Banzai, debutto al ribasso in Borsa | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Digital economy

Banzai, debutto al ribasso in Borsa

di Redazione EconomyUp

16 Feb 2015

Altri argomenti

Il gruppo fondato da Paolo Ainio ha esordito lunedì 16 a Piazza Affari in rialzo dello 0,89% (6,81 euro rispetto a un prezzo di offerta di 6,75 euro) ma ha subito virato in negativo. E nel pomeriggio ha registrato una flessione del 6.07%, recuperando poi terreno nel finale e chiudendo a -2,67%

La prima matricola del 2015 sul segmento Star della Borsa italiana, Banzai, ha debuttato con il segno più a Piazza Affari, in rialzo dello 0,89% a 6,81 euro rispetto a un prezzo di offerta di 6,75 euro (per una capitalizzazione di 274 milioni), per virare in negativo: nel pomeriggio le azioni della internet company (creatura di Paolo Ainio che vede tra gli azionisti anche Matteo Arpe attraverso Arepo Bz, e che di occupa e-commerce ed editoria verticale online) registrano una flessione del 6,07%, recuperando poi terreno nel finale e chiudendo a -2,67%.

Qui l’annuncio della decisione di entrare in Borsa da parte di Banzai

“Da oggi – ha sottolineato durante la cerimonia di quotazione il fondatore – abbiamo un nuovo socio che è il mercato, e siamo pronti a spingere sull’acceleratore della crescita”. Durante il roadshow, ha proseguito il numero uno di Banzai, “l’azienda è piaciuta molto. Abbiamo più di due terzi di investitori esteri”. E ha spiegato che la società utilizzerà le risorse raccolte con l’Ipo “per investire nel marketing e migliorare i servizi sui siti web” (Banzai ha nel proprio carnet, tra gli altri, ePRICE, SaldiPrivati, Giallo Zafferano, Pianeta Donna, Studenti.it, ilPost e Liquida), soprattutto nel settore dell’e-commerce. Perché, ha spiegato, “sebbene l’Italia sia otto anni indietro rispetto ad altri paesi europei, è un mercato che sta accelerando”. Ma per colmare il divario servono “investimenti cospicui”, come quelli che Banzai ha intenzione di fare.

Altri argomenti

Redazione EconomyUp

Articoli correlati