Endeavor, il network che fa crescere le aziende innovative (come Empatica) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tecnologia solidale

Endeavor, il network che fa crescere le aziende innovative (come Empatica)



Attivo da 20 anni, con sede a New York, opera in 25 Paesi per aiutare le imprese ad accedere a capitale, talento e mercato. Finora ha selezionato 4 realtà italiane, tra cui la giovane società di Matteo Lai che sviluppa i più piccoli wearable device al mondo per il monitoraggio dei segnali fisiologici

di Antonio Palmieri

03 Feb 2017


In Italia trovare fondi è molto difficile per le startup così come per le imprese che, superata la fase iniziale, hanno le potenzialità di crescere ma, per farlo, necessitano di finanziamenti. 

Ogni iniziativa che aiuti a superare questo stato di cose è dunque la benvenuta.

Per questo è da segnalare positivamente l’azione che da quasi un anno sta svolgendo nel nostro paese Endeavor Italia.

Che cos’è Endeavor? Trattasi di un network internazionale, attivo da vent’anni e con sede a New York. Oggi opera in venticinque Paesi e la sua missione è far crescere le aziende innovative. Come si legge nel loro sito, “oltre che supportare le imprese italiane a scalare e attirare capitali esteri nel nostro paese, vorremmo cercare di portare nell’ecosistema italiano le best practice internazionali”.

Del resto, come ha spiegato a Startupbusiness Raffaele Mauro, responsabile di Endeavor Italia, “Endeavor aiuta le imprese ad accedere al capitale, al talento e al mercato, grazie al suo network”.

Parole che credo possano suonare molto bene alle orecchie di diverse delle startup che ho presentato in quasi due anni di attività di questo blog. 

La selezione per essere ammessi al programma è molto dura e le aziende selezionate sono quelle che hanno capacità di affermarsi nel mercato internazionale. Finora quelle italiane sono quattro, tra le quali, dal punto di vista che qui mi interessa, spicca “Empatica”.

Empatica, il cui Ceo è Matteo Lai, progetta e sviluppa i più piccoli precisi ed eleganti wearable device al mondo per il monitoraggio dei segnali fisiologici. Come si legge nel sito di Endeavor “l’ultimo prodotto di Empatica, Embrace, è in grado di monitorare l’attività del sistema nervoso di chi li indossa in tempo reale e di inviare avvisi istantanei direttamente agli smartphone di operatori sanitari, all’insorgere di una crisi epilettica o simili crisi neurologiche.”.

Di startup “empatiche” alla maniera che Endeavol predilige, sono convinto ce ne possano essere diverse, nel nostro Paese. Fatevi avanti!

Antonio Palmieri

Antonio Palmieri, milanese, esperto di comunicazione, deputato. Da quando c'è Internet sono curioso della Rete. Dal 2002 cerco di valorizzare le possibilità che il digitale offre per una vita migliore