Smart road, le competenze del Polimi per l'innovazione di Autostrade per l'Italia | Economyup

SMART ROAD

Smart road, le competenze del Polimi per l’innovazione di Autostrade per l’Italia



Investimenti in ricerca e sviluppo, con focus sulla formazione del personale, ma anche su ideazione e sviluppo di progetti. La convenzione fra Autostrade per l’Italia e il Politecnico di Milano è un momento di accelerazione verso la trasformazione digitale delle strade e della mobilità. Obiettivo: le smart road

19 Gen 2021


La firma della convenzione Autostrade per l'Italia - Polimi

Anche sulle strade corre la trasformazione digitale. Il risultato finale saranno le smart road.. La sfida è tecnologica ma anche culturale e quindi di competenze. Non a caso Autostrade per l’Italia (Aspi), che gestisce 3mila chilometri di rete in Italia, si è alleata con il  Politecnico di Milano. Obiettivi: ricerca, sviluppo, formazione e progetti su smart mobility smart road, appunto.

La convenzione, già definita a fine 2020 e siglata a metà gennaio, prevede investimenti in ricerca e sviluppo, con un particolare focus sulla formazione del personale, ma anche sull’ideazione e lo sviluppo dei progetti strategici della società, come la Smart Mobility e le Smart Roads, e l’estensione del ciclo di vita delle opere.

Che cos’è una smart road

La smart road, lo ricordiamo, è una “strada intelligente” sulla quale i veicoli possono comunicare e connettersi tra di loro. L’obiettivo è agevolare il trasporto grazie all’implementazione di sistemi di rilevazione del meteo e del traffico attraverso i quali i viaggiatori possono richiedere in tempo reale informazioni su condizioni stradali, del traffico o altre particolari situazioni. Inoltre le smart road possono fornire servizi di deviazione dei flussi di traffico nel caso di incidenti, suggerimenti di traiettorie alternative, interventi sulle velocità per evitare situazioni di traffico, gestione di accessi, parcheggi e rifornimenti, interventi tempestivi in caso di emergenze.

Come funziona l’accordo Autostrade per l’Italia-Polimi

L’avvio della collaborazione triennale con il Politecnico, si legge in una nota, segna un altro passo qualificante nell’attuazione del Piano di trasformazione di ASPI.

L’ateneo lavorerà a stretto contatto con le aziende del gruppo ASPI allo sviluppo di progetti di trasformazione digitale correlati al tracciamento dei flussi di traffico e a sistemi rapidi di pagamento, alla cybersecurity, al monitoraggio e manutenzione predittiva delle opere infrastrutturali e all’adozione dell’intelligenza artificiale nel campo della progettazione. Le  competenze scientifiche verranno adottate anche nell’ambito dei progetti green di ASPI, dalle piattaforme di rifornimento elettrico in autostrada, all’implementazione di energia rinnovabile.

Autostrade per l’Italia: laureandi del Polimi in lizza per le assunzioni

360digitalskill
Accresci le tue competenze digitali: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

La convenzione prevede inoltre progetti di alta formazione accademica per i lavoratori del Gruppo ASPI, ma anche per  gli studenti del Polimi, coinvolti sul campo nelle attività di sviluppo operativo delle attività strategiche dell’azienda. La società, nell’ambito del piano di assunzioni di oltre 2.400 nuove risorse entro il prossimo triennio, rivolgerà la selezione anche a laureandi del Politecnico di Milano. Saranno organizzati eventi di presentazione dell’azienda anche attraverso contest, game, concorsi di idee, in ottica di employer branding. ASPI contribuirà a valorizzare il percorso formativo degli studenti del Politecnico promuovendo percorsi di tirocinio per il completamento dei corsi di laurea, investendo nella formazione curriculare di laurea e in master universitari, nell’erogazione di borse di studio o premi di laurea.

La convenzione prevede, infine, la collaborazione sul piano tecnico-scientifico per partecipare congiuntamente a bandi di ricerca nazionali e internazionali.

Un accordo che permetterà di potenziare competenze, conoscenza e sviluppo grazie alla collaborazione tra un’azienda che sta lavorando per diventare un vero e proprio operatore della mobilità integrata a livello nazionale e internazionale, e un polo di eccellenza nella formazione e nella ricerca sul fronte italiano ed europeo.