INNOVAZIONE HI-TECH

Deep tech 2023, le tendenze e gli unicorni in Europa



Stoccaggio di energia, applicazioni AI (specialmente per salute e cybersecurity), quantum computing e tecnologie per la difesa sono i trend deep tech per il 2023. Quali sono e che cosa fanno gli unicorni europei ad alto contenuto tecnologico

Pubblicato il 04 Gen 2023


Deep tech, che cosa succederà nel 2023?

Il 2022 è stato, nonostante la crisi e la complessa situazione geopolitica, l’anno del deep tech, con investimenti record, un totale raccolto di 16 miliardi di dollari nel bel mezzo della crisi per altri settori tecnologici. Sono sorti ben nuovi 5 unicorni, non solo in USA.

E in Europa senz’altro qualcosa si muove: la Commissione Europea ha adottato il programma di lavoro 2023 del Consiglio europeo per l’innovazione (Cei), che prevede opportunità di finanziamento per un valore di 1,6 miliardi di euro per rendere fruibili tecnologie innovative e creare nuovi mercati, con oltre mezzo miliardo dedicato a settori strategici come stoccaggio di energia, quantum computing, semiconduttori e sicurezza alimentare.

Che futuro abbiamo davanti per il deep tech? Vediamo le aree di maggiore crescita per le imprese ad alto contenuto tecnologico, e gli unicorni che si stanno affermando in Europa.

Deep tech: che cos’è, le caratteristiche, gli investimenti e le startup

Deep tech, i trend 2023

Secondo le stime di Sifted, sono 4 le macroaree chiave in cui si svilupperanno le maggiori opportunità deep tech quest’anno: stoccaggio di energia, applicazioni AI (specialmente per salute e cybersecurity), quantum computing e tecnologie per la difesa.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

Si preannuncia inoltre un crescente fenomeno di sinergia e ibridazione tra le diverse aree tecnologiche, che sfumerà i confini dei settori toccati dal deep tech. E sarà l’anno del metaverso, che potrebbe arrivare concretamente nelle aziende.

1. Deep tech per lo stoccaggio di energia

Con l’avanzare della crisi energetica che si prospetta, lo stoccaggio di energia acquisterà grande slancio nel 2023, soprattutto a livello industriale, con focus su batterie innovative e second-life. Anche le alternative agli ioni di litio per alimentare lo stoccaggio di energia – dai metalli alternativi alle nuove tecnologie come le batterie a flusso – attireranno maggiore attenzione.

Un ruolo sempre più attivo sarà giocato dall’AI, con l’ottimizzazione dei consumi e lo sviluppo di sistemi di gestione delle batterie capaci di gestire in modo olistico non solo l’utilizzo ma anche la ricarica.

2. Deep tech per l’intelligenza artificiale: dalla cybersecurity alla salute

L’intelligenza artificiale sarà una tecnologia sempre più incisiva e pervasiva in tutti i settori, per cui si prospettano nel futuro prossimo significativi passi avanti. Dall’energia all’health tech e al biotech, e specialmente nella cybersecurity, settore oggi quantomai critico per la sicurezza della nostra infrastruttura economica e sociale.

Per quanto riguarda biotecnologie e salute, vedremo una nuova ondata di società focalizzate su diagnostica predittiva e precise terapie, specialmente per le donne. Il settore potrebbe entrare anche nel mondo dei trial clinici grazie al Generative AI.

3. Deep tech per il quantum computing

L’Europa è storicamente rimasta indietro rispetto agli Stati Uniti, e in misura minore alla Cina, nello sviluppo delle tecnologie di quantum computing, sia in termini di hardware che di software. Una situazione che sta cambiando rapidamente con l’ascesa di un gran numero di startup sempre più ben finanziate come Plancq (Germania), Pasqal (Francia), Universal Quantum (Regno Unito / Germania), Quantum Circuits (USA) e Quandela (Francia / Germania).

Considerando gli aspetti di sovranità della corsa al calcolo quantistico, possiamo aspettarci investimenti in società con sede in Europa a valutazioni relativamente elevate e una spinta verso la creazione di un ecosistema commerciale e di partner attorno a queste realtà.

Parlando di innovazione del settore, con l’avanzamento delle tecnologie quantistiche, sorgono inevitabilmente nuovi rischi per la sicurezza. Vedremo quindi un’innovazione dei sistemi di crittografia, con un ruolo sempre più determinante dell’AI.

4. Deep tech per la difesa

Il conflitto russo-ucraino e la crescente tensione est-ovest porterà all’innovazione di tecnologia per la difesa: sensori, spacetech, hardware, dati e intelligenza artificiale, con particolare attenzione alla tecnologia con casi d’uso duali.

Gli investimenti per la difesa, anche con possibili incentivi e supporti governativi, potrebbero diventare un driver considerevole per lo sviluppo del deep tech, come oggi accade in USA.

5. L’arrivo del metaverso nelle aziende

Il 2023 potrebbe essere l’anno determinante per una (prima) diffusione del metaverso sul posto di lavoro. L’uso di AR e VR per la formazione all’interno delle aziende continuerà a crescere, assieme alle piattaforme di collaborazione.

Con l’evoluzione di dispositivi come visori VR, occhiali digitali e smartphone per abilitare l’utilizzo del landscape virtuale e di tutte le sue funzioni, il metaverso è certamente terreno fertile per le tecnologie disruptive.

Come riconoscere una startup deep tech e come scegliere quelle su cui investire

Deep tech 2023, gli unicorni in Europa

In controtendenza con il declino del settore tech, il deep tech ha mantenuto nel 2022 un andamento in crescita, perfino confrontato agli exploit del 2021.

Oggi si contano 18 unicorni deeptech in tutta Europa, secondo i dati di Dealroom.

Guida il Regno Unito, con 5 società dalla valutazione superiore al miliardo. Segue la Germania, con 4, e Francia e Svezia a parimerito con 3. Il settore più ricco è quello dell’AI, che vede anche il maggior numero di compagnie.

Vediamo quali sono e di cosa si occupano le punte di diamante europee del deep tech.

* Celonis

Settore: AI

Sede: Monaco, Germania

Fondazione: 2011

Valutazione: €13 miliardi

Celonis è una società di “process mining” che aiuta le aziende a ottimizzare i loro processi aziendali utilizzando l’intelligenza artificiale.

* Northvolt

Settore: Batterie

Fondazione: 2016

Sede: Stoccolma, Svezia

Valutazione: €12 miliardi

Northvolt produce batterie per veicoli elettrici con un’impronta di carbonio inferiore dell’80% rispetto alle batterie attualmente utilizzate dalla maggior parte dei veicoli. Nel 2021 ha ottenuto il più grande round europeo deep tech, con 2,8 miliardi di euro.

* Improbable

Settore: Metaverso

Fondazione: 2012

Sede: Londra, UK

Valutazione: €3,4 miliardi

Improbable è una società di giochi nel metaverso che realizza mondi virtuali simulati utilizzando l’intelligenza artificiale. La società sta lavorando su una piattaforma metaverso che mira ad essere più democratica e decentralizzata di quella di Meta e ha raccolto un round di $ 100 milioni a ottobre 2022.

* CMR Surgical

Settore: Heath tech

Fondazione: 2014

Sede: Cambridge, UK

Valutazione: €3 miliardi

CMR Surgical ha sviluppato un robot in grado di eseguire interventi chirurgici di alta precisione con incisioni minime. La tecnologia è stata utilizzata per eseguire oltre 5.000 interventi chirurgici in tutto il mondo.

* Graphcore

Settore: AI

Fondazione: 2016

Sede: Bristol, UK

Valutazione: €2,4 miliardi

Graphcore produce microprocessori specificamente progettati per i calcoli di intelligenza artificiale. La società sta progettando di costruire un supercomputer più potente del cervello umano entro i prossimi due anni.

* OCSiAl Group

Settore: New materials

Fondazione: 2009

Sede: Lussemburgo

Valutazione: €2 miliardi

OCSiAl è un produttore a basso costo di nanotubi di grafene, che vengono utilizzati per migliorare i materiali in una vasta gamma di settori, tra cui batterie elettriche, mobilità, aerospaziale e petrolio e gas.

* Exotec

Settore: Robotica

Fondazione: 2015

Sede: Lille, France

Valutazione: €2 miliardi

Exotec realizza robot che automatizzano la gestione dello stoccaggio del magazzino. L’azienda è diventata il quarto unicorno francese nel gennaio 2022.

* Volocopter

Settore: Smart mobility

Fondazione: 2011

Sede: Bruchsal, Germany

Valutazione: €1,7 miliardi

Volocopter vuole portare i taxi volanti elettrici nelle città di tutto il mondo: con il progetto di eVTOL ad atterraggio e decollo verticale promette di rivoluzionare la mobilità urbana.

* Cognite

Settore: AI

Fondazione: 2016

Sede: Oslo, Norvegia

Valutazione: €1,6 miliardi

Cognite utilizza il machine learning per supportare il processo decisionale, le operazioni remote e l’automazione in settori come petrolio e gas, energia e manifattura.

* MindMaze

Settore: Health tech

Fondazione: 2012

Sede: Lausanne, Svizzera

Valutazione: €1,5 miliardi

MindMaze ha sviluppato un’interfaccia di realtà virtuale che può essere utilizzata per riabilitare i pazienti che hanno perso le funzioni motorie o cognitive a causa di lesioni o malattie.

* Einride

Settore: Automotive / Smart mobility

Fondazione: 2016

Sede: Stoccolma, Svezia

Valutazione: €1,4 miliardi

Einride produce veicoli elettrici a guida autonoma, con un modello di business basato sull’abbonamento al servizio di trasporto merci. I suoi camion merci, i primi driverless mai lanciati, sono utilizzati in Svezia, Stati Uniti e Germania.

* Newcleo

Settore: Energia

Fondazione: 2021

Sede: Londra, UK

Valutazione: €1,3 – 2 miliardi

Newcleo sviluppa tecnologie per l’energia nucleare pulita. Nata inizialmente come spin-off del CERN di Ginevra, Realizza centrali nucleari significativamente più piccole di quelle che usiamo oggi, rendendo i costi iniziali molto più bassi.

* Polarium

Settore: Batterie

Fondazione: 2004

Sede: Stoccolma, Svezia

Valutazione: €1,2 miliardi

Polarium produce batterie al litio che riducono i costi e l’impatto ambientale dello stoccaggio di energia in tutti i settori, tra cui telecomunicazioni, veicoli elettrici ed energia solare.

* Agile Robots

Settore: Robotica

Fondazione: 2018

Sede: Monaco, Germaia

Valutazione: €1 miliardo

Agile Robots è uno spin-off del Centro aerospaziale tedesco che produce robot intelligenti in grado di vedere, muoversi, sentire le forze e adattarsi ad ambienti sconosciuti.

* DentalMonitoring

Settore: Health Tech

Fondazione: 2014

Sede: Parigi, Francia

Valutazione: €1 miliardo

DentalMonitoring utilizza l’intelligenza artificiale per aiutare dentisti e ortodontisti a monitorare i loro pazienti da remoto.

* Tractable

Settore: Insurtech

Fondazione: 2014

Sede: Londra, UK

Valutazione: €1 miliardo

Tractable è un’insurtech che aiuta le compagnie assicurative a elaborare i sinistri più velocemente usando la computer vision per valutare le immagini dei danni alle auto.

* Infarm

Settore: Agritech

Fondazione: 2013

Sede: Berlino, Germania

Valutazione: €1 miliardo

Infarm realizza magazzini per l’agricoltura verticale, che utilizzano il 95% in meno di acqua e terreno rispetto all’agricoltura tradizionale.

* Shift Technology

Settore: Insurtech

Fondazione: 2013

Sede: Parigi, Francia

Valutazione: €1 miliardo

Shift Technology ha sviluppato una piattaforma di intelligenza artificiale che automatizza e ottimizza il processo decisionale per le compagnie assicurative.

WHITEPAPER
Intelligenza Artificiale: 11 rivoluzioni per la Sanità
Intelligenza Artificiale
Sanità

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!