Scudieri (Adler): la fabbrica intelligente è futuro e competitività | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

EYCAPRI

Scudieri (Adler): la fabbrica intelligente è futuro e competitività

29 Giu 2017

«Un cambiamento epocale». Così Paolo Scudieri, presidente di Adler Group, azienda leader nello sviluppo e produzione di soluzioni per l’industria automobilistica, definisce la digitalizzazione dei processi produttivi. «La trasformazione tocca tutta la catena del valore. E porta a un ripensamento dei modelli di business»

Un cambiamento epocale per tutta la manifattura. E per l’industria automobilistica in particolare, che è diventata la frontiera tecnologica più avanzata. Paolo Scudieri, presidente del Gruppo Adler sarà uno dei protagonisti dell’ EYCapri Digital Summit 2017 in programma a inizio ottobre, dove l’Industria 4.0 e le opportunità della trasformazione digitale per il sistema produttivo italiano saranno uno dei temi al centro del dibattito.

In questa intervista Scudieri spiega la sua visione della fabbrica intelligente, maturata con l’esperienza di un gruppo manifatturiero abituato a dialogare con tutte le multinazionali della industria automobilistica. Con sede a Ottaviano, in provincia di Napoli, Adler infatti è un gruppo con presenza internazionale che progetta, sviluppa e industrializza componenti e sistemi per l’industria del trasporto, dai sistemi per il comfort acustico e termico dei veicoli ai pannelli per le portiere ai tappeti interni. Ha 58 stabilimenti in 19 Paesi e conta su 7 siti di ricerca e sviluppo nel mondo.

“È qualcosa che deve interpretare il futuro, una modernizzazione su tutta la catena del valore in una logica di rigore e di efficienza, valorizzando l’intera filiera”, dice Scudieri dell’Industria 4.0. E per quanto riguarda il settore automotive aggiunge. «Molti lo ritenevano maturo. Ma a chi mi diceva che l’auto era un prodotto finito io ho sempre detto che l’auto è la frontiera tecnologica più dura, più importante, più evolutiva».

  • 607 Share

Articoli correlati