Commercio digitale auto usate: chi e come compra e vende auto online

LA GUIDA

La trasformazione digitale del commercio delle auto usate: tendenze e protagonisti



A causa della spinta alla digitalizzazione causata dalla pandemia e della carenza di chip per la strumentazione elettronica delle vetture, il mercato delle auto usate cresce e si trasferisce gradualmente sulle piattaforme online. Qui tutto sul commercio digitale delle auto usate

di Pierluigi Sandonnini

26 Mag 2022


Auto usate, il commercio digitale

Il mercato delle auto usate sta vivendo una stagione felice, complici i forti ritardi nelle consegne di auto nuove dovuti alla carenza di chip per la strumentazione elettronica delle vetture, e, grazie anche alla spinta alla digitalizzazione causata dalla pandemia, si sta estendendo al commercio digitale.

Il primo a parlare di “onlife”, sostantivo che indica l’integrazione fra il mondo del digitale e il mondo reale, è stato il filosofo ed esperto di AI Luciano Floridi. Anche il sociologo Francesco Morace, docente di social innovation al Politecnico di Milano, consulente per aziende e istituzioni e presidente di Future Concept Lab, ha ripreso in seguito il concetto, arrivando a enunciare che “questa non è un’epoca di cambiamento ma un cambiamento d’epoca”, e individuando quelli che, dal suo punto di vista, sono i paradigmi del futuro, irreversibili, che coinvolgono inevitabilmente anche il settore della mobilità e dell’aftermaket. È da queste premesse che occorre partire per comprendere la trasformazione digitale del commercio delle automobili usate. Un settore che negli ultimi tempi ha fatto registrare un notevole fermento.

Così, mentre le nuove immatricolazioni calano (ad aprile 2022 il barometro ha fatto registrare -33%), gli automobilisti si rivolgono maggiormente al mercato dell’usato. E in questo frangente il digitale acquista sempre più terreno.

Il mercato delle auto usate 

Il mercato delle auto usate ha chiuso il 2021 con un incremento del 13,2% rispetto al 2020; se si prende a confronto il 2019, però, anno pre-Covid, si registra un calo del 2,3%. Per ogni 100 autovetture nuove sono state vendute in media 200 auto nel corso dell’intero anno, 263 nel solo mese di dicembre. I passaggi di proprietà, lo scorso anno, hanno doppiato quindi le immatricolazioni.

WHITEPAPER
Migrazione in cloud: migliorare e velocizzare i processi con l'offerta Rise with SAP
Cloud
Digital Transformation

Nel mercato dell’usato prevalgono ancora le alimentazioni tradizionali (diesel e benzina); la quota dell’ibrido a benzina continua a crescere di consistenza (3,4% a dicembre 2021 e 2,3% nell’intero anno). Le auto diesel sono in testa (56,3% nel 2021). La quota di auto ibride a benzina nel complesso nell’anno è stata pari al 2,5% (Fonte: ACI).

Commercio digitale auto usate: l’88% cerca informazioni online

La pandemia ha intaccato, forse in modo irreversibile, il modello tradizionale del commercio anche nel settore automobilistico: durante i lockdown chi era interessato all’acquisto di un veicolo, non potendo visitare lo showroom del rivenditore, ha navigato in Rete, trovando sul web le informazioni necessarie per acquistare la sua nuova automobile.

Si stima che circa l’88% delle persone interessate a una nuova auto abbia cercato le informazioni online e il 60% abbia trascorso diversi mesi a navigare tra piattaforme, annunci web e altre forme di pubblicità o contenuto digitale, prima di prendere una decisione.

Sono diverse le aziende automobilistiche che hanno saputo intercettare questo trend e hanno usato la rete per spingere la propria offerta. Molti concessionari hanno realizzato “storie” o “dirette” sui social network per comunicare al pubblico un nuovo modello di automobile, consigliando una versione anziché un’altra in base alle necessità del potenziale acquirente.

In questo modo si è fatto gradualmente strada anche l’e-commerce: i consumatori non si sono più limitati a sostituire lo showroom con la Rete, hanno anche accettato di trasportare online il fatidico momento dell’acquisto. E, secondo una indagine di Cox Automotive, sono sempre di più quelli che preferiscono cercare autonomamente le varie offerte di auto anziché sedersi di fronte a un venditore in carne e ossa.

Commercio digitale auto usate: cosa non deve mancare in un sito web di vendita di automobili 

  • strumenti per effettuare il preventivo online
  • soluzioni per calcolare la rata del finanziamento
  • database online con tutte le automobili disponibili da filtrare con ricerca avanzata
  • customizzazione della vettura
  • confronto tra modelli simili

Accanto a questi contenuti, è assolutamente necessaria l’assistenza online: le aziende devono assicurare un servizio di Customer Care che integri diversi strumenti, dalla chat al contatto telefonico. Un’altra necessità per il mercato automobilistico è legata alla raccolta e all’organizzazione dei dati, grazie a software CRM che integrano le attività di marketing e vendita.

Commercio digitale auto usate: cosa stanno facendo le case automobilistiche? 

Per quanto riguarda il mercato digitale dell’auto, il panorama è piuttosto eterogeneo: molte concessionarie lavorano ancora in maniera tradizionale e prediligono i rapporti diretti con i potenziali acquirenti, altre si sono già avviate verso la vendita online. Di recente, il Gruppo Fca ha aperto il suo primo e-commerce di automobili: un segnale importante per tutto il comparto. Il lancio della piattaforma è l’apice di un percorso di digitalizzazione intrapreso mesi fa dall’azienda, che durante la pandemia ha lanciato il progetto Car@Home, una piattaforma basata su Google Meet che mette in contatto le concessionarie con i potenziali clienti. Prossimamente, grazie a questa iniziativa si arriverà a gestire il processo di vendita online con l’assistenza da remoto, la sottoscrizione della proposta finanziaria, grazie a strumenti come la firma digitale, e l’auto potrà addirittura essere consegnata direttamente a casa. La strada del mercato digitale della compravendita delle auto è ormai segnata.

Fca si allea con Amazon, ora le auto si comprano online

Auto usate on line: chi vende e chi compra

Ecco alcune aziende che sono già attive in Italia nel mercato digitale delle auto usate.

BCA Italia 

BCA Italia ha sede a Lodi. Gestisce sia le aste on line sia quelle fisiche, servendosi di un team di cinquanta persone. I veicoli messi all’asta provengono dai principali dealer del settore automotive, da operatori di flotte aziendali, costruttori, società di leasing e finanziarie, noleggiatori a lungo e breve termine. I compratori sono tutti professionisti del settore automotive; BCA offre un elevato stock a livello europeo, più di 5mila veicoli disponibili on line, possibilità di acquistare lotti unici, gestione amministrativa e documentale, possibilità di richiedere il trasporto e la consegna in tutta Europa. BCA Italia è un provider del servizio completo di gestione del re-marketing dell’usato B2b: quotazioni online e in tempo reale (MarketPrice), stoccaggio dei veicoli presso l’hub BCA, ispezione stato d’uso e preparazione alla vendita, gestione asta, gestione amministrativa e documentale.

AutoScout24 e AUTOproff 

Nel marzo 2022, AutoScout24, principale marketplace automobilistico online paneuropeo, ha chiuso un accordo per acquisire una quota di maggioranza di AUTOproff, piattaforma B2b europea per la compravendita di veicoli usati. Il perfezionamento della transazione è previsto nel secondo trimestre del 2022. Grazie a questa acquisizione, AutoScout24 aggiunge la vendita B2b e consentirà ai concessionari di vendere e acquistare veicoli in tutta Europa attraverso il canale digitale, sia al dettaglio sia all’ingrosso. I clienti concessionari di AutoScout24 avranno accesso a un ulteriore canale di sourcing e a nuove soluzioni per migliorare l’efficienza delle loro attività di trade-in e vendita all’ingrosso.

strada, esterni Descrizione generata automaticamente

AUTOproff è una piattaforma digitale B2b per auto che consente ai concessionari di vendere e acquistare veicoli tramite aste online. Dal 2013, anno di fondazione, AUTOproff ha messo all’asta oltre 120mila veicoli. Si tratta della principale piattaforma digitale B2b in Danimarca, ma la sua presenza è in crescita in tutta Europa.

Cazoo e brumbrum 

All’inizio del 2022, Cazoo, operatore europeo attivo nella vendita di auto online, ha raggiunto un accordo per l’acquisizione della piattaforma italiana brumbrum, attiva nella vendita e nel noleggio a lungo termine di auto online. Si tratta di un’operazione da 80 milioni di euro, tra cash e azioni di Cazoo. Una volta completato il processo di integrazione, la proposta completa di Cazoo sarà disponibile anche in Italia.

Auto usate online, Cazoo alla conquista dell’Europa: 630milioni per la startup che in Italia ha comprato brumbrum

Nata nel 2016, brumbrum ha sede a Milano e oggi impiega un team di 180 persone, inclusi gli addetti alla riqualificazione dei veicoli impiegati nello stabilimento di Reggio Emilia. Lo stabilimento si estende per 40.000 mq e ha la capacità di ricondizionare più di 15mila veicoli all’anno.

Cazoo è stata fondata nel 2018 dall’imprenditore inglese Alex Chesterman; dal 2021 è quotata alla Borsa di New York e dispone di un team di oltre 3.800 persone distribuite tra Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Portogallo. Dal lancio Cazoo ha venduto più di 50mila auto.

GestionaleAuto 

GestionaleAuto è la piattaforma di multi pubblicazione annunci più utilizzata in Italia. Si tratta di un software di stock management che semplifica la pubblicazione degli annunci di veicoli su centinaia di portali. GestionaleAuto.com sviluppa soluzioni digitali per oltre 2.500 operatori automotive; l’offerta comprende: GestionaleAuto, il multi pubblicatore di annunci; GestionaleWeb, l’e-commerce di veicoli; GestionaleLead, il CRM e GestionaleAds, la pubblicità.

Constellation Automotive Group 

Constellation Automotive Group, il maggiore marketplace digitale di auto usate integrato verticalmente in Europa, ha annunciato l’acquisizione di CarNext, marketplace digitale B2b e B2c di auto usate che opera in 22 aree geografiche in Europa. Dall’unione è nato un colosso con vendite di oltre 2,5 milioni di auto all’anno, per un valore lordo (GMV – Gross Merchandise Value) di 21 miliardi di euro.

AUTO1.com e Autohero

AUTO1.com, marketplace B2B online dedicato al commercio di auto usate, ha stretto una partnership con Assonauto, Associazione nazionale dei rivenditori d’auto. Grazie all’accordo, i rivenditori professionali associati ad Assonauto hanno la possibilità di accedere alle soluzioni digitali sviluppate da AUTO1.com e dedicate al mercato B2b dei veicoli usati; in particolare, possono accedere a uno stock di oltre 30mila auto in tutta Europa, costantemente aggiornato con più di 3mila veicoli al giorno.

Di AUTO1 Group fa parte anche Autohero, azienda nata a Berlino nel 2017 e arrivata in Italia a metà del 2019. Autohero è un vero shop online di auto usate, con un parco auto interamente di proprietà sottoposto a severi controlli che ne garantiscano l’elevato standard di qualità. Il potenziale acquirente viene accompagnato in ogni passaggio dell’esperienza d’acquisto digitale: dalla ricerca esplorativa dell’auto, passando per la ricerca personalizzata, l’individuazione del veicolo adatto alle proprie esigenze, le modalità di pagamento, la consegna dell’auto a casa o in un punto di ritiro e infine all’assistenza post-vendita. L’acquirente gode di una garanzia di 12 mesi, estendibile in termini di copertura e durata e di un periodo di recesso esteso a 21 giorni rispetto ai 14 previsti per legge.

WHITEPAPER
Distance Selling: come trasformare il New Normal in una straordinaria opportunità di crescita
Pierluigi Sandonnini

Ho una formazione ibrida, tecnologica e umanistica. Nuove tecnologie I&CT e trasformazione digitale sono i miei principali campi di interesse. Ho iniziato a lavorare nella carta stampata, mi sono fatto…