GoBeyond 2019: la finale il 9 dicembre, ecco i 6 finalisti della call di SisalPay | Economyup

OPEN INNOVATION

GoBeyond 2019: la finale il 9 dicembre, ecco i 6 finalisti della call di SisalPay



Dalla protesi bionica adattiva alla piattaforma per la gig economy: ecco i finalisti di GoBeyond 2019, call per idee utili alle persone e al sociale. La premiazione il 9 dicembre a Milano alla presenza del Ministro per l’Innovazione Paola Pisano. L’agenda dell’evento

06 Dic 2019


Sono sei i finalisti di GoBeyond 2019, la call for ideas di SisalPay promossa insieme a CVC Capital Partners, che ha l’obiettivo di incoraggiare l’innovazione e il talento, facilitando la trasformazione di un’idea in una realtà imprenditoriale. Le sei idee arrivate in finale hanno saputo distinguersi per utilità sociale, prospettive di sviluppo, internazionalizzazione e fattibilità. Vediamo chi sono e che cosa propongono.

GoBeyond 2019, torna la call di SisalPay per idee utili alle persone e al sociale

GoBeyond 2019, servizi innovativi per la persona: i finalisti

Adams’hand. La prima protesi bionica al mondo completamente adattiva, brevettata in Italia e in fase di brevetto in Europa, USA, Cina e India. L’aspetto innovativo e distintivo rispetto agli altri competitor di Adam’s Hand è rappresentato dal controllo estremamente semplice e intuitivo del dispositivo; infatti, l’utente può interagire con la protesi semplicemente contraendo i muscoli flessori (mano chiusa) o estensori (mano aperta) dell’avambraccio.

Crypto. La mission del progetto è quella di rendere il mondo delle criptovalute accessibile a tutti. Il primo passo verso il raggiungimento di questo obiettivo è stato il lancio di Stepdrop, l’app nata per avvicinare nuovi utenti a questo mondo attraverso un percorso di “gamification of learning”. Il secondo step prevede il lancio di una piattaforma di trading, chiamata Young Platform, per comprare e vendere criptovalute con commissioni più basse rispetto ai competitor garantendo accesso diretto da carta di credito o conto bancario. Young Platform è progettata per la prossima generazione di investitori e rappresenta una novità assoluta per lo scambio di criptovalute. È sicura, veloce e facile da usare.

 

Jobobo. La piattaforma Jobobo soddisfa un’esigenza del mercato del lavoro, quella della Gig Economy e del lavoro occasionale. Nel mondo degli eventi la necessità di poter assumere personale per brevi lassi di tempo è all’ordine del giorno. Jobobo intende sviluppare una piattaforma innovativa che renderà possibile con pochi semplici click la realizzazione di una perfetta integrazione lavorativa, creando una sinergia tra datori di lavoro e giovani desiderosi di interfacciarsi a prospettive di questo genere. Attraverso attestati e colloqui, il personale Jobobo rende la prestazione certificata e garantita, vera e propria lettera di raccomandazione per centinaia di datori di lavoro. Sulla piattaforma il lavoratore potrà dunque a sua discrezione inserire le skills in modo da poter soddisfare le esigenze dei datori di lavoro, anche rispetto a prestazioni occasionali. Il software sviluppato consente una sicura proposta⁄ accettazione e conclusione del contratto di lavoro semplificando la ricezione del pagamento e poter tener d’occhio tutto lo storico dei lavori.

 

GoBeyond 2019, Innovazione per il sociale: i finalisti

Busrapido. Prenotare un pullman oggi è un processo ancora difficoltoso: le aziende di autobus non mostrano i loro prezzi online e spesso non puoi vedere quale veicolo hai prenotato fino al giorno stesso della partenza. Da questa esigenza nasce Busrapido una piattaforma dove gli utenti possono vedere all’instante i prezzi, le foto e le recensioni di tutte le migliori aziende di trasporto, scegliendo il pullman migliore per il proprio viaggio. Il progetto si rivolge a tutte le aziende, scuole, associazioni, agenzie di viaggio, parrocchie, club sportivi che hanno la necessità di organizzare viaggi di gruppo.

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Corax. Una realtà imprenditoriale che sviluppa dispositivi biomedici appropriati a contesti poveri di risorse. In particolare, Corax Lifebox è un dispositivo per prevenire le infezioni nei bambini ustionati. Ogni giorno, nei paesi a basso-medio reddito, si registrano oltre 20.000 bambini con meno di 5 anni affetti da ustioni e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) l’ha definita una “crisi sanitaria silenziosa”. I problemi in questi contesti sono molteplici: trasporto, infrastrutture, antibiotici, bendaggi e personale. Corax Lifebox risolve queste problematiche creando un microambiente asettico e termoregolato, permettendo il trattamento aperto e riducendo il rischio di setticemia, dolore e costi del trattamento.

Nando. Un progetto che attraverso l’utilizzo dell’AI (Artificial Intelligence) ha ideato un cestino smart che sia in grado di riconoscere, smistare e compattare tutti i rifiuti che vengono contemporaneamente inseriti al suo interno. Il tutto grazie a tecniche di machine learning e image recognition. Il loro obiettivo poi, è quello di vendere i rifiuti differenziati a realtà che si occupano di trash recycling.

Come sono stati selezionati i finalisti

La Giuria ha esaminato e valutato ciascun aspetto dei progetti presentati, assegnando un punteggio per ciascuno dei parametri individuati: innovazione, utilità, fattibilità e scalabilità. La Commissione si è riunita per condividere il giudizio su ciascun progetto e assegnare un punteggio collegiale.

I vincitori il 9 dicembre. L’agenda dell’evento

I vincitori verranno proclamati durante la cerimonia di premiazione che si terrà a Milano il prossimo lunedì 9 dicembre presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, alla presenza del Ministro per l’Innovazione tecnologica e digitalizzazione Paola Pisano.

Un evento che rappresenta, infatti, anche un momento di confronto concreto tra i protagonisti dell’ecosistema dell’innovazione e delle start up in Italia, per discutere ed individuare spunti e proposte concrete su come dare energia e finanziare il futuro in Italia, i lavori che verranno e il cambio di passo necessario per vincere le sfide che attendono il Paese. Protagonisti dell’evento anche i partner d’eccellenza della terza edizione della call: Agi, Brunswick, frog design, Google, Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, Roland Berger, K&L Gates e Talent Garden.

Ecco l’agenda dell’evento

18.00 Accredito

18.15 Introduzione | Anna Marino

18.20 Saluti | Massimiliano Tarantino, Segretario Generale della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

18.25 Speech | Presidente della Giuria Massimo Sideri

18.30 Intervista | Paola Pisano, Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione

18.50 Tavola rotonda

·       Daniele Chieffi – Portavoce del Direttore comunicazione e PR – Dipartimento per l’Innovazione e la digitalizzazione della Presidenza del Consiglio e membro della giuria di GoBeyond

·       Giorgio de Palma – Senior Managing Director di CVC Capital Partners e membro della Giuria GoBeyond

·       Carlo Garuccio – Head of Strategy di Sisal Group e membro della Giuria GoBeyond

·       Umberto Poschi – Head of Data Science e Business Insight di Google e membro della giuria di GoBeyond

19.20 Premiazioni

Premia Marco Planzi, Senior Advisor presso l’Osservatori Digital Innovation – Politecnico di Milano | menzione per le idee che provengono dalle università

Premiano Natasha Aleksandrov, Associate di Brunswick Group e Chiara Diana, Executive Creative Director in frog | menzione per le idee con migliore comunicazione/video

19.45 Premiazione dei due vincitori, da parte di:

Giorgio De Palma per consegna Premio per persona
Francesco Maldari – Responsabile SisalPay per consegna Premio per innovazione sociale
20.00 Cocktail

GoBeyond 2019, 20mila euro e formazione ai vincitori

eventi digitali
Quale sia la tua esigenza di evento, noi l’abbiamo realizzata! Per il 2021 affidati a Digital360
Digital Transformation
Marketing

SisalPay, insieme a CVC Capital Partners, garantirà un finanziamento all’idea vincente per ciascuna categoria – per la persona e per il sociale – attraverso un grant di 20 mila euro, seguito poi da un supporto di advisory, mentorship, formazione e accelerazione insieme ad uno dei partner.