iGoOn, 360mila euro per la Blablacar italiana dei passaggi brevi | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Investimenti

iGoOn, 360mila euro per la Blablacar italiana dei passaggi brevi

20 Giu 2016

Sviluppo Basilicata, società finanziaria di sviluppo della Regione Basilicata, ha investito, insieme a un co-investitore, sulla startup di carpooling urbano fondata nel 2014 a Napoli che permette di fare l’autostop in tempo reale su tratte non lunghe. Due anni fa, la giovane imprese è stata accelerata da Tim WCAP Catania

Il team di iGoOn
iGoOn, startup di carpooling urbano nata a Napoli nel 2014, ha raccolto un investimento di 360mila euro da Sviluppo Basilicata, società finanziaria della Regione a sostegno dello sviluppo, della ricerca e della competitività del territorio, e da un co-investitore. La giovane società, una sorta di Blablacar dei passaggi in città, aveva già partecipato al programma di accelerazione Tim WCAP nella sede di Catania ricevendo un grant di 25mila euro.

Leggi anche la storia di un’altra società finanziata da Sviluppo Basilicata: Domec, portare la startup al Sud per trovare soldi e talenti (e creare lavoro)

La società è stata fondata da Claudio Cimmelli, attuale ceo della società, insieme a Stefano Sepe, Luigi Picaro, Alessia Guarino e Massimiliano Di Mella, tutti under 35 provenienti da Napoli e Salerno. 

Due anni fa, iGoOn ha lanciato a Napoli un’app per il carpooling urbano (già disponibile per Android e iOS), che conta più di 2.000 utenti iscritti nel capoluogo campano.

L’operazione di aumento di capitale rientra nell’ambito del fondo regionale di venture capital da 8 milioni di euro gestito da Sviluppo Basilicata (con l’apporto dei privati). L’apporto di capitale nelle casse della società sottolinea un forte interesse verso la mobilità sostenibile e punta a favorire la creazione di posti di lavoro ad alto valore aggiunto all’interno della  Basilicata. Parte del capitale sarà investito nell’ampliamento del team con particolare attenzione a figure tecniche provenienti dalla regione. Non a caso, la startup si trasferisce a Potenza e ha già avviato una partnership con l’Università degli Studi della Basilicata

Con le nuove risorse, iGoOn proverà ad ampliare il bacino di utenza in altre città e ad acquisire clienti corporate tramite una nuova versione della piattaforma dedicata alle aziende. Si tratterà di un sistema di carpooling aziendale pensata per gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti che permetterà, secondo le intenzioni, di risparmiare tempo, denaro ed emissioni di CO2.

“Oltre a essere un grosso sostegno per la nostra crescita, questa operazione – ha commentato il ceo e co-fondatore Claudio Cimmelli – è anche un importante riconoscimento verso il lavoro svolto finora. Per aziende come la nostra il contributo dei fondi di investimento è indispensabile, perché si tratta di progetti che spesso non sono in grado di fatturare da subito e rischiano di non arrivare nemmeno a confrontarsi con il mercato. L’iniziativa di Sviluppo Basilicata è lodevole, perché rappresenta un segnale importantissimo per il futuro dell’imprenditoria meridionale. La nascita di nuove imprese con grossi potenziali di crescita, sia in Basilicata che in altre regioni del sud, potrebbe infatti seriamente influire sullo scenario economico nazionale nei prossimi anni. Tale successo per iGoOn è anche il risultato di numerose iniziative di settore, che hanno favorito la nascita di molte realtà innovative in tutto il sud Italia. In particolare le varie edizioni di Startup Weekend e l’appuntamento mensile NaStartup, che hanno permesso l’avvicinamento delle startup a fondi di investimento dedicati al settore digitale”.

“Abbiamo creduto in questo investimento – ha detto Giampiero Maruggi, amministratore unico di Sviluppo Basilicata – perché cresce la necessità di ricercare mezzi alternativi di trasporto che, come  in questo caso, permettono la condivisione dei tragitti al fine di ridurre costi e inquinamento”. 

 

 

Articoli correlati