustaDiNatale.it, piattaforma che permette ad amici e parenti di contribuire a un’unica colletta per regalare una busta digitale con denaro elettronico, a WishList, sito che permette al destinatario di scegliere il dono preferito: ecco le idee innovative da mettere sotto l’albero

Natale è ormai alle porte, e come sempre i regali dell’ultimo minuto sono quelli che danno più grattacapi. Ecco allora 13 idee simpatiche e originali per regali intelligenti che, oltre a far felice chi li riceverà, consentono anche di dare una spinta alle startup che li producono.

 XMetrics – È un innovativo activity tracker per il nuoto che, posizionato sul retro della testa dell’atleta, fornisce un feedback audio in tempo reale durante l’allenamento. A fine allenamento è possibile analizzare le performance. 199,99 euro per la versione base e 299,99 per quella Pro su xmetrics.it, sconto del 20% usando il codice XM-20X100. (Xmetrics ci spera e vince: “Il Marzotto è nostro” – Leggi la storia della startup)

 

Banale – Toothbrush è uno spazzolino tascabile con dentifricio incorporato prodotto dalla startup milanese. 25 euro su banale.com, 20% di sconto con codice promo BANALE20.

 

 

Aria – Soletta intelligente che riscalda o raffredda il piede, assicurando un costante comfort termico grazie ad una tecnologia brevettata. Si ricarica in modalità wireless e si connette anche allo smartphone trasmettendo dati come la distanza percorsa e le calorie bruciate. Sarà disponibile a breve su ariawearables.com

 

Growish – La startup milanese ha lanciato BustaDiNatale.it: una piattaforma che permette ad amici e parenti anche lontani di contribuire a un’unica colletta per regalare una busta digitale contenente denaro elettronico. (Io startupper a 46 anni per i miei figli – Leggi la storia di Growish)

 

WishList – Simile al precedente è l’idea della startup milanese, che consente al destinatario del regalo di scegliere quale dono vuole ricevere. Chi lo regala, infatti, consegna un cofanetto all’interno del quale c’è un codice corrispondente a un determinato importo. Chi riceve il cofanetto, inserendo il codice sul sito, può scegliere uno dei regali corrispondenti alla cifra. Da 15 euro su wishlist.it

 

 Driver2Home – Un autista che guida la tua auto quando sei troppo stanco (o troppo “allegro”) per poterlo fare tu. E siccome durante le feste spesso si alza il gomito, regalare ad amici e parenti un autista che li riporti a casa dopo i festeggiamenti può essere un’idea. A partire da 10 euro su driver2home.com (Driver2home, un autista quando serve – Leggi la storia)

 

Tribook – Un libro come regalo di Natale è un classico. Ma se è un’idea dell’ultimo momento può diventare un problema: i grandi siti di libri consegnano al più presto il giorno successivo, e il tempo di andare in una libreria può mancare. La startup milanese risolve il problema mettendo gli utenti in contatto diretto con le librerie della zona, e una volta acquistato il libro si può scegliere se andarlo a ritirare a colpo sicuro nella libreria indicata oppure se farselo consegnare nel giro di qualche ora da una società specializzata in consegne in bicicletta. tribook.it (Michela l’umanista che fa correre la startup sui libri – Leggi la storia di Tribook)

 

Mukako – La startup milanese, nata per “prendersi cura dei genitori”, spedisce ogni mese la scorta di pannolini di cui si ha bisogno, calcolando la taglia e la quantità in base alla crescita del bambino. L’equivalente hi-tech della “torta di pannolini” che si regala ai neo-genitori. Da 17 centesimi a pannolino su mukako.com

 

 Treedom – Natale, stagione di alberi addobbati. Regalare un albero può quindi essere l’idea giusta. Ancora migliore se si contribuisce ad abbattere la CO2: perché la startup fiorentina non consegna l’albero in questione, ma lo pianta (a seconda della specie scelta) in Italia, Senegal, Malawi, Camerun, Kenya, Haiti. E il destinatario del regalo lo può vedere su Google Maps, seguire online il “diario” con la crescita e ricevere aggiornamenti via email. Da 5,90 euro su treedom.net

 

Bestiacce – Per Natale molti regalano un cucciolo ai figli, pagandolo magari centinaia di euro e scegliendolo in base alla “coccolosità” invece che alle reali caratteristiche della famiglia. La startup parmense permette di prendere due piccioni con una fava: sul sito bestiacce.com è possibile adottare un cane in un canile, scegliendolo in base a un test ad hoc.

 

Helpling – Chi ha un amico particolarmente disordinato o familiari così impegnati da non riuscire più a seguire la cura della casa può regalare un addetto alle pulizie a domicilio. A partire da 11,90 euro l’ora su helpling.it (Startup compra startup e nasce il colosso europeo della pulizia – Leggi la storia)

 

Babysharing – La startup romana, nata dall’idea di un bambino di 5 anni, è una piattaforma che consente di comprare e rivendere giocattoli e accessori per bambini. Per chi a Natale vuole regalare qualcosa di utile a un bebè o a una coppia di neo-genitori senza spendere un capitale. babysharing.com

 

Barikamà – Startup creata a Roma da cinque migranti africani, si occupa di vendere e consegnare a domicilio (rigorosamente in bicicletta e solo nella Capitale e dintorni) prodotti biologici come yogurt, ortaggi, formaggi e insaccati prodotti in un casale della zona. Per chi vuole un regalo più originale del solito cesto natalizio. barikama.altervista.org

di Concetta Desando

Articoli correlati