GoBeyond 2020: vince COP-ChiOdiaPaga, la startup contro il cyberbullismo - Economyup

STARTUP PER LA RIPARTENZA

GoBeyond 2020: vince COP-ChiOdiaPaga, la startup contro il cyberbullismo



La legaltech Chi Odia Paga è il vincitore assoluto di GoBeyond 2020, quarta edizione della call promossa da Sisal in collaborazione con CVC Capital Partners. Voicemed e Sabreen, entrambi legati al settore medico-diagnostico, i vincitori di categoria

27 Nov 2020


Giovanni Emilio Maggi, Chief Institutional Affairs and Communication Officer di Sisal, premia Francesco Inguscio, founder di COP

GoBeyond 2020, ecco i vincitori. Sono stati annunciati in occasione dell’evento “Innovatori 2021” promosso al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano. Vincitore assoluto della call for Ideas promossa da Sisal in collaborazione con CVC Capital Partners.  vincitore assoluto è COP – ChiOdiaPaga, mentre si aggiudicono i premi di categoria VoiceMed Sabreen.

COP, la prima startup Legal Tech italiana pensata per fornire agli utenti della rete tutti gli strumenti tecnici e legali per contrastare gli hater, ha superato ogni selezione fino ad arrivare alla vittoria finale distinguendosi tra le 160 idee raccolte nei quattro mesi di contest, grazie alla sua capacità di combattere concretamente una delle problematiche sociali del nostro tempo: l’odio in rete. Dopo essere stato selezionato tra i vincitori della call Open-F@b Call4Ideas 2o2o, la startup contro il cyberbullismo fondata da Francesco Inguscio si aggiudica così anche il primo premio di GoBeyond e i 50 mila euro in palio.

L’attenzione alla salute che caratterizza questo momento storico ha senz’altro influito sulla scelta dei due vincitori di categoria, entrambi legati al settore medico-diagnostico. VoiceMed, l’app che identifica possibili malattie tra cui il Covid-19 tramite l’analisi della voce, si aggiudica la categoria Business Resiliente, mentre Sabreen la startup che ha creato una sonda capace di effettuare uno screening ecografico al seno via smartphone, si è imposta nella categoria Servizi per la Collettività; alle due startup saranno destinati 30 mila euro ciascuno oltre ad un percorso di advisory dedicato scelto dai vincitori e sostenuto dal network di importanti Partner di GoBeyond.

GoBeyond 2020, chi sono i vincitori

COP – Chi Odia Paga, vincitore assoluto

Chi Odia Paga è la prima startup legaltech italiana a fornire agli utenti della Rete tutti gli strumenti tecnici e legali per difendersi in modo semplice, veloce e sicuro dall’odio online. Si pone l’obiettivo di diventare, dal punto di vista legale, il punto di riferimento per tutti coloro che sono perseguitati da hater online e che necessitano di protezione. La piattaforma non si rivolge solo alle vittime dell’online, ma anche alle 1.400+ associazioni che in Italia si occupano di prevenzione, educazione e sensibilizzazione su queste tematiche (B2A), co-finanziandone i progetti grazie a matching-grant, sostenuti dai corporate (B2B) e che così facendo consentono a COP di erogare in modo (parzialmente) gratuito i servizi di difesa legale. All’interno della piattaforma sono coinvolti anche avvocati e PA (in particolar modo le Forze dell’Ordine).

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

VoiceMed, vincitore per la categoria Business Resiliente

Voicemed è un’app che aiuta ad identificare possibili malattie tramite l’analisi della voce. In questo modo, ogni persona, comodamente da casa, può conoscere il proprio stato di salute. L’obiettivo principale di VoiceMed è quello di semplificare l’accesso al sistema sanitario, offrendo un tool preventivo di screening rapido e accurato. I destinatari di quest’app sono le imprese che hanno la necessità di monitorare in modo rapido la salute dei propri dipendenti e la Telemedicina che, tramite questo strumento, può effettuare screening sui pazienti a distanza.

Sabreen, per la categoria Servizi per la Collettività

Sabreen è il sistema consente a donne di età inferiore ai 40 anni di effettuare uno screening ecografico al seno, in autonomia, utilizzando una sonda reingegnerizzata, connessa ad uno smartphone. Il tutto è integrato con un sistema di intelligenza artificiale che costruisce un modello 3D della struttura interna del seno e rileva la presenza di masse sospette, segnalandole ad un centro di senologia. Uno specialista, a quel punto, potrà visionare il materiale, validarlo e convocare la paziente per una visita. Il pieno rispetto della privacy è assolutamente garantito, infatti non si potrà risalire al nome della paziente fino a quando non si presenterà in studio.

GoBeyond 2020, un portale rinnovato e un ContentHub

GoBeyond2020, seppur in continuità con le edizioni precedenti, ha compiuto un ulteriore passo in avanti rispetto al passato superando il classico processo di selezione di idee di valore per arrivare ad essere una piattaforma digitale dedicata interamente all’innovazione e alle idee che favoriscono il progresso. Unitamente al portale GoBeyond, rinnovato nella grafica e nelle funzionalità, è stato messo a punto un Content Hub pensato per fornire insight interessanti sul mondo delle startup, sulla resilienza d’impresa e sulla responsabilità sociale che ha già fatto registrare, dal 6 luglio ad oggi, oltre 250 mila interazioni.