Ecco dove Unicredit coltiverà l'innovazione | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ecco dove Unicredit coltiverà l’innovazione

di Redazione EconomyUp

04 Apr 2014

EconomyUp ha visitato il FinTech Accelerator di Unicredit a Milano dedicato alle startup attive nel settore finanziario-bancario. L’incubatore prevede servizi di mentoring, networking e grant di 10 mila euro. A giugno è previsto l’annuncio delle neoimprese selezionate.

Uno spazio in cui far crescere le startup più promettenti in ambito financial technology. Sarà questo il FinTech Accelerator di Unicredit che ha aperto a Milano in Corso Sempione, a due passi dagli studi della Rai e dalla movida dell’Arco della Pace. EconomyUp lo ha visitato in anteprima durante FinTech Connect, un open doors riservato a startupper, investitori, venture capitalist e protagonisti dell’ecosistema italiano. Tra gli altri era presente anche Vincenzo di Nicola, uno dei co-founder di GoPago, il sistema di pagamento cloud-based ceduto ad Amazon che consente agli utenti di ordinare e pagare prima di arrivare nel punto vendita.

Il programma di accelerazione FinTech targato Unicredit si svolgerà in un’area avveniristica di 350 metri quadri e offrirà alle startup che saranno selezionate postazioni di co-working gratuite, servizi di mentoring tenuti da manager ed esperti di innovazione Unicredit, opportunità di networking  con altre nuove realtà attive nel settore finanziario-bancario e un grant di 10 mila euro per crescere.

Per le startup scelte (non early stage ai primissimi passi ma neoimprese che siano già in possesso di un prototipo funzionante e con business model chiari) ci saranno a disposizione anche alcuni dei servizi del programma Unicredit Start Lab, tra cui la partecipazione al progetto di formazione per neoimprenditori Startup Academy e la possibilità di contattare potenziali investitori o accedere a forme di cofinanziamento.

Ogni programma di accelerazione durerà 12 mesi. La prima fase, di 4 mesi, è la Fast acceleration in cui sono previste numerose sessioni di mentoring per aiutare la startup a definire la fattibilità economico-finanziaria del suo piano di business e verificare lo stato di avanzamento delle attività. La seconda, di 8 mesi, è il Consolidamento, in cui il mentoring è dedicato a supportare l’impresa in tema di comunicazione, marketing e sviluppo tecnico.

 Il FinTech Accelerator sta ricevendo le candidature. È previsto che entro maggio arrivino tutte le application e che l’“infornata” 2014 (definita “batch” in puro gergo da Silicon Vallery) si chiuda a giugno, quando saranno selezionate le startup (fino a cinque per l’anno in corso) che prenderanno parte al programma (m.d.l.)
 

Redazione EconomyUp

Articoli correlati