Martha's Cottage, 500mila euro per la startup delle nozze | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Finanziamenti

Martha’s Cottage, 500mila euro per la startup delle nozze

23 Mag 2016

La neoimpresa siciliana che nel 2014 ha lanciato un ecommerce dedicato ai prodotti per matrimoni ha chiuso un aumento di capitale che ha visto l’ingresso di nuovi soci esperti di digitale tra cui Almir Ambeskovic, founder di Restopolis, e Riccardo Lorenzini, founder del digital enabler Alkemy

Il team di Martha's Cottage
Round di finanziamento da 500mila euro per Martha’s Cottage, la startup siciliana che nel 2014 ha lanciato un ecommerce per le nozze che oggi ha un catalogo di oltre 1.500 prodotti e ha contribuito a realizzare più di 20mila matrimoni.

L’aumento di capitale chiuso ha visto entrare nella compagine della società (fatturato 2015 comunicato nella nota stampa: 400mila euro circa) – oltre ai già presenti Capital B! di Mauro Del Rio e Borealis Tech Ventures – alcuni imprenditori e manager esperti di digital economy in Italia attraverso il veicolo finanziario Neokero. Tra questi, Almir Ambeskovic, founder di Restopolis, la startup per le prenotazioni online dei ristoranti acquisita da TripAdvisor e Riccardo Lorenzini, founder del digital enabler Alkemy.

“Il funding ci permetterà di accelerare lo sviluppo in Europa e nel mondo, già iniziato grazie alle recenti partnership con Privalia e Brandon Ferrari”, dichiara Salvatore Cobuzio, ceo di Martha’s Cottage e fondatore insieme a Simona Canto, Laura Bevelacqua e Tiziana Mendolia. “Avere tra i nostri soci manager e imprenditori così autorevoli e qualificati ci conferma la validità della nostra strategia, rivolta a consolidare la leadership nel matrimonio 2.0, che presenta grandi opportunità di crescita. Siamo stati i primi in Italia ad intercettare il cambiamento in atto nel tradizionale mondo delle nozze e, a meno di due anni dalla fondazione i nostri prodotti sono stati scelti da più di 20mila spose”.

Il mercato dei matrimoni nel mondo vale 300 miliardi di dollari e ogni anno si sposano più 5,7 milioni di coppie. Martha’s Cottage afferma di essere a oggi l’ecommerce del wedding più grande d’Italia. Le recenti partnership con la società spagnola Privalia, primo portale in Italia nelle flash sale, recentemente acquisita da Vente-Privee, e con Brandon Ferrari, il distributore digitale del made in Italy, hanno aperto a Martha’s Cottage prima il mercato spagnolo e poi quello europeo.

Oltre che lo shop online per i futuri sposi la startup siciliana mira a diventare il punto di riferimento per i player del settore – dai wedding planner alle location per eventi, dai fotografi alle agenzie di noleggio auto, dalle agenzie viaggi ai fiorai, e molto ancora – attraverso partnership commerciali e attività di co-marketing.

“Sono contento dell’importante risultato ottenuto da Martha’s Cottage, che poco meno di due anni fa era stato l’unico e-commerce accolto nel programma di accelerazione di b-ventures. Oggi è una delle startup del nostro portfolio più promettenti ed è in break even già dal 2015, con ricavi superiori ai 400mila euro. La chiusura di questo secondo round di investimento e l’ingresso nel capitale di soci così navigati ci confermano le ottime prospettive di crescita di Martha’s Cottage”, commenta Mauro Del Rio, presidente e fondatore di Buongiorno.

“L’offerta di Martha’s è unica sul web ed è il risultato di un attento processo di selezione che la rende estremamente valida e competitiva. Sono requisiti fondamentali per rendere il business scalabile, ossia per assicurarsi la possibilità di espansione in nuovi ambiti e con nuove funzionalità. La proposta di Martha’s è nuova anche nel mercato del matrimonio tradizionale e potrebbe funzionare anche come negozio offline. Il valore aggiunto dell’online è che annulla i limiti territoriali e la dimensione di mercato diventa infinita. In più il team di Martha’s ha tutti i requisiti per fare crescere questa startup a grande velocità”, è il parere di uno dei nuovi soci di Martha’s Cottage, Almir Ambeskovic, country manager per l’Italia di TheFork.it.

Articoli correlati