Auto a guida autonoma senza conducente, Alibaba sfida Google | Economyup

SELF DRIVING CARS

Auto a guida autonoma senza conducente, Alibaba sfida Google



AutoX, startup californiana finanziata da Alibaba, chiede la licenza per testare l’auto a guida autonoma senza conducente. Sfidando così Waymo, società che ha già avviato i test nel 2017. Il VIDEO e le FOTO

06 Dic 2019


Nel 2020 potrebbe aprirsi uno scenario interessante nell’auto a guida autonoma senza autista di backup a bordo (ma monitorate a distanza da un autista di controllo remoto). AutoX, startup californiana finanziata dal colosso dell’e-commerce cinese Alibaba, scende in pista e chiede la licenza per testare la sua self driving car senza conducente. Obiettivo: sfidare Google che, tramite la controllata di AlphabetWaymo, aveva avviato lo stesso test nel 2017. Come riporta CorCom, si tratta di un passo avanti nella gara per portare su strada i primi servizi di consegna e i primi taxi driverless.

AutoX, la driverless car di Alibaba che sfida Google

 

AutoX – specifica CorCom – è molto più piccola di Waymo da un punto di vista economico ma anche tecnologico e di personale. Tuttavia, è la prima di un gruppo di oltre 60 aziende che stanno premendo per ottenere licenze e iniziare una fase di test approfondito. “Dopo tre anni di sforzi – ha detto Jewel Li, il responsabile delle operazioni dell’azienda – riteniamo di avere una tecnologia molto potente e sicura per il pubblico”.

Dietro ad AutoX ci sono Alibaba ma anche Dongfeng Motor Group, altro colosso cinese. L’azienda è stata fondata dal professore di Princeton Jianxiong Xiao, specialista in apprendimento automatico relativo ad oggetti 3D, computer vision e robotica. L’azienda ha sede a Hong Kong e sino a questo momento ha raccolto 143 milioni di dollari. Arrivano da investitori vari e AutoX ha già 100 RoboTaxi in test in dieci città nel mondo, tra Cina (ad esempio Shenzhen e Shanghai) e gli Usa a San Jose, nel cuore della Silicon Valley.

Auto a guida autonoma senza conducente, il test di Google

Nel novembre del 2017, per la prima volta nella storia un’auto a guida autonoma ha circolato per le strade di una città senza che ci fosse un umano seduto sul sedile dell’autista pronto a riprendere il controllo nel caso in cui qualcosa andasse storto: ad annunciarlo è Waymo, società del gruppo Alphabet ed ex progetto Google driverless car. Il CEO dell’azienda, John Krafcik, ha fatto sapere che Waymo ha iniziato i test sulle strade di Phoenix, nello Stato americano dell’Arizona. In questo video ecco come è andata.

FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
Città resilienti: infrastruttura tecnologica, governance dei dati, valore della comunità
IoT
Smart Mobility

Auto a guida autonoma senza conducente, le aziende in gara

Sono tante le aziende che si sono lanciate nella gara delle auto che si guidano da sole: dall’unità Cruise di General Motors a Uber, che – come riporta ancora CorCom- lavora ai suoi sistemi di guida autonoma, per arrivare a decine di altre aziende hi-tech che stanno cercando di approcciare il problema considerato uno dei principali vettori di crescita e trasformazione della società dei prossimi anni. Tutti quanti però hanno forti difficoltà a mantenere le promesse di risultato e rispettare i piani di sviluppo e crescita. Fare auto che si guidano da sole è molto difficile, a quanto pare.

Tra le altre aziende – ricorda ancora CorCom – che stanno seguendo la strada di questo tipo di test ci sono anche TeslaLyft e Cruise, società controllata di General Motor, oltre a Uber. Altre aziende con delle autorizzazioni parziali sono Zoox e Pony.ai, con dietro Sequoia Capital ma anche Toyota e Hyundai.

Auto a guida autonoma: che cosa sono, come funzionano, le applicazioni in Italia