Italia Startup, lavori in corso per il rinnovo del governo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ecosistema

Italia Startup, lavori in corso per il rinnovo del governo

05 Giu 2015

Martedì 9 giugno il Consiglio direttivo dell’Associazione valuterà le candidature degli aspiranti consiglieri. I nomi selezionati saranno portati all’assemblea convocata per il 29 giugno. In quella data sarà rinnovato il Consiglio, all’interno del quale ci sarà il successore di Riccardo Donadon alla presidenza

Italia Startup
Ultime battute per il rinnovo della presidenza di Italia Startup. Martedì 9 giugno si riunisce il Consiglio Direttivo per valutare le candidature di chi vuole entrare nel nuovo Consiglio per il triennio 2015-2018. I nomi selezionati saranno portati all’Assemblea che sarà convocata presumibilmente per il 29 giugno per votare il nuovo Consiglio Direttivo, all’interno del quale ci sarà il successore di Riccardo Donadon alla presidenza.

Le regole di Italia Startup prevedono che per potersi candidare per il ruolo di consigliere un socio deve avere il sostegno di almeno cinque altri soci e deve indicare la sua area di attività e l’impregno che intende dedicare. Un socio può anche candidarsi alla presidenza: in questo caso, oltre al sostegno di cinque firmatari, serve un programma. Non è chiaro se i programmi resteranno all’interno dell’Associazione o ci sarà un confronto pubblico.

Da qualche giorno il rinnovo delle cariche accende qui e lì fuocherelli di dibattito sui social network, ma restano isolati e non sembrano appassionare più di tanto gli attori del settore. Dopo la riunione del 9 i giochi dovrebbero cominciare a chiarirsi. All’interno di Italia Startup c’è la volonta di arrivare all’Assemblea con un pacchetto completo: nuovo Consiglio e nuovo Presidente, con la squadra al completo magari. Le prossime settimane saranno quindi decisive per verificare il livello di coesione all’interno dell’associazione e il consenso necessario attorno al nuovo gruppo dirigente. Lavori in corso. 

Redazione

Articoli correlati