Marchionne contro l'auto elettrica: «È una minaccia all'esistenza stessa del nostro pianeta» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA POLEMICA

Marchionne contro l’auto elettrica: «È una minaccia all’esistenza stessa del nostro pianeta»

03 Ott 2017

Personaggi

Altri argomenti

Il numero uno di FCA, a Trento per una laurea honoris causa, ha sparato a zero contro i veicoli a zero emissioni: «Due terzi dell’energia elettrica deriva da fonti fossili e il carbone è il peggiore in termini di inquinamento». Starace (ENEL): «Sono punti di vista». I 5stelle: «È un signore della Old Economy»

L’industria dell’auto si trova ad affrontare una sfida che è una vera e propria “rivoluzione”, ancora più difficile “delle crisi economiche e finanziarie” dell’ultimo mezzo secolo. Ne è convinto l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, secondo il quale a provocare un “cambio di paradigma totale” sono le auto elettriche e quelle a guida autonoma, assieme all’ingresso in scena di “nuovi attori, aziende con grandi capitali alle spalle, provenienti da settori diversi”. Nella sua lectio magistralis al Polo della meccatronica di Rovereto, in Trentino, dopo aver ricevuto la laurea honoris causa in ingegneria industriale dall’Università di Trento, il numero uno di Fca ha spiegato che “solo alcuni marchi, molto forti e altamente specializzati, rimarranno indenni o saranno solo parzialmente toccati da questa rivoluzione. Per quanto ci riguarda, mi riferisco ad esempio ad Alfa Romeo e Maserati, la cui identità è nell’esperienza stessa di guida. A Jeep, che è un’icona dei fuoristrada ed è sempre stata associata ai concetti di libertà e avventura. E ovviamente a Ferrari, che vive del suono del motore e di qualcuno alla guida”.

Automotive, è la Toscana la regione italiana con più auto elettriche

Gli altri, invece, dovranno fare i conti con un nuovo mondo fatto non solo di “velocità dell’innovazione e ritmo del cambiamento“, ma anche di nuovi concorrenti esterni al settore automotive. “Sono convinto – ha sottolineato Marchionne – che oggi più che mai dobbiamo rimanere aperti a tutto. Anche a inventarci da capo. Dobbiamo essere pronti al nuovo, ad accoglierlo e a trarne beneficio. In Fca ci siamo allenati per tredici anni e mezzo, ogni giorno”. Con un nuovo piano industriale, in arrivo “entro il primo semestre 2018”, ma anche con lo spin-off di Magneti Marelli e la sperimentazione per la guida autonoma del Centro ricerche Fiat al Polo della meccatronica di Rovereto”.

Il futuro dell’auto: i progetti di tutti i grandi costruttori da qui al 2020

Il leader del gruppo Fca, invece, si è detto poco convinto che il futuro sia rappresentato dalle auto elettriche: “possono sembrare una meraviglia tecnologica, soprattutto per abbattere i livelli di emissione nei centri urbani, ma si tratta di un’arma a doppio taglio” come per l’idrogeno, che “ci avrebbe dato auto pulitissime, ma ottenute a scapito di enormi quantità di energia e di emissioni inquinanti a causa del processo di produzione”. Allo stesso modo, i limiti dell’elettrico “non riguardano solo i costi, l’autonomia, i tempi di ricarica o la rete di rifornimento. A livello globale, due terzi dell’energia elettrica deriva da fonti fossili. Il carbone, che è il peggiore in termini di inquinamento, pesa per circa il 40%“. E se non si risolve il problema di “produrre l’energia da fonti pulite e rinnovabili”, la conversione all’elettrico rappresenta “una minaccia all’esistenza stessa del nostro pianeta”. Per Marchionne, invece, è certamente “più utile concentrarsi sui miglioramenti dei motori tradizionali e lavorare alla diffusione di carburanti alternativi, soprattutto il metano“.

Una posizione contestata dall’amministratore delegato dell’Enel, Francesco Starace, secondo il quale “sono punti di vista”, mentre per i parlamentari Cinque Stelle Marchionne è “un signore della Old Economy” e per il coordinatore dei Verdi, Angelo Bonelli, ha assunto “una linea preistorica”.

  • 220 Share

Personaggi

Altri argomenti

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

  • Luca

    Chi critica Marchionne dovrebbe spiegare cosa asserisce di sbagliato: l’Italia, in quanto a elettricità prodotta da fonti rinnovabili o nucleare sta messa anche molto peggio di altri Stati. Neanche un quarto…e va sempre peggio. Dopo i maxi incentivi che han fatto arricchire solo multinazionali e criminalità (per impianti ormai in rapida obsolescenza) ora NON SI PUÒ più investire nel settore; provate a richiedere un’autorizzazione anche per una singola pala eolica e/o campo fotovoltaico…e vedrete cosa vi risponderanno: Comuni, commissioni paesaggistiche, Regioni, Soprintendenze ecc. ed aggiungerei anche gli stessi “ambientalisti” che lo denigrano (Starace fa solo business…vendendo nei sui punti di ricarica l’energia a €0,40/kw, controllate pure…)

Articoli correlati