Partnership tra Bocconi e Plug and Play, via alla seconda call B4i per startup | Economyup

ACCELERATORI

Partnership tra Bocconi e Plug and Play, via alla seconda call B4i per startup



Partnership tra l’acceleratore di Università Bocconi e la piattaforma di open innovation Plug and Play per portare le startup nell’ecosistema globale. La seconda di Bocconi for Innovation parte il 3 giugno, scadenza il 19 luglio

28 Mag 2020


Photo by Savvas Stavrinos from Pexels

La seconda call di B4i – Bocconi for innovation parte con una marcia in più. L’Università Bocconi annuncia la partnership con Plug and Play, la più grande piattaforma di open innovation che riunisce le migliori startup e le più grandi società del mondo e uno dei venture capital più attivi a livello globale con 30 sedi in 16 Paesi. Obiettivo: collaborare allo sviluppo di iniziative e progetti nel campo dell’innovazione e dell’imprenditoria aziendale. Partirà dal 3 giugno la seconda Bocconi for Innovation Startup Call, la scadenza per le candidature è il 19 luglio.

Bocconi for Innovation e Plug and Play, una partnership per portare le startup nell’ecosistema globale

L’Università Bocconi e Plug and Play lavoreranno insieme per collegare le startup del programma B4i – Bocconi for innovation al mondo corporate e dei Venture Capital, sia nell’hub italiano, e quello della Silicon Valley, che negli altri hub a livello globale. Ma non solo: l’accordo di partnership prevede la co-creazione di eventi, la collaborazione del corpo accademico di Università Bocconi di Milano per l’identificazione di tendenze rilevanti nel campo dell’innovazione e della tecnologia, e il supporto a studenti caratterizzati da un forte spirito imprenditoriale.

Siamo lieti di dare alle startup accelerate da B4i l’occasione di entrare a stretto contatto con il networking di Plug and Play e di lavorare insieme per creare nuove opportunità di business, in un’ottica di sinergia e collaborazione virtuosa tra tutti i nostri partner, a conferma dell’internazionalità e della preparazione di Università Bocconi”, dichiara Markus Venzin, Prorettore all’Innovazione dell’Università Bocconi.

“Nell’economia dell’innovazione, le università sono dei player fondamentali, e infatti da anni collaboriamo con le migliori realtà internazionali. Ora che stiamo crescendo in Italia la partnership con Università Bocconi e B4i ci permetterà di avere un canale in più per trovare nuove idee, tecnologie e talenti” commenta Andrea Zorzetto, Managing Partner di Plug and Play Italy.

“Innovare richiede talento” aggiunge Arianna Elena Maschietto, Corporate Partnership and Program Manager di Plug and Play Italy, “in quest’ottica, la partnership con Università Bocconi, una delle più prestigiose realtà accademiche italiane nel mondo, nasce con l’obiettivo di rafforzare la nostra mission di essere catalizzatore dell’ecosistema dell’innovazione e dell’imprenditoria. Il nostro obiettivo come Plug and Play Italy è triplice: contaminare le startup di B4i con la nostra piattaforma di Open Innovation, con hub in tutto il mondo; collaborare con la faculty su temi legati all’innovazione; esporre gli studenti al concetto di imprenditorialità, sopportandone le idee più promettenti”

B4i, cosa fa l’acceleratore Bocconi per le startup innovative

B4i – Bocconi for innovation nasce nel 2019 come piattaforma dal triplice ruolo di pre-acceleratore, acceleratore di imprese e luogo di sviluppo della corporate entrepreneurship, ossia dell’imprenditoria interna alle aziende. Gli obiettivi di B4i – Bocconi for innovation sono di attrarre il più alto numero possibile di imprenditori di talento e ambizione, offrendo un mix di formazione e risorse per lo sviluppo dei loro progetti, per facilitare l’opportunità di business development per startup e grandi aziende. B4i – Bocconi for innovation è costantemente impegnata a creare un hub in cui l’imprenditorialità possa svilupparsi, crescere e confrontarsi consapevolmente col mercato.

21 luglio ore 10.30
Ascolta Federico Frattini sul futuro della Smart Energy!Partecipa al live streaming Innovation2live

E’ già partito il percorso di crescita per le startup selezionate nella scorsa edizione della Bocconi for Innovation Startup Call, e riapriranno tra poco le candidature.

Via alla seconda Bocconi for Innovation Startup Call

La sigla dell’agreement fornisce un motivo in più per candidarsi alla seconda Bocconi for Innovation Startup Call, aperta dal 3 giugno fino al 19 luglio 2020.

Per le startup selezionate, in palio un investimento di 30 mila euro ciascuna e un percorso di accelerazione della durata di quattro mesi che prevede l’accesso a una rete di servizi (pacchetti legali, contabili, di marketing digitale e comunicazione) e sessioni dedicate con esperti e mentor, come professori di Università Bocconi, alumni Bocconi provenienti da diversi continenti e settori, e professionisti esperti come imprenditori, investitori e C-levels di aziende.
Oltre a questo, le startup possono sviluppare reti commerciali e canali di vendita verso clienti B2B, usufruire di servizi scontati a loro riservati da B4i e dai partner, inclusi database, cloud, CRM, e molto altro. Infine, è stato predisposto ad hoc uno spazio nel campus con moderni uffici condivisi con altre startup e partner del programma che potranno essere utilizzati in sicurezza e nel rispetto delle normative e dei decreti per la gestione della pandemia da Covid-19.

I progetti verranno scelti in base a innovatività dell’idea imprenditoriale, qualità del team di fondatori, capacità di soddisfare il mercato e attinenza con le tre aree di specializzazione di B4i – Bocconi for innovation, ovvero: Digital Tech coordinata da Massimo Della Ragione, Sostenibilità seguita da Gabriella Lojacono e Made in Italy guidata da Stefano Pogutz.

Come partecipare

Per partecipare alla Bocconi for Innovation Startup Call, le startup devono essere caratterizzate da team (di minimo due persone) nei quali sia presente almeno un membro della comunità Bocconi (studente, alumnus, membro dello staff o della faculty) o studenti e alunni dell’Università degli Studi di Milano e del Politecnico di Milano, o ricercatori dell’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia). Per candidature e maggiori informazioni, è possibile visitare il sito ufficiale.