Sailsquare, i viaggi in barca a vela alla portata di tutti | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

In vacanza con la startup

Sailsquare, i viaggi in barca a vela alla portata di tutti

07 Lug 2015

La piattaforma social per la condivisione di esperienze in mare sta trasformando il mondo dei viaggi in barca a vela rendendoli più accessibili (con un risparmio del 30%) e personalizzati con pacchetti creati dagli utenti. “Con il nuovo investimento di 500mila euro sbarcheremo sul mercato dei Caraibi” dice il co-founder Riccardo Boatti

Se pensate che quella in barca a vela sia una vacanza per pochi fortunati danarosi, per l’estate 2015 cominciate a cambiare idea. Perché con sailsquare la vacanza in barca a vela diventa non solo alla portata di tutti ma anche un’esperienza da dividere in community.

Vacanze, 10 startup per organizzarle con un clic

Sailsquare, infatti, è la piattaforma social per condividere vacanze in barca a vela che ha tradotto in chiave marittima il concetto di “user-generated holiday”, proponendo il concetto di vacanza in barca peer-to-peer. “In pratica la piattaforma mette in contatto chi ha una barca a vela con chi desidera vivere un’esperienza di questo tipo in mare, e insieme organizzano la vacanza. Non proponiamo pacchetti preconfezionati di vacanze, ma è la community stessa che sceglie e organizza la rotta”, racconta Riccardo Boatti, co-fondatore e CMO di sailsquare.

In pochi clic, dunque, gli armatori iscritti a sailsquare possono creare la propria vacanza su misura, invitando i propri amici o tutta la community a partecipare, mentre gli utenti possono entrare a far parte di un equipaggio in via di formazione: l’affidabilità della community è costantemente monitorata attraverso un sistema di verifiche, feedback e recensioni.

Da un avventuroso viaggio in Grecia sulle orme di Ulisse a una rilassante settimana nel paradiso della Corsica del Sud, la varietà delle rotte proposte ha come unico limite

l’immaginazione dello skipper. I viaggiatori possono scegliere tra centinaia di soluzioni e condividere la vacanza che più corrisponde ai propri desideri. È possibile salire a bordo da soli o con i propri amici, anche riservando l’intera imbarcazione.

E non è un caso che la startup abbia appena ricevuto un nuovo round di finanziamento di 500mila euro da LigurCapital (fondo di capitale di rischio della Regione Liguria) e da alcuni business angel che hanno deciso di investire in questo progetto.

Del resto I numeri parlano chiaro e promettono bene: forte di una community di oltre 25mila viaggiatori, con più di 500 armatori e oltre 1.000 proposte pubblicate nel solo primo semestre di quest’anno, sailsquare propone più di 35 destinazioni sulle coste e isole di Italia, Spagna, Croazia, Grecia, Turchia, Francia e Canarie.

“Con questo nuovo round di finanziamenti vogliamo espandere il nostro focus anche al di fuori del Mediterraneo, con il mare dei Caraibi come nostro primo obiettivo”, spiega Boatti.

Quarantuno anni, milanese, un percorso di studi in architettura mai concluso e una passione per il digitale e per la barca a vela, sport che pratica da bambino, Riccardo Boatti fonda Sailsquare nel 2012 insieme a Simone Marini, 43 anni, milanese, manager della comunicazione digitale e dell’informaton technology. I due guardano con interesse ai cambiamenti che stanno investendo la società, dal digitale all’hi-tech e alla sharing economy. Decidono così di unire la passione per la barca a vela a questo nuovo modo di fare economia.

Grazie al suo approccio ispirato ai principi del consumo collaborativo e alla connotazione “social” della piattaforma, infatti, sailsquare sta trasformando il mondo dei viaggi in barca a vela, rendendoli più accessibili, più affidabili e adatti a tutti, con un’offerta unica ed estremamente varia, perché creata dagli utenti stessi.

“La prima release della piattaforma è stata completamente autofinanziata con 80mila euro. Alla fine del 2013 avevamo un fatturato di qualche decina di migliaia di euro, 4500 gli utenti iscritti, 350 le persone partite utilizzando questo servizio – continua Boatti. E sempre nel 2013 arriva il primo finanziamento di 190mila euro da parte di un gruppo di business angel. Nel 2014 sono 12mila gli utenti registrati e 800 le persone partite con sailsquare. Ora puntiamo a portare in vacanza almeno 2mila persone”.

L’utente tipo? “Ha tra i 25 e i 45 anni, tecnologicamente evoluto, consapevole delle potenzialità della sharing economy, usa spesso BlaBlaCar e servizi simili” continua l’imprenditore.

E conclude: “Siamo a un punto importante dell’avventura di sailsquare. In soli tre anni abbiamo ottenuto ottimi risultati che ci hanno permesso di diventare un punto di riferimento per molti viaggiatori ed appassionati di mare e molte persone, grazie alla nostra piattaforma, hanno scoperto per la prima volta l’esperienza unica di un viaggio in barca a vela. Con notevoli vantaggi: sailsquare offre profili degli utenti verificati, un sistema di pagamento protetto, la presenza di skipper e barche selezionate e un sistema di review degli utenti affidabile, tutto per fornire il massimo della comodità e sicurezza ai viaggiatori, che possono scoprire il mare guidati dall’esperienza di chi lo conosce. Non ultimo, la condivisione del viaggio permette a chi sceglie di partire con sailsquare di risparmiare fino al 30% rispetto all’offerta tradizionale”.

 

  • fabio78p

    Ho utilizzato il servizio di SailSquare per organizzare un weekend tra amici. Sono stati 2 giorni andati malissimo, dove è successo di tutto tra cui le cose più gravi sono: uno dei partecipanti avvicinando alla scaletta per risalire a bordo dall’acqua è stato colpito in testa dalla passerella mal fissata alla barca. 12 punti in testa, 7 giorni di prognosi e lo skipper che ha tentato di minimizzare e di evitare il rientro in porto per andare al pronto soccorso.
    il tour in barca prevedeva le cinque terre, ma lo skipper fa sapere che, nonostante sia già metà stagione, non ha ancora richiesto il pass per poter entrare nel parco, quindi non possiamo avvicinarci, non possiamo sostare né sbarcare alle cinque terre. In ultimo, nonostante avessimo noleggiato l’intera barca, lo skipper chiede insistentemente il pagamento di una quota in più (non dovuta) per la settima persona a bordo. Non commento neanche l’atteggiamento generale dello skipper e la totale mancanza di proattività, interazione ed interesse verso il gruppo ospitato.
    In tutto questo SailSquare si è totalmente tirato fuori dalla faccenda, ha semplicemente fatto da mediazione alla discussione successiva nata tra noi e lo skipper. Se ne è totalmente lavata le mani dicendo che loro sono solo gli organizzatori, gli intermediari e che tutte le questioni legate al servizio reso sono un rapporto diretto tra le parti.
    Sostanzialmente si va al buio, nel senso che se prenotavamo a caso da qualsiasi annuncio presente su internet di uno skipper, avremmo avuto le stesse garanzie e lo stesso supporto che ci ha garantito questo sito.
    Sconsiglio vivamente di utilizzare la piattaforma.

  • Malanima

    Trovo che l’idea sia molto interessante, per questo ne abbiamo usufruito con degli amici. Peccato che la vacanza sia stato un disastro. Gli skipper non sono professionisti e la loro selezione non è ben chiara. Inoltre Sailsquare garantisce solo che tra utenti e skipper/armatori non ci siano fregature, non garantisce quindi sulla bontà della vacanza, anche se la loro comunicazione “parti con noi” sembra rimandare a un tour operator, che loro di fatti non sono.

  • Mario85TO

    Da appassionato di vela, ho provato Sailsquare su consiglio di un amico che aveva già fatto una vacanza con loro e si era trovato molto bene, e devo dire che dopo questa esperienza non posso far altro che confermare!
    Mi sono trovato bene sotto tutti i punti di vista: quello che ho apprezzato in particolare è l’organizzazione prima della partenza, con la possibilità di conoscere attraverso la piattaforma i futuri compagni di viaggio e scambiare idee e opinioni con loro, la competenza e cortesia dello skipper e soprattutto la professionalità dei ragazzi di Sailsquare!
    Ottima idea e perfetta realizzazione! Ci tornerò sicuramente!

  • Beatrice

    Nessuna vacanza è bella come quelle con Sailsquare. Bravi e organizzati, ti regalano esperienze che ti lasciano addosso un grande entusiasmo. Sono alla terza vacanza con loro, e a breve la prossima!

  • Pietro

    Ho fatto un weekend con sailsquare un po di tempo fa, siamo partiti da San Remo e abbiamo navigato verso la Francia. La mia esperienza è stata davvero positiva, in quei pochi giorni ho stretto nuove amicizie che porto avanti ancora oggi e lo skipper è stato molto professionale ma allo stesso tempo ci ha fatto divertire moltissimo.
    Per me esperienza consigliatissima!

Articoli correlati