Disruption nella mobilità: con Uber a New York i taxi hanno dimezzato le corse in 4 anni | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL GRAFICO

Disruption nella mobilità: con Uber a New York i taxi hanno dimezzato le corse in 4 anni



In questo grafico un confronto tra le corse mensili di Uber e dei taxi nella Grande Mela: nel 2015 le prime superavano appena i 2 milioni, le seconde erano pari a 12,6 milioni . Quadro ribaltato nel 2019: Uber oltrepassa i 14 milioni, i tassisti dimezzano con 6,2 milioni. E nascono nuovi player

02 Ott 2019


A New York Uber ha ampiamente superato l’industria dei taxi in soli 4 anni. La startup, fondata nel 2009 a San Francisco da Travis Kalanick e Garrett Camp con l’obiettivo di fornire un’applicazione per chiamare una vettura con conducente da smartphone, ha quasi sterminato il mondo dei tassisti in metropoli come Los Angeles, San Francisco e appunto nella Grande Mela, per poi estendersi in varie parti del mondo. In Europa il servizio è diventato operativo in alcuni Paesi, mentre in altri è stato fortemente contrastato. In Italia, per esempio, negli anni scorsi i guidatori delle auto bianche hanno organizzato accanite proteste contro Uber. Intanto emergevano questioni legali e giuridiche sull’effettiva legalità della sua circolazione sul territorio, fin quando l’azienda ha preferito puntare sul delivery con le consegne a domicilio di UberEats. D’altra parte la carica innovativa dell’app proposta dalla società californiana ha indotto anche i tassisti italiani ad adottare nuove tecnologie in grado di migliorare l’esperienza del cliente. Anche per questo Uber è, e resta, un esempio di disruptive innovation in grado di trasformare in pochissimo tempo interi settori.

Lo si vede da questi grafici ricavati dagli open data della municipalità di New York. Nel 2015, a febbraio, i taxi erano ancora padroni del mercato: le loro corse mensili erano pari a 12,6 milioni, quelle di Uber non superavano 2,019 milioni

Nel 2019 il quadro è completamente ribaltato. La startup statunitense, che è risultata per molti anni la più valutata del mondo (per poi quotarsi in Borsa a marzo di quest’anno), ha superato i 14 milioni di corse mensili, mentre i taxi hanno praticamente dimezzato la quota iniziale, con 6,2 milioni di passaggi dati in un mese.

Inevitabile l’affermazione di ulteriori, nuovi player in questa arena della mobilità urbana. Lyft, la principale concorrente di Uber (che, come lei, ha debuttato quest’anno a Wall Street), Via e Juno si sono imposti nel mercato di New York contribuendo alla discesa agli inferi dei tassisti. Mentre Green Taxi ha visto calare notevolmente la propria presenza.

L’elemento straordinario non è tanto – e non è solo – la crisi profonda di un mercato a vantaggio di un altro, ma la rapidità con cui tutto questo è avvenuto: una caratteristica esclusiva della digital disruption.