Dal ristorante virtuale alle ricette di Amazon: 6 tendenze da tenere d'occhio nel 2018 | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL TRANSFORMATION

Dal ristorante virtuale alle ricette di Amazon: 6 tendenze da tenere d’occhio nel 2018

27 Feb 2018

Un robot al posto delle chef ma anche il menu senza un locale fisico. E poi l’instragrammificazione dei piatti: ecco tutto quello che sta cambiando attorno al food, un settore che sarà sempre più condizionato dalla tecnologia

Che prima o poi dovremo abituarci a mangiare cavallette e cagnotti, già ce l’aveva detto Expo. E l’ha ribadito l’Ue, con il regolamento sui “novel food” entrato in vigore il primo gennaio. Per fortuna, però, i trend del settore non sono tutti altrettanto repellenti. Anzi: il 2018, secondo il magazine americano The Spoon, specializzato in cibo e cucina, sarà l’anno della tecnologia. Che influenzerà tutti gli ambiti relativi al cibo: dal modo di prepararlo alla consegna.

Food, 50 startup che stanno cambiando il business del cibo

1. I cibi “alternativi

Hamburger vegetali che sanno di manzo e i gelati a base di latte di cocco con lo stesso sapore di quelli con latte vaccino:  stando alle previsioni della rivista, quello del passaggio ai cibi “veggie” sarà (grazie anche agli investimenti di molti acceleratori sulle startup del settore) il trend numero uno in assoluto di quest’anno: anche in Italia, del resto, secondo l’Eurispes stanno aumentando i vegetariani (anche se calano i vegani).

Cibo del futuro: nasce un acceleratore verticale per startup del food

 2. I “ristoranti virtuali”

Ristoranti come UberEATS, secondo The Spoon apriranno ovunque (e in nessun posto, essendo virtuali) grazie alla possibilità di offrire diversi menù e sperimentare con varie cucine senza la necessità di avere a disposizione spazi fisici aggiuntivi in un locale.

3. I kit per cucinare a casa propria

Simile come concetto è il terzo trend del 2018 segnalato dal magazine: il crescente successo dei kit per cucinare a casa propria senza fatica, grazie al giusto dosaggio di ingredienti e a ricette semplici e spiegate passo passo, pietanze classiche come piatti esotici.

4. L’instagrammificazione del cibo

Al quarto posto fra le nuove inclinazioni del 2018 spicca l’“instagrammificazione” del cibo, cioè il vezzo di fotografare e postare su Instagram tutto ciò che si mangia (in casa o fuori non importa, basta che il piatto sia d’effetto).

Food, ecco perché Milano (e l’Italia) possono diventare il centro dell’innovazione

5. La robotizzazione delle cucine

A occupare la quinta posizione è quindi, secondo The Spoon, la robotizzazione delle cucine. Non si parla di quelli che in Italia vengono chiamati “robot da cucina” o dei pur modernissimi Bimby, ma di veri e propri “robot chef” dotati di intelligenza artificiale e di arti meccanici per raccogliere le ordinazioni e aiutare nella preparazione di alcune pietanze. Il futuro, secondo la rivista, in questo come in altri campi è dunque sempre più tecnologico, grazie anche all’IoT e allo sviluppo dell’intelligenza artificiale.

6. La crescita di Amazon

Infine, secondo il magazine, c’è un trend che, pur essendo ormai intramontabile, continua a crescere: si chiama Amazon. Perché la società di Jeff Bezos è una delle principali fonti d’ispirazione non solo per chi fa shopping generico online, ma ormai anche per la spesa alimentare. E grazie alla partnership con AllRecipes (servizio di ricette lanciato nel 1997 e molto utilizzato in Usa) ha aumentato la propria posizione di predominio, dato che ora è possibile ordinare gli ingredienti dei propri piatti direttamente dal ricettario virtuale.

Food delivery, ecco le 10 startup più valutate al mondo (Cina esclusa): la prima è europea

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati