RADAR 2021: la seconda edizione della call di Sparkasse per aiutare le aziende a innovare | Economyup

OPEN INNOVATION

RADAR 2021: la seconda edizione della call di Sparkasse per aiutare le aziende a innovare



Si chiude il 21 giugno RADAR 2021, la call di Sparkasse -Cassa di Risparmio di Bolzano per individuare realtà che possano offrire soluzioni innovative a tre aziende clienti della banca: Melinda, FZSoNick, MSM Stampi. Ecco come partecipare

20 Mag 2021


Radar 2021, la seconda call di Sparkasse

Nuovo nome, stessi obiettivi: aiutare le aziende a portare innovazione al proprio interno attraverso la collaborazione con giovani realtà innovative. Si chiama RADAR 2021 la seconda edizione della call di Sparkasse -Cassa di Risparmio di Bolzano, che chiuderà le iscrizioni il 21 giugno 2021. “A differenza dei principali programmi per startup, non  cerchiamo soluzioni per noi, ma realtà che aiutino le nostre aziende clienti a innovarsi. I temi comuni alla call saranno quelli della sostenibilità e della trasformazione digitale” sottolinea Pietro Trentini, Innovation Manager di LDV20.

Pietro Trentini, Innovation Manager di LDV20

Una banca italiana che crede nell’ “innovazione aperta” e che ha iniziato il percorso pochi anni fa creando appunto un programma dedicato, LDV20. L’acronimo  fa riferimento alla via in cui si trova la sede di Bolzano, intitolata a Leonardo Da Vinci, genio e innovatore per eccellenza.

A dicembre 2019, nell’ambito del “LDV20 Open Innovation Program”, è partito il primo programma di corporate-startup matching dello spazio d’innovazione di Sparkasse che si è concluso a ottobre 2020.

Adesso è il momento della seconda call, che però ha un nuovo nome: RADAR 2021. Non è difficile intuirne il motivo: la banca si propone di fungere da radar per scovare le realtà innovative utili ai suoi scopi, anzi, a quelli dei clienti.

RADAR 2021: le tre aziende alla ricerca del matching

Sparkasse ha organizzato la call per tre clienti: Melinda, FZSoNick , MSM Stampi. Vediamo in dettaglio cosa fanno e cosa cercano.

Melinda – Il Consorzio Melinda rappresenta 4.000 famiglie di soci frutticoltori riuniti in 16 cooperative e commercializza con un unico brand tutte le mele provenienti da un territorio unico come la Val di Non e la Val di Sole. Oggi Melinda è diventata la marca di riferimento nel mondo dell’ortofrutta italiano, con un livello di penetrazione elevatissimo nel mercato (un terzo delle mele consumate in Italia è Melinda). Il Consorzio è impegnato nella riduzione continua dei consumi energetici, specialmente negli impianti di conservazione e lavorazione delle mele. È per questo alla ricerca di collaborazioni che consentano l’utilizzo di nuove tecnologie software e di intelligenza artificiale in grado di monitorare e gestire i flussi energetici, integrando sensori e devices presenti nelle diverse strutture del Consorzio.

FZSoNick – È un’azienda tra i principali produttori mondiali che produce e commercializza accumulatori dotati della tecnologia al Sodio Cloruro di Nickel. Si tratta di batterie sicure nell’utilizzo e rispettose dell’ambiente perché costruite con materiali abbondantemente presenti in natura e completamente riciclabili.Questo particolare tipo di batterie ha come principali applicazioni di mercato la mobilità, l’energy storage e la realizzazione di gruppi di continuità. Tra i vantaggi ci sono l’immunità alla temperatura esterna, la non infiammabilità ed esplosività, la non emissione di gas e la lunga durata. Dunque una batteria che ben si adatta all’uso domestico. FZSonick cerca un partner per esplorare la possibilità di implementare queste batterie all’interno di una casa smart.

MSM Stampi – Azienda della provincia di Verona che offre servizi di costruzione stampi e stampaggio su misura di materie plastiche e metalli. A questi è stato affiancato un servizio di assemblaggio, fornendo così al cliente il prodotto finito e testato. L’azienda presta anche molta cura ai materiali utilizzati, con l’utilizzo di prodotti biodegradabili. Attraverso RADAR 2021 MSM Stampi va alla ricerca di un’azienda partner per lo sviluppo di sistemi automatizzati, anche con robot collaborativi, dedicati all’assemblaggio delle componenti. Essenziali in questo processo sono la flessibilità della linea produttiva e la precisione.

“Per queste tre aziende, cerchiamo startup o PMI ad alto livello tecnologico in tutta Italia, ma anche al livello europeo. ” sottolinea Pietro Trentini.

Come partecipare a RADAR 2021

La call resterà aperta fino al 21 giugno 2021. È possibile candidarsi a questo link: https://www.ldv20.com/startup/radar/

I candidati dovranno compilare un form con la presentazione aziendale e con quella di uno specifico progetto. In altre parole gli startupper dovranno indicare a quale azienda intendono rivolgersi e come pensano di poter rispondere alle sue esigenze. “L’importante è che sia un partner con una soluzione già sviluppata almeno in fase prototipale” sottolinea Pietro Trentini.

 RADAR 2021: la selezione

Una volta chiusa la call, LDV20  procederà con la valutazione delle proposte insieme alle aziende coinvolte. Dopo una prima scrematura, saranno organizzati dei pitch con le startup ritenute più interessanti. Già da luglio partiranno i primi colloqui e la sperimentazione delle possibili partnership potrebbe cominciare tra fine estate e inizio autunno.

Così come era accaduto l’anno scorso per la prima call, anche quest’anno è previsto un evento finale al quale prenderanno parte tutte le startup: si svolgerà il 28 ottobre a Bolzano “in forma ibrida”.

Durante l’evento verranno presentate le startup più interessanti e, tra queste, sarà nominata la vincitrice. Il premio, anche quest’anno, è un noleggio auto a lungo termine a 18 mesi.

“Specialmente in un momento come questo – conclude Pietro Trentini – è importante per le aziende continuare ad innovarsi, e  Sparkasse vuole aiutarle a farlo. In questo modo, la Banca avrà tra i clienti società più in continua crescita e competitive. Al tempo stesso la call consentirà a Sparkasse di entrare in contatto con nuove realtà che potranno avviare fruttuosi rapporti di collaborazione con la Banca stessa”.