La più importante exit del Politecnico di Torino: AMC venduta a una multinazionale svedese | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

La più importante exit del Politecnico di Torino: AMC venduta a una multinazionale svedese

04 Dic 2018

Lo spin-off dell’università, fondato nel 2007, sviluppa tecnologie per il controllo di funi metalliche ed è stata acquisita da Axel Johnson International’s Lifting Solutions business group. “Nei prossimi anni supporteremo ancora di più le startup”, dice la vice rettrice Giuliana Mattiazzo

Ha come tema il trasferimento tecnologico la più importante exit del Politecnico di Torino: la spin off AMC S.r.l, società che sviluppa tecnologie per il controllo di funi metalliche, è stata acquisita da Axel Johnson International’s Lifting Solutions business group. Un caso esemplare di come dai laboratori universitari la ricerca può trasformarsi in impresa e, infine, diventare interessante per il mercato.

“Siamo molto soddisfatti per questa exit, ad oggi la più significativa per il nostro Ateneo”, spiega Giuliana Mattiazzo, Vice Rettrice per il Trasferimento Tecnologico del Politecnico: “Questo caso rappresenta una best practice nel sistema del trasferimento tecnologico che ha coinvolto ad ogni livello il Politecnico. La strategia dei prossimi anni è di supportare ancora di più le startup innovative per rafforzare le loro capacità imprenditoriali”.

Trasferimento tecnologico: che cos’è, come funziona e perché serve alle startup e all’open innovation

Che cosa fa la spin off AMC

L’azienda è nata nel 2007 come spin-off del Politecnico di Torino, fondata da un team di professori e ricercatori e oggi impiega otto persone. AMC propone tecnologie avanzate nello sviluppo di prodotti e servizi nel settore del controllo non distruttivo di funi metalliche. Nello specifico, propone una tecnologia proprietaria per l’ispezione e analisi delle funi nel settore ascensoristico, che recentemente si è dimostrata l’unica metodologia affidabile per il monitoraggio delle ultime generazioni di elementi di sospensione con rivestimento polimerico.

L’offerta di AMC è incentrata sulla sua competenza tecnica di spicco nell’analisi magneto-induttiva. AMC vende e noleggia le strumentazioni ai propri clienti ed offre loro i relative servizi. I principali settori serviti sono quello ascensoristico, quello funiviario e quello delle applicazioni critiche delle funi d’acciaio, come ad esempio carroponti, sollevamento pesante ed oil & gas. Tra i suoi clienti vi sono due dei maggiori costruttori al mondo di ascensori e scale mobili.

 

Perché AMC è stata acquisita da Axel Johnson International’s Lifting Solutions business group

Axel Johnson International è un gruppo industriale svedese con oltre 100 società in 25 paesi, attivo nel settore delle attrezzature di sollevamento, funi metalliche e servizi.

L’acquisizione è in linea con la crescente attenzione di Lifting Solutions per le soluzioni digitali necessarie allo sviluppo della propria offerta di servizi, aggiungendo più competenze e aumentando così il valore per il cliente. Il know-how di AMC aumenterà ulteriormente la completezza della nostra offerta di servizi”, afferma Ralf Wiberg, Managing Director di Lifting Solutions, Axel Johnson International. “La loro competenza nel monitoraggio remoto e nella tecnologia avanzata dei sensori è molto importante per il nostro business esistente“.

“La solida posizione di mercato di “Lifting Solutions” in Europa aprirà nuove opportunità e ci consentirà di sviluppare ulteriormente la nostra offerta e di espanderci in nuove regioni”, afferma Bruno Vusini, Managing Director di AMC.

Articoli correlati