Stratumn, la startup della blockchain che piace alle assicurazioni | Economyup

Stratumn, la startup della blockchain che piace alle assicurazioni



Nel 2017 ha raccolto 8 milioni di euro, di cui uno nell’ultimo round d’investimento del fondo C Entrepreneurs di BNP Paribas Cardif. La sua innovazione? Un sistema di protezione, basato sulla catena a blocchi, per rendere sicuro lo scambio di informazioni tra partner azindali, clienti e autorità di regolamentazione

06 Dic 2017


Si chiama Stratumn ed è una startup francese che punta a rivoluzionare il mondo delle assicurazioni, utilizzando la tecnologia blockchain. Di recente ha ricevuto un milione di euro di investimento da parte di C Entrepreneurs il braccio di venture di Bnp Paribas Cardif. Che se sommati ai 7 raccolti a metà 2017 da Open Cnp, Otium Venture, Nasdaq e Digital Currency Group, portano il totale raccolto a 8 milioni quest’anno.

Ma quale soluzione innovativa propone Stratumn? Come ha spiegato in questo articolo di InsuranceUp, Stratumn, fondata a Parigi nel 2015 da Richard Caetano, imprenditore americano, Stephane Florquin e Sebastian Couture, ha sviluppato una tecnologia basata sulla catena di blocchi e la crittografia per proteggere e snellire i processi tra partner aziendali, clienti e autorità di regolamentazione, assicurando la privacy dei dati e riducendo gli attriti e i costi operativi.

WHITEPAPER
Blockchain nel settore energetico: quali opportunità per lo scambio di energia P2P?
Blockchain
Utility/Energy

«Nelle assicurazioni, le operazioni aziendali coinvolgono spesso diversi partner ed è l’ambiente naturale di BNP Paribas Cardif che opera nel B2B2C – ha commentato l’investimento Thibaut Schlaeppi, Head of Startup relations & investments BNP Paribas Cardif  – la tecnologia di Stratumn non solo può ridisegnare la gestione dei processi end-to-end, ma può anche contribuire ad affrontare i problemi di compliance sulla privacy, grazie al suo sistema di crittografia avanzata. Siamo entusiasti di collaborare con Stratumn e supportare il loro sviluppo».