Startup: 520mila euro per Martha's Cottage, l'e-commerce per il matrimonio | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AUMENTO DI CAPITALE

Startup: 520mila euro per Martha’s Cottage, l’e-commerce per il matrimonio



Aumento di capitale per la società siracusana che ha raccolto 430mila euro su Mamacrowd e da investitori privati che hanno aderito al funding dopo la campagna di equity crowdfunding. I capitali serviranno per nuove attività di marketing e per rafforzare la presenza sui mercati internazionali

07 Feb 2019


Il team di Martha's Cottage

Attirare nuovi clienti con attività di marketing mirate e rafforzare la presenza sui mercati internazionali: sono questi gli obiettivi che Martha’s Cottage, l’e-commerce per il matrimonio, intende raggiungere grazie a un nuovo aumento di capitale di 520 mila euro, ottenuto con una campagna di equity crowdfunding e con il successivo contributo di altri investitori privati. In particolare, la startup, in meno di tre mesi, ha raccolto 430.000 euro su Mamacrowd, raggiungendo il 215% dell’obiettivo iniziale e ha attirato l’interesse di molti investitori privati che hanno aderito al funding dopo il termine della campagna, con un ulteriore investimento di 90mila euro.

Non solo Mosaicoon: in Sicilia c’è anche Martha’s cottage, che ora pensa a negozi fisici

Aumento di capitale da 520mila euro per Martha’s Cottage

L’obiettivo dei mercati esteri non è una novità per Martha’s CottageLa startup siracusana ha avviato l’espansione internazionale nel 2017 e solo un anno dopo ha chiuso l’esercizio con un fatturato più che raddoppiato, pari a 1,5 milioni di euro, di cui circa il 20% realizzato all’estero, in Francia, Spagna e Germania.

“Martha’s ha dimostrato di poter crescere e scalare il business dei matrimoni. Questo funding è determinante per supportare le attività di marketing rivolte ad espandere la base clienti e stimolare la crescita a livello internazionale, accelerando lo sviluppo in Italia e in Europa” ha dichiarato Salvatore Cobuzio, founder & CEO di Martha’s Cottage. “A oggi realizziamo il 20% dei ricavi all’estero e l’obiettivo per il 2020 è di salire a quota 85%. E questa raccolta rappresenta un ponte verso un ulteriore e decisivo funding che ci consenta il salto dimensionale da startup a scaleup. È un passaggio a cui puntiamo e per il quale stiamo valutando anche le proposte di alcuni investitori industriali” ha puntualizzato l’imprenditore

Martha’s Cottage: la startup dei matrimoni supera un milione di fatturato e apre una nuova sede

Martha’s Cottage, l’e-commerce per il matrimonio

Fondata alla fine del 2013, Martha’s Cottage è riuscita a intercettare il cambiamento di un business da tradizionale a digitale, cogliendo la grande opportunità che si è presentata quando le millennial hanno iniziato a usare il web per organizzare il proprio matrimonio. In media per un matrimonio si spendono circa 30mila euro, di questi, il 50% è destinato a servizi offline come il catering e la location mentre la restante parte è vendibile online. Nel dettaglio, la vendita di prodotti e accessori per il matrimonio copre il 10% del budget e, poiché nel mondo occidentale si celebrano ogni anno oltre cinque milioni e mezzo di matrimoni – e si tratta di un numero destinato ad aumentare con le unioni gay – il mercato per la vendita di prodotti e accessori per la festa di nozze supera, a livello internazionale, i 17 miliardi di euro. Ad oggi, con 45mila spose clienti, la media di 150 matrimoni al giorno, un catalogo di 5.000 prodotti e una presenza consolidata in Italia, Francia, Spagna e Germania, Martha’s Cottage ha raggiunto una quota di mercato di oltre il 20% in Italia ed è l’e-commerce leader in Europa in questo segmento di mercato.