Roma Startup e Lazio Innova, una partnership per far crescere l'ecosistema romano | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Roma Startup e Lazio Innova, una partnership per far crescere l’ecosistema romano

23 Mag 2016

L’associazione guidata da Gianmarco Carnovale ha firmato un protocollo d’intesa con la società della Regione Lazio. Obiettivo: condivisione di strategia e strumenti per iniziative comuni a favore delle startup locali. Intanto arrivano nuovi associati: Pi Campus e Talent Garden Roma

Gianmarco Carnovale
Roma Startup, associazione che raggruppa gli operatori della filiera del venture business del territorio di Roma, avvia la collaborazione con Lazio Innova, società della Regione Lazio che promuove la creazione e lo sviluppo di startup. L’intesa è stata siglata giovedì scorso durante l’assemblea annuale dell’associazione Roma Startup, riunitasi per l’approvazione di bilancio e per la discussione di nuovi progetti: la riunione è stata l’occasione per formalizzare l’adesione dei nuovi associati Pi Campus e Talent Garden Roma, e per la sottoscrizione di un protocollo di collaborazione con Lazio Innova.

L’associazione, nata nel 2012 seguendo il modello dei grandi Startup Hub internazionali caratterizzati dalla dimensione metropolitana, mette in connessione le differenti realtà attive in una sorta di “parco industriale urbano” localizzato nell’area di Roma, che costituisce già oggi l’ecosistema startup territoriale più grande d’Italia. Roma Startup difatti può contare tra i propri membri ben quarantasei operatori tra grandi aziende, incubatori e fondi, soggetti del mondo associazionistico e accademico, fornitori di servizi o investitori, che assistono quotidianamente le centinaia di startup del territorio.

Per continuare a favorire lo sviluppo di questa filiera, Roma Startup ha sottoscritto un articolato protocollo di collaborazione con Lazio Innova, società della Regione Lazio. In virtù di questo protocollo, le due organizzazioni danno vita ad una partnership pubblico-privata volta a favorire la regia condivisa delle attività di stimolo e supporto del settore.

La durata dell’accordo è di quattro anni prorogabili, durante i quali Lazio Innova e Roma Startup collaboreranno a ideare e realizzare iniziative comuni o a partecipare a iniziative proposte da una delle due parti a favore dell’ecosistema delle startup laziali e del suo sviluppo come filiera del venture business.

L’accordo è aperto inoltre alla partecipazione di chiunque – soggetti pubblici o privati, italiani ed esteri – svolga attività coerenti con le finalità del protocollo d’intesa.

“Ad oggi l’ecosistema startup metropolitano di Roma in cui accogliamo con entusiasmo i due nuovi player Pi Campus e Talent Garden è cresciuto tanto da consolidare la propria leadership nazionale e confrontarsi con molte città estere – dichiara Gianmarco Carnovale, Presidente di Roma Startup – ma l’implementazione della strategia condivisa deve passare ancora per numerose azioni che saranno rese molto più efficaci attraverso la partnership odierna con Lazio Innova, che ha una forte valenza strategica. Il nostro obiettivo resta quello di diventare il City Hub di riferimento di Sud Europa e bacino Mediterraneo”.

“Attraverso questo protocollo d’intesa – ha dichiarato Andrea Ciampalini, Direttore Generale di Lazio Innova – vogliamo consolidare Roma e il suo ecosistema metropolitano come hub internazionale per le startup e, così come per altre analoghe attività di collaborazione recentemente sottoscritte a sostegno delle startup regionali, puntiamo ad attivare una forte sinergia con il nostro partner per pubblicizzare le reciproche attività verso il mondo dei neo-imprenditori, delle startup e in generale dei rispettivi network di contatti. Inoltre, in linea con le politiche regionali, vogliamo favorire interventi congiunti a favore delle startup costituite o costituende, reciprocamente segnalate, o degli operatori del venture business. Infine – ha concluso Ciampalini – cercheremo di favorire contatti congiunti o proposte coordinate nei confronti dei policy maker nazionali e comunitari”.

Dopo il benvenuto ai nuovi soci e la firma del Protocollo, gli associati hanno sottoposto e discusso alcune proposte, fissando alcune delle priorità per i mesi a venire, nonché chiudendo l’assemblea con l’annuncio della scadenza delle attuali cariche elettive ed aprendo le candidature per il prossimo Consiglio Direttivo dell’Associazione, che andrà eletto entro settembre 2016. 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati