Donne e scienza, ecco 12 campionesse di innovazione in Ucraina - Economyup

8 MARZO

Donne e scienza, ecco 12 campionesse di innovazione in Ucraina



Il Paese, oltre che teatro di guerra, è una nazione giovane (età media 40 anni) e ricca di potenziali energie. Tra gli innovatori in campo scientifico ci sono state in passato, e ci sono tuttora, alcune donne. Eccone una lista

08 Mar 2022


Nina Virchenko, una delle più famose matematiche ucraine

Quest’anno la Festa della Donna purtroppo cade in concomitanza con l’invasione russa da parte dell’Ucraina. Il Paese, oltre che teatro di guerra, è anche una nazione giovane sia dal punto di vista politico (è uno Stato indipendente dal 1991) sia da quello demografico (l’età media è 40,3 anni), perciò ricca di energie e attratta dall’innovazione. Il conflitto ha purtroppo fermato tutte le attività, comprese quelle degli innovatori ucraini e delle startup. Tuttavia un giovanissimo ministro della Trasformazione digitale, Mykhailo Fedorov, sta portando avanti le istanze dell’innovazione tecnologica dopo aver lanciato la sua “guerra dell’IT” e chiesto aiuto alle Big Tech mondiali, ricevendo l’immediato sostegno di Elon Musk e di diversi altri.

In questo contesto si stanno facendo strada anche le donne. Donne che, nonostante l’Ucraina non sia un Paese ricco (nel 2020 ha registrato una diminuzione del PIL del 4%, un dato purtroppo destinato a peggiorare drammaticamente a causa della guerra), hanno coltivato la formazione e le STEM (Science, Technology, Engineering, Math), ovvero le competenze scientifiche e tecnologiche.

La testata ucraina Rubryka ha stilato la lista di 11 donne ucraine, del passato e del presente (noi ne abbiamo aggiunta una 12esima), che con le loro idee innovative hanno cambiato o stavano cercando di cambiare il Paese prima che il conflitto bellico ne interrompesse tragicamente il lavoro.

Nataliia Polonska-Vasylenko

Nataliia Polonska-Vasylenko (1884-1973) ha studiato la storia e l’archeologia dell’Ucraina, sia nel suo paese che più tardi in esilio in Germania e nella Repubblica Ceca. E’ diventata una dei principali rappresentanti della scuola statale nella storiografia ucraina, promuovendo l’idea di indipendenza e continuità del processo storico ucraino. Nataliia Polonska-Vasylenko è l’autrice di quasi 200 lavori scientifici sulla storia della Zaporizhzhia e dell’Ucraina meridionale, rilevanti fino ad oggi. Ha lasciato l’Ucraina nel 1945.

Valentyna Radzymovska

Valentyna Radzymovska (1886-1953) è stata professoressa, dottoressa in scienze mediche e fisiologiche, fondatrice della scuola ucraina di fisiologi e biochimici, oltre che un personaggio pubblico. Ha subito la persecuzione delle autorità sovietiche per le sue attività politiche e la sua partecipazione all’Unione per la liberazione dell’Ucraina negli anni ’30. Ciononostante, Radzymovska è comunque diventata l’autrice di più di 60 opere di biochimica, fisiopatologia, pediatria, psiconeurologia, fisiologia e fisiologia. Ha lasciato l’Ucraina nel 1945, emigrando prima in Germania e poi negli Stati Uniti. Radzymovska ha contribuito enormemente allo studio della tubercolosi e del suo trattamento nei bambini.

Nina Morozhenko

Astronoma ucraina, eliofisica, dottoressa in scienze fisiche e matematiche, autrice di 56 opere scientifiche, Nina Morozhenko ha dedicato tutta la sua vita allo studio della struttura del sole e dei processi a esso legati. I lavori scientifici di Nina Morozhenko sulle prominenze solari sono stati i primi al mondo e hanno dato origine alla ricerca scientifica di eliofisici di molti paesi.

Nataliia Vynohrad

Epidemiologa, professoressa, dottoressa in scienze mediche, Nataliia Vynohrad dirige il dipartimento di epidemiologia dell’Università Medica Nazionale di Lviv. È un’esperta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nella risposta alle minacce epidemiche e del Ministero della Salute dell’Ucraina sull’epidemiologia, oltre che una consulente del Ministero delle Emergenze dell’Ucraina sulla protezione antiepidemica e la biosicurezza. Una volta era una ragazza comune da un villaggio della regione di Khmelnytskyi, ora è autrice di 305 articoli scientifici, e 8 certificati di copyright per invenzioni e brevetti dell’Ucraina

Nina Virchenko

Professoressa del dipartimento di analisi matematica e teoria della probabilità, dottoressa in fisica e scienze matematiche, Nina Virchenko è una dei più famosi matematici ucraini. È autrice di più di 500 lavori scientifici e metodologici, compresi 20 libri pubblicati in ucraino, russo, inglese e giapponese. Virchenko è riconosciuta non solo in Ucraina ma anche all’estero; fa parte delle società matematiche australiana, americana, belga, di Edimburgo, di Londra. A 18 anni, nel 1948, fu condannata a 10 anni nei campi Gulag per aver preparato una “cospirazione politica, rivolta” e aver partecipato alla “banda ucraino-nazionalista”.

Ella Libanova

Esperta di socioeconomia, demografia ed economia del lavoro, accademica dell’Accademia Nazionale delle Scienze dell’Ucraina, dottoressa in economia, professoressa, economista ucraina. Ella Libanova è un accademica-segretaria del dipartimento di economia dell’Accademia Nazionale delle Scienze di Ucraina e, tra l’altro, il primo e unico membro femminile del presidio dell’Accademia Nazionale delle Scienze per 102 anni della sua attività. Insegna statistica sociale alla facoltà di economia dell’Università Nazionale Taras Shevchenko di Kiev. Libanova ha introdotto un metodo per misurare lo sviluppo umano a livello regionale, utilizzato dal Servizio Statistico Statale dell’Ucraina per i calcoli annuali.

Nana Voitenko

Professoressa, dottoressa in scienze biologiche, neurobiologa, capa del dipartimento di segnalazione sensoriale dell’Istituto Bohomolets di fisiologia dei NAS dell’Ucraina. Nana Voitenko fa ricerca sul dolore da più di 20 anni, in particolare su come si presenta e si diffonde nel sistema nervoso centrale e periferico dell’uomo. In laboratorio, Voitenko e i suoi colleghi sono riusciti a sviluppare un trattamento sperimentale che colpisce solo le cellule coinvolte nelle sindromi del dolore. Inoltre, Nana Voitenko è una conferenziera all’iniziativa “Days of Science”, è stata una conferenziera al TED-x Kyiv nel 2013, e l’organizzatrice della “Settimana della conoscenza sul cervello”.

Olha Brovarets

Biofisica ucraina, dottoressa in fisica e scienze matematiche, vincitrice dello Scopus Awards Ukraine nella nomination “Miglior team di scienziati che hanno raggiunto risultati scientifici significativi senza collaborazioni occidentali” e del premio del presidente dell’Ucraina per i giovani scienziati, oltre che ricercatrice di punta nel Dipartimento di Biofisica Molecolare e Quantistica Istituto di Biologia Molecolare e Genetica dell’Accademia Nazionale delle Scienze di Ucraina. Olha è la più giovane dottoressa abilitato in Ucraina; diventata medico a 29 anni, ora continua studia biofisica. Le sue scoperte hanno permesso di capire i meccanismi del cancro e di molte altre malattie causate da mutazioni.

Maryna Viazovska

Scienziata ucraina e dottoressa in scienze naturali, Maryna Viazovska attualmente lavora all’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia. Ha ricevuto il Premio Salem 2016, un riconoscimento estremamente prestigioso per i matematici, dopo aver risolto un problema su cui gli scienziati lavorano da più di 400 anni: l’impacchettamento delle sfere nello spazio a 8 dimensioni. Viazovska è stata anche coautrice dell’impacchettamento nello spazio a 24 dimensioni.

Mariia Bailiak

Dottoressa in scienze biologiche e professoressa associata di biochimica e biotecnologia all’Università Nazionale Precarpatica Vasyl Stefanyk, Mariia Bailiak studia biochimica ed effettua ricerche sull’influenza di varie piante e sostanze sul processo di invecchiamento. Le sue scoperte riguardano tra gli altri l’aumento della resistenza allo stress e le sostanze anti-età. Baikiak fa parte della top 10 delle scienziate ucraine di successo.

Yuliia Bezvershenko

Scienziata ucraina in fisica teorica, divulgatrice della scienza, con un dottorato in scienze fisiche e matematiche, Yuliia Bezvershenko è inclusa nella lista delle top-20 donne ucraine nelle STEM per il 2018-2019. Si occupa di metodi matematici applicati ai problemi della dinamica dei sistemi quantistici in campi esterni e del controllo dei sistemi quantistici.

Svitlana Krakovska

Svitlana Krakovska è componente dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico.  Nel settembre 1991, pochi giorni dopo la dichiarazione d’indipendenza dell’Ucraina dall’Unione Sovietica, è entrata a far parte dell’Istituto idrometeorologico ucraino, dove ora dirige il laboratorio di climatologia applicata. Alla fine del 1990, è stata una delle prime donne ucraine a viaggiare in Antartide in una spedizione scientifica. Krakovska stava prendendo parte alle fasi finali dell’approvazione dell’ultima importante valutazione dell’IPPC sugli impatti dei cambiamenti climatici quando l’invasione russa le ha reso impossibile continuare il suo lavoro. Intervistata dalla Bbc via Zoom dal suo appartamento a Kiev, la donna ha detto che la guerra sta “chiudendo la finestra di opportunità” per il mondo per prevenire i peggiori impatti dei cambiamenti climatici.