Insurtech, Octo Telematics distribuirà l'app di una startup italiana | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OPEN INNOVATION

Insurtech, Octo Telematics distribuirà l’app di una startup italiana

29 Ago 2017

Il colosso della tecnologia applicata alle assicurazioni ha stretto un accordo con la società accelerata da Luiss Enlabs per la distribuzione nel mondo di Insoore. L’applicazione, basata sul crowdsourcing, permette, in caso di sinistro stradale, di rivolgersi a una community di fotografi per documentare i danni

Una startup italiana, Whoosnap, firma un accordo con uno dei “re” dell’Insurtech (tecnologia applicata al mondo delle assicurazioni), OCTO Telematics, che ha il suo quartier generale a Londra. Lo ha annunciato LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana che investe in startup digitali. L’accordo prevede la distribuzione in tutto il mondo di Insoore, l’applicazione sviluppata da Whoosnap per dispositivi mobili. In caso di sinistro stradale, questa applicazione permette alle compagnie assicurative di contattare la community dei fotografi amatoriali di Whoosnap per rilevare, sul posto, i danni ai veicoli coinvolti e, allo stesso modo, per valutare lo stato del mezzo al momento della creazione o del rinnovo di una polizza assicurativa. Le immagini possono essere caricate istantaneamente sulla piattaforma e la loro autenticità è garantita attraverso un sistema di certificazione.

Così Octo Telematics ha cambiato il settore delle assicurazioni

Il servizio Insoore è stato presentato nel weekend dal 25 al 27 agosto, durante la gara di MotoGP di Silverstone nel contesto della “Telematics in Action”, la tech conference di Octo Telematics rivolta ad investitori e operatori delle industrie assicurative e automobilistiche, pensata per informare sulle novità del settore e per creare un vero e proprio network in cui condividere e discutere le proprie idee.

La partnership tra la grande azienda e la startup con sede a Roma è anche un modo per mettere in pratica l’open innovation, quella modalità in base alla quale le imprese possono ricercare spunti, idee, progetti e soluzioni innovative anche al di fuori del loro perimetro aziendale. Tra le realtà in grado di consentire alle aziende di innovare ci sono appunto le startup, con le quali i big si possono relazionare in molti modi. Uno di questi è appunto il raggiungimento di un accordo di collaborazione.

Imprese e innovazione, 10 casi di open innovation di successo

♦ COME FUNZIONA WHOOSNAP – È nata per trovare impiego principalmente in ambito giornalistico ma, ben presto, la combinazione tra il meccanismo di crowdsourcing, unito a un sistema di certificazione dell’autenticità degli scatti, ha permesso alla startup di ampliare rapidamente il proprio raggio di applicazione anche al ramo assicurativo, ed è così che è entrata nel radar di Octo. In particolare, attraverso Insoore, Whoosnap è stata tra le prime compagnie ad unirsi alla Next Generation Platform (NGP) di Octo: una piattaforma telematica, che permette di raccogliere dati da un qualsiasi sensore auto, per fornire informazioni in tempo reale. Whoosnap S.r.l. ha partecipato nel 2015 al programma di accelerazione di LUISS ENLABS “La Fabbrica delle Startup”, acceleratore nato da una joint venture tra LVenture Group e l’Università LUISS. In poco tempo su Whoosnap hanno investito, oltre a LVenture Group, i business angel di Angel Partner Group (APG) e del Club degli Investitori di Torino.

#2015Up, dal Club degli investitori 3,3 milioni a 6 startup

Enrico Scianaro, Ceo di Whoosnap, ha spiegato che l’intesa con il brand globale nel mercato dell’Insurtech permetterà di distribuire da subito il servizio su scala globale. “Le compagnie assicurative – ha detto – avranno a disposizione uno strumento per contrastare le irregolarità e ottenere così una sostanziale diminuzione dei costi. Questo si traduce in un abbassamento del costo delle polizze per gli assicurati”.

Jonathan Hewett, CEO di Octo Telematics ha dichiarato: “Lo scenario del mondo assicurativo è stato cambiato dalla tecnologia e gli automobilisti cercano di avere pieno accesso a una gamma di prodotti con il solo tocco di un bottone. L’ecosistema insurtech dell’NGP è stato progettato per supportare aziende di qualsiasi dimensione, da brand riconoscibili come lo sono i nostri partner Software AG, SAP e SAS, fino ai piccoli innovatori. Dare il benvenuto in NGP a piccole ma eccitanti imprese come Whoosnap è a beneficio non solo di Whoosnap e della sua app Insoore, che guadagna un’esposizione molto più ampia e un maggiore accesso a nuovi clienti, ma anche all’intero ecosistema, continuando a sviluppare la nostra offerta olistica”.

“Il doppio utilizzo di Insoore, sia per la rilevazione di sinistri stradali che per la sottoscrizione di nuove polizze – ha dichiarato infine Luigi Capello, CEO & founder di LVenture Group e LUISS ENLABS – permette a Whoosnap di entrare in un mercato dal grande potenziale: basti pensare che ad oggi sono 12 milioni le polizze assicurative online e si stima che entro il 2020 saranno ben 100 milioni. Sono numeri impressionanti e Whoosnap, chiudendo questo accordo con Octo Telematics, ha saputo brillantemente farsi strada in un settore così promettente e ci ha dato conferma delle sue capacità, le stesse in cui abbiamo creduto fin dai suoi primi passi in LUISS ENLABS”.

  • 47 Share

Articoli correlati