TechCrunch Italy, ecco gli otto finalisti | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Start up

TechCrunch Italy, ecco gli otto finalisti



Aenduo, Bauzaar, Bemyeye, Fluentify.com, Gipstech, Pathflow, Sportboom e Vivocha: sono queste le start up selezionate che vanno al picth finale nell’evento che si terrà a Roma il 26 e il 27 settembre. Al vincitore vanno 50 mila euro offerti da Populis

di Redazione EconomyUp

11 Set 2013


TechCrunch e Populis annunciano oggi gli 8 finalisti ammessi alla Startup Competition di TechCrunch Italy, il principale evento italiano dedicato al digitale e alle startup, che lancerà la sfida finale a Roma il 26 e 27 settembre al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo.

Per il 2° anno consecutivo TechCrunch Italy offre all’imprenditoria digitale del nostro Paese un’opportunità unica per ottenere una vetrina internazionale e incontrare alcuni tra i maggiori luminari mondiali del web.

I finalisti rappresentano le migliori startup italiane, selezionate tra oltre 200 candidature da un advisory board di esperti di tecnologia, venture capitalist, giornalisti e noti imprenditori dello scenario digital. I progetti in finale verranno esposti nel corso di diversi pitch durante i due giorni dell’evento: il vincitore del premio del valore di 50.000€ offerti da Populis verrà annunciato venerdì 27 settembre alle 18.30, durante la cerimonia di chiusura.

I finalisti della Startup Competition di TechCrunch Italy 2013 sono:

Aenduo

Bauzaar

Bemyeye

Fluentify.com

GiPStech

Pathflow

Sportboom

Vivocha

Il premio finale, offerto da Populis, consisterà in un fondo di 10.000€ e un pacchetto di visibilità di 40.000€ sulle media properties del Gruppo, fondato da Luca Ascani e Salvatore Esposito, che comprende alcuni tra i siti di news online più visitati in Italia, Germania e Brasile

Redazione EconomyUp