Decreto Rilancio: mobilità sostenibile, bonus fino a 500 euro per bici e monopattini elettrici | Economyup

IL PROVVEDIMENTO

Decreto Rilancio: mobilità sostenibile, bonus fino a 500 euro per bici e monopattini elettrici



Il bonus per l’incentivo della micromobilità fa parte dei provvedimenti elencati nel Decreto Rilancio, e prevede fino a 500 euro per l’acquisto di bici, monopattini elettrici e affini. Qui tutti i requisiti per richiederlo

14 Mag 2020


Foto di Cristiana Raluca da Pexels

È confermato: il bonus per l’incentivo alla micromobilità fa parte delle misure elencate nel Decreto Rilancio, presentato da poche ore dal Presidente del Consiglio.

Come era stato preannunciato dalla ministra dei Trasporti Paola De Micheli, l’acquisto di bici, monopattini elettrici e affini sarà incentivato, come misura per il contenimento del contagio durante gli spostamenti per la fase 2. Il provvedimento è ora stato ufficializzato, e prevede un bonus fino a 500 euro.

Vediamo i dettagli e i requisiti necessari per richiederlo.

  • L’incentivo consiste in uno sconto del 60% sul prezzo finale del mezzo, fino a un massimo di 500€ di rimborso.
  • L’incentivo è retroattivo, ovvero sarà accessibile a coloro che hanno acquistato un mezzo tra quelli compatibili con l’incentivo dal 4 maggio 2020. Sarà accessibile fino al prossimo 31 dicembre 2020.
  • L’incentivo sarà accessibile per coloro che acquisteranno o hanno acquistato (non prima del 4 maggio) una bicicletta classica, una bicicletta a pedalata assistitasegwayhoverboardmonopattini e monowheel elettrici.
  • L’incentivo sarebbe utilizzabile anche per il pagamento di abbonamenti di sharing, eccetto che per il car sharing.
  • L’incentivo sarà accessibile ai cittadini maggiorenni e residenti nei capoluoghi di Regione, nei capoluoghi di Provincia, nelle città Metropolitane e nei comuni con più di 50.000 abitanti

Come verrà erogato il bonus per monopattini e e-bike?

Call4Startup
Hai un progetto innovativo in area Energy? La Responsabilità sociale al centro della Call4Startup

Ancora non sono state rese note quali saranno le modalità di erogazione del bonus, o la procedura per presentare la domanda.

Per il momento si ipotizza che potrebbe essere creata una piattaforma online alla quale avranno accesso sia l’acquirente sia il venditore. Di fatto, dopo l’acquisto, caricando lo scontrino che attesta la spesa, il bonus verrebbe accreditato su un borsellino virtuale per essere speso in altri prodotti legati alla mobilità, compresi gli abbonamenti ai mezzi pubblici. In alternativa, il commerciante potrebbe applicare lo sconto direttamente all’acquirente e poi recuperare la differenza tramite i documenti di vendita.