IL FOCUS

Budget di mobilità: in cosa consiste la nuova frontiera della mobilità aziendale sostenibile



Indirizzo copiato

Il budget di mobilità è assegnato ai dipendenti per coprire le spese legate agli spostamenti per ragioni lavorative, con l’obiettivo di rendere più efficienti ed economiche queste operazioni. Ecco perché è uno strumento per una nuova mobilità flessibile e sostenibile

Pubblicato il 6 feb 2024



Budget di mobilità
Budget di mobilità

Il budget di mobilità sta emergendo come una soluzione chiave per promuovere la mobilità sostenibile all’interno delle aziende. Questo approccio non solo contribuisce a decongestionare le strade, ma offre anche vantaggi sia ai dipendenti che ai datori di lavoro.  Secondo uno studio di McKinsey, intitolato “How Mobility Budgets Can Change the Future of Transportation“, i budget mobilità hanno il potenziale per ridurre la congestione del traffico, migliorare la sostenibilità e attrarre e trattenere i talenti.

Mobilità aziendale: come cambia

Nell’era della digitalizzazione e della sostenibilità, il concetto di mobilità aziendale sta subendo una profonda trasformazione. L’approccio tradizionale basato sul possesso del mezzo di trasporto cede il passo a soluzioni innovative e flessibili, tra cui spicca appunto il budget di mobilità. Questo strumento, ancora poco conosciuto, rappresenta una risposta efficace alle esigenze di efficienza, risparmio e sostenibilità ambientale che caratterizzano le imprese moderne. Ma cos’è esattamente il budget di mobilità e in quali casi può rivelarsi vantaggioso per le aziende? Ecco un approfondimento per comprendere a fondo questa nuova frontiera della mobilità corporate.

Cos’è il budget di mobilità e quando può convenire alle aziende

Il budget di mobilità è un concetto che sta acquisendo crescente rilevanza nel panorama business, dato che rappresenta una soluzione innovativa per gestire l’organizzazione dei trasporti aziendali. Consiste in un budget prestabilito, assegnato ai dipendenti per coprire le spese legate agli spostamenti per ragioni lavorative, con l’obiettivo di rendere più efficienti ed economiche queste operazioni. L’adozione di tale approccio può rivelarsi conveniente soprattutto per quelle imprese che necessitano di un’elevata flessibilità negli spostamenti dei propri collaboratori o che desiderano incentivare modalità di trasporto sostenibili. Infatti, grazie a questa soluzione, i dipendenti sono liberi di scegliere il mezzo più adatto alle loro esigenze, potendo optare anche per soluzioni green come car sharing o biciclette elettriche. Al tempo stesso, le imprese possono monitorare e ottimizzare i costi legati alla mobilità, garantendo una maggiore trasparenza e controllo. La scelta del budget di mobilità va tuttavia ponderata attentamente: se da un lato può rappresentare una leva strategica per migliorare la produttività e la soddisfazione dei dipendenti, dall’altro richiede una gestione accurata ed efficiente, al fine evitare dispersioni economiche o inefficienze operative.

Come un’azienda può definire un budget di mobilità

Definire un budget di mobilità per un’azienda implica pianificare in modo accurato le spese legate ai mezzi di trasporto e ai servizi di mobilità utilizzati dai dipendenti per ragioni di lavoro. Questo può includere viaggi d’affari, spostamenti tra diverse sedi aziendali, trasporto di merci, e potenzialmente anche incentivi per la mobilità sostenibile. Ecco alcuni passaggi chiave per definire un budget di mobilità efficace:

1. Analisi della situazione attuale

  • Valutazione delle spese correnti: Esaminare le spese sostenute nell’ultimo anno o in un periodo rappresentativo per trasporti e viaggi d’affari.
  • Identificazione dei bisogni di mobilità: Capire le esigenze di spostamento dei dipendenti, sia per il lavoro quotidiano sia per viaggi d’affari.
  • Valutazione dell’efficienza attuale: Considerare quanto efficientemente vengono attualmente utilizzati i mezzi di trasporto e se ci sono opportunità di ottimizzazione.

2. Definizione degli obiettivi del budget di mobilità

  • Obiettivi di spesa: Stabilire un limite massimo di spesa o un obiettivo di riduzione dei costi rispetto all’anno precedente.
  • Sostenibilità: Impostare obiettivi legati alla riduzione dell’impatto ambientale, promuovendo mezzi di trasporto sostenibili o riducendo i viaggi non necessari.
  • Flessibilità e benessere dei dipendenti: Considerare come il budget di mobilità può contribuire alla soddisfazione e al benessere dei dipendenti, ad esempio attraverso opzioni di mobilità flessibili.

3. Pianificazione e allocazione delle risorse

  • Prioritizzazione: Decidere quali spese sono necessarie e quali possono essere ridotte o eliminate.
  • Allocazione del budget: Distribuire il budget disponibile tra le diverse categorie di spesa, tenendo conto delle priorità stabilite.
  • Contingenza: Riservare una parte del budget per spese impreviste o emergenze.

4. Monitoraggio e revisione

  • Implementazione di strumenti di tracking: Utilizzare software o strumenti di gestione delle spese per monitorare in tempo reale le spese di mobilità.
  • Review periodici: Effettuare controlli regolari (mensili, trimestrali) per verificare l’aderenza al budget e apportare eventuali correzioni.
  • Feedback: Raccogliere feedback dai dipendenti per capire se le soluzioni di mobilità adottate soddisfano le loro esigenze.

5. Innovazione e miglioramento continuo

  • Esplorazione di nuove soluzioni: Rimanere aggiornati su nuove tecnologie e servizi di mobilità che potrebbero migliorare l’efficienza o ridurre i costi.
  • Formazione e sensibilizzazione: Incoraggiare i dipendenti a fare scelte di mobilità consapevoli attraverso formazione e iniziative di sensibilizzazione.

Un budget di mobilità ben pianificato non solo aiuta a controllare e ridurre i costi, ma può anche contribuire a migliorare la sostenibilità, l’efficienza e la soddisfazione dei dipendenti.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4