Ecco perché Enel è un'azienda "startup star", tra le top 12 al mondo | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Ecco perché Enel è un’azienda “startup star”, tra le top 12 al mondo

04 Dic 2018

La multinazionale italiana dell’energia è stata inserita da SEP, iniziativa della Commissione europea, tra le corporate più aperte a contribuiti di partner esterni, startup e università. Assegnato anche il premio speciale “Corporate Startup Procurement” per il rapporto con le nuove realtà imprenditoriali

Enel si conferma leader nel settore dell’innovazione. Il Gruppo è stato inserito nella “Top 12 Corporate Startup Stars”, la lista che premia le aziende più attive a livello mondiale nel campo dell’open innovation, il paradigma teorizzato dall’economista americano Henry Chesbrough in base al quale le aziende possono e devono ricercare innovazione al proprio esterno attraverso i partner, le startup innovative, le università, i ricercatori, i fornitori o anche altre aziende. Il Gruppo elettrico ha inoltre ricevuto il riconoscimento speciale “Corporate Startup Procurement” per l’impegno continuo nel creare rapporti di valore con le più promettenti realtà del settore. La cerimonia di assegnazione dei SEP Europe’s Corporate Startup Stars Award 2018 si è svolta a Bruxelles e per Enel, ha ritirato i riconoscimenti Ernesto Ciorra, Direttore Innovability del Gruppo. Enel,  multinazionale dell’energia e uno dei principali operatori integrati globali nei settori dell’elettricità e del gas presente in 6 continenti, aveva già vinto l’anno scorso l’Industry Awards 2017 assegnato a fine dicembre dal Garwood Center in California ai campioni mondiali dell’innovazione. A consegnare il premio a Ciorra era stato proprio Henry Chesbrough.

ENEL: L’OPEN INNOVATION CON STARTUP E UNIVERSITÀ

“Siamo orgogliosi di aver costruito con tanto impegno un ecosistema di innovazione sostenibile, che curiamo con passione e che cerchiamo costantemente di far crescere e di alimentare con nuove sfide. Solo così la nostra Open Innovability può dare i suoi frutti”  ha dichiarato Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel. “Le startup sono parte fondamentale di questo ecosistema, perché ci permettono di essere i primi in diverse nuove tecnologie e opportunità di business, mentre noi le aiutiamo a crescere e a entrare in contatto con il mercato di capitali, come quello dei VC. Siamo inoltre partner strategici di 12 tra le migliori università del mondo, tra cui MIT, Berkeley, PoliMI e PoliTo, con le quali cerchiamo di alimentare un dialogo costante e multidisciplinare sulle sfide energetiche per creare un modello di business sostenibile”.

In questi ultimi anni Enel ha analizzato circa 4mila startup ad alto potenziale tecnologico e ha investito risorse e tempo nella collaborazione con circa 180 di queste. Tra le realtà individuate sono 50 quelle “scalate” nei business globali del Gruppo. Inoltre, grazie alla community di 400mila solvers, sono state raccolte tramite la piattaforma di crowdsourcing openinnovability.com oltre 1300 soluzioni provenienti da 70 Paesi, in risposta a 40 sfide pubblicate. Grazie al lavoro sinergico tra Innovability e Procurement e alla nuova modalità di collaborazione con i fornitori, Enel sta trasformando tutte le innovazioni in progetti di sviluppo sostenibile e crescita industriale.

L’open innovation di Enel: contattare realtà esterne e lavorare sull’innovazione interna

CHE COSA SONO I PREMI CORPORATE STARTUP STARS

I premi Corporate Startup Stars, giunti alla terza edizione, sono nati grazie all’impegno di Mind the Bridge, leader globale nei servizi di consulenza per l’innovazione e della fondazione Nesta, nel quadro dell’iniziativa Startup Europe Partnership (SEP) promossa dalla Commissione europea. Il processo di selezione delle aziende è stato effettuato attraverso una call pubblica indetta dall’organizzazione dell’evento che ha chiamato a esprimere la propria preferenza le più importanti startup europee. Le società scelte sulla base di questa prima votazione sono state invitate a fornire informazioni dettagliate sulle proprie attività in tema di innovazione e i relativi risultati raggiunti. A seguito di un’attenta valutazione delle presentazioni recepite, la giuria formata da esperti del settore ha assegnato i premi a 36 aziende di cui 12 inserite nella categoria Corporate Startup Stars, e le restanti 24 in quella Open Innovation Challengers.

La Startup Europe Partnership (SEP), istituita dalla Commissione europea nel gennaio 2014 al World Economic Forum di Davos, è la prima piattaforma paneuropea di open innovation specializzata nella trasformazione di startup europee in scaleup. Partecipando al programma SEP, le più importanti multinazionali hanno la possibilità di entrare in contatto con le migliori startup avviando partnership commerciali e investimenti aziendali.

Articoli correlati