«Se Uk lascia l'Europa le startup italiane potrebbero preferire Berlino» | Economyup

#StartupNoBrexit

«Se Uk lascia l’Europa le startup italiane potrebbero preferire Berlino»



Per Stefano Tresca, avvocato e mentor dell’acceleratore Level39, la Brexit non avrà effetti sugli italiani che vivono a Londra. Le giovani imprese? Potrebbero andarsene. Ma non quelle del fintech, dove la Gran Bretagna è leader

di Stefano L. Tresca

16 Giu 2016


Stefano TrescaIl 23 giugno i cittadini della Gran Bretagna sono chiamati a decidere attraverso un referendum se il loro Paese dovrà uscire o meno dall’Unione europea. Un tema che coinvolge anche l’ecosistema delle startup, che a Londra è il primo inEuropa con 8,2 miliardi di euro di investimenti (dati aggiornati al 2016), 207 miliardi di fatturato e 274 mila startup attive. Tra queste ci sono anche quelle fondate e cresciute in UK da italiani o altre che operano sul mercato britannico, così come ci sono imprenditori italiani attivi sul territorio. EconomyUp ha chiesto ad alcuni di loro cosa ne pensano della Brexit e quali conseguenze ritengono che avrà sul futuro della giovane imprenditoria. Ecco l’intervento di Stefano L. Tresca, avvocato, mentor di acceleratori inglesi di rilievo, come Level39, e blogger di EconomyUp.

Non succederà nulla agli Italiani che sono già in Inghilterra. Italia e UK sono entrambi paesi membri della Convenzione di Vienna. La Convenzione protegge i diritti acquisiti in caso di modifica di trattati internazionali. Questa interpretazione è stata confermata pubblicamente dal portavoce (informale) del movimento pro-Brexit, l’ex sindaco di Londra Boris Johnson. Ma anche dalle principali associazioni come The Institute of Directors.

La vita sarà molto più dura per chi non è ancora arrivato in Inghilterra. Alcune startup Italiane in futuro potrebbero preferire Berlino. Non in settori dove l’Inghilterra è leader mondiale come il fintech (la tecnologia nel settore finanza) ma potrebbe succedere in altri settori.

WHITEPAPER
Cosa vuol dire investire in Startup? 10 cosa da sapere
Startup

Una ultima considerazione. Londra è piena di imprenditori provenienti da tutto il mondo e solo una piccola parte è europea. Se un russo o un cinese possono avere successo in Inghilterra non vedo perché non possa avere successo un Italiano.

*Stefano Tresca è avvocato e ha lavorato nel mondo delle startup in 23 paesi. Dal 2010 è tornato a vivere a Londra, dove è membro fondatore di Level39, il più grande acceleratore al mondo di startup fintech (finanza tecnologica) e future cities (città intelligenti, energia, IoT, etc.) 

Stefano L. Tresca

Vive dal 2010 a Londra dove è membro fondatore di Level39, il più grande acceleratore al mondo di startup fintech. Il suo ultimo libro è "Future Cities", Amazon bestseller.