Mark Zuckerberg annuncia Meta: il video, la lettera ai founder, le innovazioni del mondo Metaverse - Economyup

PIATTAFORMA IMMERSIVA

Mark Zuckerberg annuncia Meta: il video, la lettera ai founder, le innovazioni del mondo Metaverse



Mark Zuckerberg annuncia il progetto metaverse e il rebranding dell’azienda, che si chiamerà Meta. Cos’è, come funzionerà, quali tecnologie saranno utilizzate, le opportunità di lavoro, le questioni privacy e sicurezza: tutto in un video e nella sua lettera ai founders di Facebook

di Luciana Maci

29 Ott 2021


Metaverse e Meta: la rivoluzione di Facebook

“Siamo all’inizio di un nuovo capitolo per Internet, ed è anche un nuovo capitolo per la nostra azienda”.  Così Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, ha annunciato il 28 ottobre 2021 il metaverse e la nascita di Meta. Potrebbe essere un nuovo capitolo anche per l’intera umanità.

Il metaverse sarà una “piattaforma immersiva, un Internet incarnato che consente di stare dentro l’esperienza invece di guardarla dall’esterno”. Come conseguenza del lancio della nuova iniziativa, il primo passo è stato cambiare il nome a Facebook, che ora si chiamerà Meta. L’operazione di rebranding punta ad evidenziare il crescente interesse del colosso statunitense nella realtà virtuale e aumentata, ma la sua struttura corporate, almeno per ora, rimarrà la stessa.

Certamente il progetto è affascinante e a tratti distopico: un futuro in cui si potrà andare al lavoro, incontrarsi e trascorrere il tempo libero utilizzando ologrammi che ci permetteranno di virtualizzare esperienze un tempo esclusivamente, o ancora parzialmente, fisiche. Di conseguenza Meta prevede l’utilizzo e l’implementazione di una serie di nuove tecnologie e quindi di nuove competenze digitali. “Il metaverso è la prossima frontiera nel connettere le persone, proprio come lo era il social networking quando abbiamo iniziato” afferma il CEO di Facebook.

IN QUESTO VIDEO MARK ZUCKERBERG SPIEGA COME FUNZIONA IL METAVERSE E COME SARANNO UTILIZZATE LE NUOVE TECNOLOGIE

Si dice che Mark, con questa mossa, abbia voluto distogliere l’attenzione dai recenti scandali che l’hanno travolto per mancato rispetto della privacy e per aver ricavato profitti da fake news e discorsi d’odio, ma il cammino verso il mondo reale-virtuale al quale punta Facebook era già nell’ordine delle cose. Da anni siamo attori (non sempre consapevoli) dell’onlife, il concetto teorizzato già 5 anni fa dal filosofo Luciano Floridi, crasi di online e offline, che ci porta a vivere in una costante contaminazione e mescolanza tra piano reale e piano virtuale. Il recente successo di termini come “phygital” o “ibrido” contribuisce a delineare i contorni del panorama che si va creando praticamente in tutti i settori delle attività umane.

Va anche detto che l’operazione Meta, così come è attualmente pensata dai vertici di Facebook, potrebbe anche non avere il successo sperato. Non sarebbe la prima volta: ricordiamo il fallimento di Libra, poi ribattezzata Diem, la valuta digitale di Facebook che non ha mai decollato.

Intanto, per capire meglio cosa vuole fare Zuckerberg, è utile leggere attentamente la sua lettera ai founder (di cui abbiamo fatto una nostra traduzione). Qui ci sono i concetti-chiave del metaverse.

LETTERA AI FOUNDERS 2021

“Siamo all’inizio del prossimo capitolo per Internet, ed è il prossimo capitolo anche per la nostra azienda” premette Zuckerberg, per poi ripercorrere in poche righe la storia degli ultimi decenni.
Dai siti, ai telefonini, ai video, fino all’Internet “incarnato”

“Negli ultimi decenni – prosegue il CEO di Facebook –  la tecnologia ha dato alle persone il potere di connettersi ed esprimersi in modo più naturale. Quando ho iniziato Facebook, per lo più digitavamo testi sui siti web. Quando abbiamo avuto telefoni con fotocamere, Internet è diventato più visivo e mobile. Man mano che le connessioni diventavano più veloci, il video diventava un modo più ricco per condividere esperienze. Siamo passati dal desktop al web al mobile; dal testo alle foto ai video. Ma questo non è il punto finale.

La prossima piattaforma sarà ancora più coinvolgente: un Internet incarnato in cui sei nell’esperienza, non solo guardandola dall’esterno. Lo chiamiamo il metaverso e toccherà ogni prodotto che costruiamo.

La qualità che definisce il metaverso sarà una sensazione di presenza – come se tu sia proprio lì con un’altra persona o in un altro luogo. Sentirsi veramente presenti con un’altra persona è il sogno definitivo della tecnologia sociale. Questo è il motivo per cui ci concentriamo sulla costruzione di questo”.

Cosa si potrà fare nel metaverso: lavorare, giocare, usare il teletrasporto

“Nel metaverso, sarai in grado di fare quasi tutto ciò che puoi immaginare – riunirti con amici e familiari, lavorare, imparare, giocare, fare acquisti, creare – così come esperienze completamente nuove che non si adattano a come pensiamo ai computer o ai telefoni oggi. Abbiamo girato un film che esplora come si potrebbe usare il metaverso un giorno.

In questo futuro, sarai in grado di teletrasportarti istantaneamente come un ologramma per essere in ufficio senza dover prendere un treno-pendolari, a un concerto con gli amici o nel salotto dei tuoi genitori. Questo aprirà più opportunità, indipendentemente da dove vivi. Sarai in grado di dedicare più tempo a ciò che conta per te, ridurre il tempo nel traffico e ridurre il tuo impatto in termini di emissioni di C02.

Pensa a quante cose fisiche hai oggi che potrebbero essere solo ologrammi in futuro. La tua TV, la tua configurazione di lavoro con più monitor, i tuoi giochi da tavolo e altro ancora: invece di cose fisiche assemblate nelle fabbriche, saranno ologrammi progettati da creatori di tutto il mondo”.

I dispositivi da usare: occhiali AR, telefonini e pc

“Ti sposterai attraverso queste esperienze su diversi dispositivi: occhiali per la realtà aumentata per rimanere presente nel mondo fisico, realtà virtuale per essere completamente immerso e telefoni e computer per saltare dalle piattaforme esistenti. Non si tratta di passare più tempo sugli schermi; si tratta di rendere migliore il tempo che già trascorriamo”.

Meta: il ruolo degli sviluppatori

“Il metaverso non sarà creato da una società. Sarà costruito da creatori e sviluppatori che creeranno nuove esperienze e oggetti digitali che sono interoperabili. Si sbloccherà in questo modo un’economia creativa enormemente più grande di quella vincolata dalle piattaforme odierne e dalle loro politiche.

Il nostro ruolo in questo viaggio è quello di accelerare lo sviluppo delle tecnologie fondamentali, delle piattaforme social e degli strumenti creativi per dare vita al metaverso e di tessere queste tecnologie attraverso le nostre app di social media. Crediamo che il metaverso possa consentire esperienze sociali migliori di qualsiasi cosa esista oggi e dedicheremo le nostre energie per aiutare a raggiungere il suo potenziale.

Come ho scritto nella lettera originale: “Non costruiamo servizi per fare soldi; facciamo soldi per costruire servizi migliori”.

Questo approccio ci è servito. Abbiamo costruito la nostra attività per supportare investimenti molto grandi e a lungo termine per costruire servizi migliori, ed è quello che abbiamo intenzione di fare qui.

Gli ultimi cinque anni sono stati umilianti per me e la nostra azienda in molti modi. Una delle lezioni principali che ho imparato è che costruire prodotti che le persone amano non è abbastanza.

Ho guadagnato più apprezzamento per il fatto che la storia di Internet non è semplice. Ogni capitolo porta nuove voci e nuove idee, ma anche nuove sfide, rischi e rottura di interessi consolidati. Dovremo lavorare insieme, fin dall’inizio, per dare vita alla migliore versione possibile di questo futuro”.

Metaverse: come saranno tutelate privacy e sicurezza?

“La privacy e la sicurezza devono essere integrate nel metaverso fin dal primo giorno. Così come gli standard aperti e l’interoperabilità. Ciò richiederà non solo un nuovo lavoro tecnico – come il supporto di progetti crittografici e NFT nella comunità – ma anche nuove forme di governance. Soprattutto, dobbiamo aiutare a costruire ecosistemi in modo che più persone abbiano un interesse nel futuro e possano beneficiare non solo come consumatori ma come creatori.

Questo periodo è stato anche umiliante perché per quanto grande sia un’azienda come noi, abbiamo anche imparato cosa vuol dire costruire su altre piattaforme. Vivere sotto le loro regole ha profondamente plasmato le mie opinioni sull’industria tecnologica. Sono arrivato a credere che la mancanza di scelta per i consumatori e le commissioni elevate per gli sviluppatori stiano soffocando l’innovazione e frenando l’economia di Internet”.

Servizi accessibili

“Abbiamo cercato di adottare un approccio diverso. Vogliamo che i nostri servizi siano accessibili al maggior numero possibile di persone, il che significa lavorare per farli costare meno, non di più. Le nostre app mobili sono gratuite. Il nostro modello di annunci è progettato per fornire alle aziende i prezzi più bassi. I nostri strumenti commerciali sono disponibili al costo o con tariffe modeste. Di conseguenza, miliardi di persone amano i nostri servizi e centinaia di milioni di aziende si affidano ai nostri strumenti.

Questo è l’approccio che vogliamo portare per aiutare a costruire il metaverso. Abbiamo in programma di vendere i nostri dispositivi a costo o sovvenzionati per renderli disponibili a più persone. Continueremo a supportare il side-loading e lo streaming da PC in modo che le persone abbiano scelta, piuttosto che costringerle a utilizzare il Quest Store per trovare app o raggiungere i clienti. E mireremo a offrire servizi di sviluppo e creatore con commissioni basse nel maggior numero possibile di casi in modo da poter massimizzare l’economia creativa complessiva. Dovremo assicurarci di non perdere troppi soldi lungo la strada.

La nostra speranza è che entro il prossimo decennio, il metaverso raggiunga un miliardo di persone, ospiti centinaia di miliardi di dollari di commercio digitale e sostenga posti di lavoro per milioni di creatori e sviluppatori”.

Perché una nuova società di nome Meta

“Mentre ci imbarchiamo in questo prossimo capitolo, ho pensato molto a cosa significhi per la nostra azienda e la nostra identità.

Siamo un’azienda che si concentra sulla connessione delle persone. Mentre la maggior parte delle aziende tecnologiche si concentra su come le persone interagiscono con la tecnologia, ci siamo sempre concentrati sulla costruzione di tecnologie in modo che le persone possano interagire tra loro.

Oggi siamo visti come una società di social media. Facebook è uno dei prodotti tecnologici più utilizzati nella storia del mondo. È un marchio iconico dei social media.

Costruire app social sarà sempre importante per noi e c’è molto di più da costruire. Ma sempre più spesso, non è tutto ciò che facciamo. Nel nostro DNA, costruiamo la tecnologia per unire le persone. Il metaverso è la prossima frontiera nel connettere le persone, proprio come lo era il social networking quando abbiamo iniziato.

In questo momento il nostro marchio è così strettamente legato a un prodotto che non può rappresentare tutto ciò che stiamo facendo oggi, figuriamoci in futuro. Nel corso del tempo, spero che siamo visti come “un’azienda metaverse” e voglio ancorare il nostro lavoro e la nostra identità a quello che stiamo costruendo.

Abbiamo appena annunciato che stiamo apportando un cambiamento fondamentale alla nostra azienda. Ora stiamo esaminando e riportando la nostra attività come due segmenti diversi: uno per la nostra famiglia di app e uno per il nostro lavoro sulle piattaforme future. Il nostro lavoro sul metaverso non è solo uno di questi segmenti. Il metaverso comprende sia le esperienze sociali che la tecnologia futura. Man mano che ampliamo la nostra visione, è tempo per noi di adottare un nuovo marchio.

Per riflettere chi siamo e il futuro che speriamo di costruire, sono orgoglioso di condividere con voi che la nostra azienda è ora Meta.

La nostra missione rimane la stessa: si tratta ancora di riunire le persone. Anche le nostre app e i loro marchi non stanno cambiando. Siamo ancora l’azienda che progetta la tecnologia intorno alle persone.

Ma tutti i nostri prodotti, comprese le nostre app, ora condividono una nuova visione: contribuire a dare vita al metaverso. E ora abbiamo un nome che riflette l’ampiezza di ciò che facciamo.

D’ora in poi, saremo metaverse-first, non Facebook-first. Ciò significa che nel tempo non avrai bisogno di un account Facebook per utilizzare i nostri altri servizi. Mentre il nostro nuovo marchio inizia a comparire nei nostri prodotti, spero che le persone di tutto il mondo conoscano il marchio Meta e il futuro che rappresentiamo”.

Da dove deriva il nome Meta

Ho studiato materie classiche: la parola “meta” deriva dalla parola greca che significa “oltre”. Per me significa che c’è sempre di più da costruire e c’è sempre un capitolo successivo della storia. La nostra è una storia che è iniziata nel dormitorio di uno studentato ed è cresciuta oltre qualsiasi cosa immaginassimo. E’ diventata una famiglia di app che le persone usano per connettersi tra loro, per trovare la loro voce e per avviare attività, comunità e movimenti che hanno cambiato il mondo.

Sono orgoglioso di ciò che abbiamo costruito finora, e sono entusiasta di ciò che verrà dopo, mentre andiamo oltre ciò che è possibile oggi, oltre i vincoli degli schermi, oltre i limiti della distanza e della fisica, e un futuro verso cui tutti possono essere presenti l’uno con l’altro, creare nuove opportunità e sperimentare cose nuove. È un futuro che è al di là di ogni azienda e che sarà fatto da tutti noi.

Abbiamo costruito cose che hanno unito le persone in modi nuovi. Abbiamo imparato lottando con difficili problemi sociali e vivendo sotto piattaforme chiuse. Ora è il momento di prendere tutto ciò che abbiamo imparato e aiutare a costruire il prossimo capitolo.

Sto dedicando le nostre energie a questo, più di qualsiasi altra azienda al mondo. Se questo è il futuro che vuoi vedere, spero che ti unirai a noi. Il futuro sarà al di là di tutto ciò che possiamo immaginare”.

Luciana Maci

Giornalista professionista dal 1999, scrivo di innovazione, economia digitale, digital transformation e di come sta cambiando il mondo con le nuove tecnologie. Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in…