OPEN INNOVATION

Snam Innovation Day, l’innovazione che nasce dentro e fuori l’azienda



Si è conclusa la seconda edizione della Centrale delle idee, il percorso di corporate entrepreneurship all’interno di Snaminnova, il programma di innovazione aperta del gruppo che prevede anche la collaborazione con diverse startup. “L’innovazione serve per essere competitivi”, dice il CEO Stefano Venier

di Giovanni Iozzia

Pubblicato il 16 Dic 2022


Il CEO di Snam Stefano Venier intervistato da Mariangela Pira durante l'Innovation Day

“Non abbiamo il silver bullet per affrontare la transizione energetica. Tecnologia e innovazione, quindi, sono fondamentali per portare le soluzioni esistenti a essere competitive oggi, nel presente”. Il CEO di Snam Stefano Venier spiega così, in poche battute, perché non si può fare a meno dell’innovazione e lo fa proprio in occasione dell’Innovation Day organizzato in Cariplo Factory a Milano, dal gruppo leader in Europa nel trasporto e nello stoccaggio di gas naturale. E l’innovazione, ricorda Venier, si fa con un approccio “dual track”: guardando all’interno dell’azienda ma anche confrontandosi con l’ecosistema esterna per raccogliere gli stimoli utili per trovare soluzioni a cui non si è ancora pensato. Con obiettivo principale la sostenibilità, che ha caratterizzato anche l’evento, dal badge che si può seminare per far crescere una pianta al gadget hi-tech, ma in confezione di bambu. E non solo.

“Tutto l’Innovation Day è stato un evento “carbon neutral”, grazie al contributo di Renovit, piattaforma italiana avviata da Snam e CDP Equity per promuovere l’efficienza energetica, e Arbolia, società benefit creata da Snam e Fondazione Cassa Depositi e Prestiti per sviluppare nuove aree verdi in Italia”, spiega Cecilia Visibelli, Head Open Innovation Hub di Snam. “Snam calcolerà e compenserà le emissioni di gas climalteranti dell’intera iniziativa e delle attività ad essa connesse (ad es. spostamento degli ospiti, consumi energetici della sala, smaltimento di eventuali rifiuti, streaming evento). Per restituire una fotografia quanto più dettagliata dell’impatto climatico dell’evento; al momento della registrazione sono state richieste ai partecipanti alcune specifiche informazioni necessarie al calcolo”.

Snam Innovation Day, startup dentro e fuori l’azienda

L’Innovation Day è stato il momento in cui le due track si sono congiunte: le attività e i progetti sviluppati con startup e la conclusione della seconda edizione della Centrale delle idee, il programma di corporate entrepreneurship. Tra i tre finalisti è stata premiata l’idea di Co2Vault: la creazione di certificati di origine per CO2 biogenica da impianti biogas/biometano del gruppo Snam (le altre due sono ESG Profile, un sistema di scoring per fornitori che adottano politiche ESG, e Poseidon per la conservazione o ricostituzione della posidonia oceanica presso aree costiere italiane).

“Il focus di Snaminnova è l’innovazione sostenibile. In questo progetto abbiamo premiato il mix di innovazione, fattibilità e impatto”, spiega Claudio Farina, Evp Strategy, Innovation & Sustainability di Snam. “Per il team di dipendenti il rewarding sarà un percorso di immersione ah hoc nell’ ecosistema dell’innovazione di Barcellona”. “E nel corso del 2023 il progetto sarà portato avanti attraverso una serie di test per arrivare poi a un POC”, aggiunge Cecilia Visibelli.

Il CEO di Snam premia il team di Vault Co2, che ha vinto la seconda edizione della Centrale delle Idee

Snaminnova, il programma di open innovation con Cariplo Factory

“Tu ricevi, ma anche dai e così l’innovazione e più efficace: ecco la logica dell’innovation outside in e inside out”, ha ricordato in occasione dell’Innovation Day Snam l’insipirational speaker Alberto Luigi Sangiovanni-Vincentelli, docente di computer science a Berkeley University of California dal 1976, e figura di riferimento per numerose startup negli Usa e anche in Italia (è ad esempio presidente di Phononic Vibes).

Snaminnova è il programma lanciato nella primavera 2021 proprio per portare innovazione da fuori a dentro l’azienda ma anche per produrne all’interno e poi portarla fuori, a cominciare dalla filiera di partner e fornitori di un grande gruppo come Snam (quasi 3,3 miliardi di fattura nel 2021 con circa 3.400 dipendenti) per arrivare a quella che il professor Sangiovanni -Vincentelli definisce “impresa virtuale”.

“Il futuro non è più quello di una volta”, usa le parole di un graffito visto in Parco Sempione Enrico Noseda, Chief Innovation Advisor di Cariplo Factory, partner di Snaminnova, per sottolineare la necessità di un nuovo approccio a tecnologia e innovazione: “Comprare un software o una startup non è la soluzione. Un’azienda moderna, che vuole essere rilevante sul mercato, deve cominciare a cambiare la cultura interna”.

In Snaminnova forte è l’attenzione alla trasformazione culturale, al coinvolgimento delle persone e delle loro potenzialità imprenditoriale e innovative. “Snaminnova ha tre focus principali”, ricorda Claudio Farina. “La selezione delle idee innovative nate dalle persone Snam e accompagnate nella crescita attraverso un percorso strutturato, che è la “Centrale delle idee”; lo sviluppo di progetti con le startup selezionate nel corso di diverse call tematiche; la diffusione di una cultura dell’innovazione all’interno dell’azienda, attraverso la creazione di una community di Innovation Ambassador. Tra le iniziative di Snaminnova rientra anche “Hyaccelerator”, il programma di accelerazione su scala globale per startup focalizzato sull’idrogeno”. C’è tempo fino al 31 dicembre per partecipare alla prima call di questo programma di accelerazione.

Le startup che fanno innovazione con Snam

Nel corso dell’Innovation Day sono state presentate le sperimentazioni che Snam ha in corso con sei startup. Ecco quali sono:

Particular Materials

Particular Materials è un’azienda italiana, fondata nel 2017, che ha sviluppato una tecnologia basata sull’utilizzo di acqua supercritica per produrre nanomateriali o per recuperare metalli nobili da acque reflue. L’utilizzo di acqua supercritica, nel primo caso, sostituisce solventi organici e tossici, mentre, nel secondo caso, permette un processo di separazione diretta dei contaminanti, a differenza di metodi convenzionali basati su processi multi-stadio.

Il programma di sviluppo tecnologico, che intraprenderà in collaborazione con Snam, prevede lo sviluppo di un elettrolizzatore in grado di produrre idrogeno ad alta pressione. Questa soluzione, che esalta le conoscenze scientifiche, ingegneristiche e di mercato dei partner coinvolti, è altamente innovativa perché semplifica la catena del valore dell’idrogeno.

SkillGym

SkillGym è una piattaforma online di Digital Role Play”. Che cosa vuol dire? SkillGym è una palestra online che consente di allenare in maniera innovativa le proprie soft skills, nonché le competenze comportamentali e di relazione che contribuiscono a garantire un ambiente lavorativo più sano. Questa soluzione consente di simulare conversazioni critiche interagendo con personaggi interpretati da veri attori e guidati da un motore di Intelligenza Artificiale. L’obiettivo della collaborazione tra Snam e SkillGym è quello di allenare i comportamenti delle persone, secondo le linee guida del modello delle competenze aziendali. Grazie a SkillGym, Snam rende innovativa la formazione in termini di: contenuti, processo e tecniche di ingaggio.

Hypemeteo

Hypermeteo è una startup innovativa italiana fondata nel 2021 a Padova specializzata in dataset meteorologici storici, in near real-time e previsionali spazializzati, su scala mondiale, su griglie ad alta risoluzione. Ha inoltre esperienze verticali per quanto riguarda i servizi ad alto valore tecnologico nell’ambito della meteorologia e climatologia, sfruttando tecnologie come la rianalisi meteorologica, algoritmi di AI, e post-processing tramite tecniche di Machine Learning. L’aumento di frequenza e magnitudo degli eventi metereologici, rende necessaria l’ottimizzazione dei processi di ispezione degli asset aziendali. Per questa ragione Snam e la startup Hypermeteo hanno dato vita ad una collaborazione per lo sviluppo di una piattaforma/software di warning post-evento basato su dati in near real-time

D-Air Lab

D-Airlab, realtà innovativa italiana, ha realizzato WorkAir: un dispositivo di protezione basato sulla tecnologia airbag dedicato ai lavoratori. Può essere usato a qualsiasi altezza assieme all’imbrago e, se utilizzato ad altezze per le quali non è previsto l’imbrago, attiva l’airbag per cadute a partire da 1-2 metri. WorkAir si indossa come un normale gilet e si accende tramite la chiusura dei bottoni posti alla base del lato anteriore. La sperimentazione insieme a Snam prevede il testing della soluzione WorkAir durante le operazioni quotidiane dei lavoratori che lavorano in altezza

Rising Pixel

Rising Pixel è una startup specializzata in gamification, nata da un gruppo di quattro amici con il desiderio di “risolvere i problemi con i giochi”. Oggi Rising Pixel si occupa di sviluppare esperienze di gamification per le aziende e conta milioni di giocatori per settimana. La società ha anche sviluppato una tecnologia proprietaria “cloud console”, che permette di fruire esperienze di gioco condivise partendo da un QR Code. L’obiettivo della collaborazione con Snam è quello di trovare soluzioni con alto livello di engagement per le persone. Nel caso della prima sperimentazione, con “Space Crew” si è creata un’esperienza di gamification multigiocatore, consistente in una missione spaziale finalizzata a favorire il team building durante l’onboarding. È in corso la progettazione di una seconda sperimentazione per creare esperienza di gioco, dedicata alla manutenzione della rete Snam.

Maize (progetto VR)

Maize.sense è la soluzione realizzata da Maize per esperienze di realtà virtuale. Tramite un pc ed un visore è possibile immergersi in un ambiente virtuale che fedelmente riproduce la realtà, permettendo di interagire con gli elementi presenti. La sperimentazione con Snam ha riguardato la realizzazione di scenari virtuali a supporto della formazione per le attività di manutenzione in campo: gli addetti Snam possono, tramite i visori, immergersi all’interno di una riproduzione virtuale degli impianti aziendali e simulare svariate operatività, senza alcun rischio.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.