Open innovation: così Altroconsumo fa trasformazione culturale in azienda | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUP INTELLIGENCE

Open innovation: così Altroconsumo fa trasformazione culturale in azienda



L’organizzazione italiana di consumatori attiva da oltre 40 anni ha avviato dal 2014 diverse attività per trasformare la cultura aziendale: l’Innovation Week, con incontri tra aziende, startup ed esperti, Let’s go outside, un programma di visite a imprese innovative, e Ideascale, piattaforma interna per sviluppare idee

di Eliana Bentivegna

18 Gen 2019


Altroconsumo è la prima e più diffusa organizzazione italiana di consumatori attiva sul territorio da più di 40 anni. Dal 1973 infatti si occupa di informare e tutelare i consumatori attraverso cinque periodici, il sito e diverse guide. Offre anche diversi servizi di consulenza e di convezioni e promuove attraverso azioni di advocacy la difesa dei diritti dei consumatori. Con più di 370.000 soci in Italia, Altroconsumo è membro, a livello internazionale, dell’organizzazione europea di consumatori BEUC e di Consumers International che comprende 240 associazioni in 120 Paesi. È molto presente nel web e sui social. Infatti nel 2017, Altroconsumo ha contato 27,5 milioni di visite sul sito e oltre 9000 citazioni sui media italiani e internazionali.

L’esperienza di Altroconsumo mostra come la trasformazione culturale in azienda sia fondamentale per poter fare innovazione, attraverso l’implementazione di strumenti e pratiche che interagiscono tra loro in un circolo virtuoso.

A partire dal 2014, Altroconsumo ha avviato diverse attività volte alla trasformazione culturale in azienda. Dapprima sono state organizzate iniziative formative ed informative volte a stimolare il pensiero laterale, la propensione e l’apertura verso le sfide del mondo che cambia. Il passo successivo è rappresentato dall’organizzazione dell’Innovation Week che è ormai giunta alla sua terza edizione.

La prima edizione dell’Innovation Week, avvenuta nel giugno 2014 con il nome di Exploring Innovation, ha avuto un carattere fortemente formativo, proponendo grazie all’aiuto di esperti i concetti base dell’innovazione e del lean startup method. Inoltre i dipendenti sono stati coinvolti nei creativity workshop per generare idee innovative grazie a modalità ludiche. L’iniziativa è stata poi ripetuta nel novembre del 2016 con la seconda edizione: Collaborative Consumption. La settimana è stata dedicata all’incontro con aziende, startup e esperti per affrontare le tematiche relative alla sharing economy.

Da settembre a dicembre 2017 è stata avviata la terza edizione: Let’s go outside. «L’iniziativa ha previsto una serie di visite ad aziende e enti di ricerca operanti nel settore delle tecnologie innovative, specialmente Artificial Intelligence e robotica, e ha avuto l’impressionante 85% di tasso di partecipazione. Sono state inoltre organizzate diverse trasferte con l’obiettivo di far toccare con mano ai dipendenti la reale innovazione tecnologica, come le visite all’Istituto Italiano di Tecnologia a Genova e al Kilometro Rosso a Bergamo, la partecipazione al Singularity University Summit, incentrato sull’innovazione esponenziale, e la partecipazione a diversi workshop presso FutureLand e presso Ars et Inventio», ha spiegato Serena Borelli, IT Manager di Altroconsumo.

Parallelamente alle iniziative di trasformazione culturale, è stato sviluppato un processo per formalizzare l’approccio all’innovazione e rendere più produttiva la generazione di idee che sono raccolte grazie a una piattaforma, Ideascale. «Il processo si sviluppa su tre fasi: il primo step di Think è volto alla comprensione reale dell’idea, del suo perché e della capacità di spiegarlo agli altri. Il secondo step è invece quello di Shape, nel quale avviene la raccolta e l’analisi dei feedback dei consumatori per rimodellare l’idea su esigenze specifiche. L’ultima fase è quella di Try nella quale si testa il funzionamento dell’idea. Le idee raccolte sono state successivamente valutate e, per le idee scelte, sono stati lanciati 10 progetti che ad oggi sono in fase di pilota», ha aggiunto la manager.

Eliana Bentivegna
Osservatorio Startup Intelligence - Osservatorio Design Thinking for Business

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link