Monopattini elettrici: aperti tre bandi per la sharing mobility a Milano | Economyup

MICROMOBILITÀ

Monopattini elettrici: aperti tre bandi per la sharing mobility a Milano



Dal 29 ottobre chi gestisce flotte di veicoli quali monopattini elettrici, scooter elettrici e biciclette a flusso libero può presentare la manifestazione di interesse, ovvero candidarsi al bando del Comune per operare sul territorio. Il 26 luglio 2021 fissato come termine della sperimentazione

28 Ott 2019


Monopattini elettrici a MIlano - Foto LaPresse - Claudio Furlan

Sono aperti i bandi per la sharing mobility a Milano. Da martedì 29 ottobre le società o i soggetti che gestiscono flotte di veicoli quali monopattini elettrici, scooter elettrici e biciclette a flusso libero possono presentare le manifestazioni di interesse, ovvero candidarsi per essere scelte dal Comune per operare sul territorio. I bandi sono pubblicati sul sito del Comune di Milano a questo link.

È stato un percorso lungo e complicato, iniziato con l’entrata in vigore, a fine luglio 2019, del decreto Toninelli (all’epoca ministro dei Trasporti) che dava il via libera ai Comuni per la sperimentazione nei centri urbani dei monopattini elettrici e degli altri veicoli della micromobilità quali hoverboard, segway e monowheel. Alcuni Comuni hanno recepito il decreto. Milano è stata tra le prime, ma a Ferragosto, anche in conseguenza di un incidente avvenuto a un passante, ha sospeso la circolazione dei micro-veicoli in sharing, rinviando le aziende interessate a un bando da diffondere nelle settimane successive. I bandi – non uno, ma tre – sono stati emanati il 26 ottobre. Il 29 ottobre è il giorno in cui le aziende possono cominciare a presentare le loro manifestazioni di interesse. Qualcuno ipotizza che il processo di valutazione e assegnazione potrebbe concludersi a fine dicembre.

Bandi per la sharing mobility a Milano: a chi sono rivolti

I tre bandi consentono ai gestori di flotte di veicoli in micromobilità elettrica, scooter e biciclette a flusso libero di attivare il servizio e mettere a disposizione dei cittadini nuove flotte condivise sul territorio di Milano.

In particolare potrà essere avviato sperimentalmente e all’interno di un sistema di regole stringenti lo sharing di veicoli elettrici innovativi come monopattini, hoverboard, segway, monowheel da parte delle aziende e dei soggetti interessati. Saranno invece potenziate le flotte di biciclette meccaniche e elettriche a pedalata assistita a flusso libero e gli scooter elettrici.

Bandi per la sharing mobility: tetto massimo 2mila microveicoli a Milano

Il bando appena pubblicato prevede un numero massimo di 2mila microveicoli elettrici in città e individua il 26 luglio 2021 come termine per la sperimentazione. Tutti i veicoli dovranno essere omologati, dotati di luci, numero identificativo e limitatori di velocità e dovranno essere mantenuti in perfette condizioni di efficienza e sicurezza per l’utente. I monopattini e simili potranno sostare esclusivamente negli stalli di sosta dedicati alle biciclette o a lato strada, dove non sia espressamente vietato e comunque sempre secondo le regole del codice della strada. Nella Cerchia dei Navigli, dove non esiste sosta libera, i monopattini potranno attivare e chiudere il noleggio solo in uno degli oltre 4.300 stalli sosta per biciclette attraverso sistemi tecnologici realizzati a cura delle società di gestione. Attualmente a Milano vi sono oltre 32mila stalli per la sosta delle biciclette in tutta la città, di questi ve ne sono 6.900 esterni al Municipio 1 e collocati nelle aree adiacenti alle fermate della metropolitana e 3.350 lungo le piste ciclabili. Gli stalli per le bici crescono in modo continuativo per nuove installazioni che tengono conto anche dell’introduzione dei nuovi veicoli.

I bandi per il bike e scooter sharing: bici a flusso libero, tetto massimo 16mila veicoli

WHITEPAPER
Che differenza c’è tra i Business Continuity e Disaster Recovery?
IoT
Manifatturiero/Produzione

Per quanto riguarda le biciclette in condivisione a flusso libero le nuove linee guida prevedono altri tre anni di sperimentazione e un ampliamento della flotta totale presente in città fino a 16mila veicoli e fra questi sono previste anche biciclette elettriche a pedalata assistita. Per quanto riguarda gli scooter, con il nuovo bando l’autorizzazione a effettuare il servizio è di otto anni e dal 1° gennaio 2020 potranno esserci solo scooter elettrici (oggi le flotte esistenti contano circa 1.470 veicoli suddivisi fra cinque operatori).

Sharing: gli obblighi dei gestori

L’avviso pubblico per lo sharing avrà finestre temporali mensili. Il gestore deve presentare certificazione di sottoscrizione di adeguata polizza assicurativa, garantire che il servizio sia attivo 365 giorni all’anno e disponibile 24 ore su 24, che vi sia un call-center, un servizio di pronto intervento e controllo dei dispositivi con personale pronto a rimuoverli o spostarli entro le 24 ore dalla segnalazione in caso di disservizio, abbandono o posteggio irregolare, pena la rimozione da parte del Comune con imputazione di penalità a carico del gestore. In caso di forti inadempienze l’Amministrazione si riserva il diritto di revoca. Ogni gestore di servizi di sharing con microveicoli può presentare proposte che prevedono da un minimo di 500 dispositivi fino a un massimo di 750. I gestori di biciclette possono presentare flotte che vanno da 1.000 a 4.000 veicoli. Ogni gestore di scooter sharing deve garantire almeno 100 veicoli che possono essere messi in servizio gradualmente nell’arco di sei mesi purchè venga rispettata la densità minima di tre veicoli a chilometro quadrato. Ogni scooter dovrà essere dotato di caschi e sottocaschi.

Monopattini e bici: i gestori devono investire in comunicazione

Per ogni monopattino o bicicletta in strada i gestori dovranno investire 10 euro all’anno in comunicazione e informazione agli utenti sulle regole di utilizzo e del codice della strada, anche in forma condivisa con l’Amministrazione e gli altri gestori e 100 euro annui per ogni scooter. Inoltre per ogni monopattino elettrico e bicicletta sarà necessario depositare una cauzione una tantum (sotto forma di fideiussione) di 25 euro o di 50 euro per ogni scooter, a garanzia degli eventuali interventi di rimozione effettuati dall’Amministrazione e al Comune dovrà essere versato un contributo di 8 euro per ogni monopattino o bicicletta quale contributo all’uso degli spazi pubblici. Il contributo scende a 3 euro per le biciclette elettriche al fine di incentivarne l’introduzione.

Sharing mobility, Granelli (assessore alla Mobilità): “Serve buon senso e rispetto”

“La sharing mobility milanese ha dimostrato di essere efficiente e con questi bandi rinnoviamo i servizi esistenti e li rendiamo ancora più sostenibili grazie al potenziamento delle flotte elettriche – dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Lavori pubblici –. L’esperienza fatta fino a oggi ci insegna che le regole stringenti sono una della chiavi del successo della mobilità condivisa, per questo abbiamo disegnato un quadro di regole che ci consente di avviare e governare la sperimentazione dello sharing anche di veicoli innovativi. Perché il successo continui, senza penalizzare i cittadini e senza creare situazioni di insicurezza o degrado, gestori e utenti devono rispettare le norme esistenti che sono chiare e sufficienti, a partire dal codice della strada, con molto buonsenso e rispetto”.