Insurtech, con Revolut la polizza assicurativa diventa geolocalizzata | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Insurtech, con Revolut la polizza assicurativa diventa geolocalizzata

19 Gen 2018

La startup fintech britannica ha lanciato un servizio di copertura assicurativa pensata per i viaggiatori abituali. Grazie alle informazioni di localizzazione geografica rilevati dallo smartphone, l’applicazione può attivare una polizza in ambito sanitario e dentistico, al costo di un euro al giorno

Pagare un euro al giorno per un’assicurazione (sanitaria o dentistica) che si attiva in base alle informazioni di geolocalizzazione che riceve dagli smartphone. È l’ultima trovata di Revolut, startup fintech londinese da un milione di utenti, che ha appena lanciato un servizio, pensato principalmente per i viaggiatori abituali, in grado di fornire una copertura assicurativa istantanea quando si va all’estero.

La cifra giornaliera è riferita all’offerta di copertura base, mentre qualora sia necessario di può scegliere di personalizzare la polizza, estendendola ai componenti della famiglia o attivarla in caso di infortuni legati ad attività sportive. Se i costi dovessero lievitare, basta fissare un tetto massimo di spese annuali, oppure scegliere una polizza standard che consente di pagare una quota fissa annuale.

Fondata nel 2015 da Nikolay Storonsky e Vlad Yatsenko, Revolut ha sviluppato un’applicazione a cui è associata una carta prepagata, del circuito Mastercard, che permette all’utente di caricare denaro ed effettuare pagamenti in 130 valute. Inoltre la app di Revolut converte automaticamente denaro nella valuta locale al miglior tasso di cambio. Nel 2017 ha chiuso un round di investimento da 66 milioni di dollari guidato da Index Ventures.

Leggi i dettagli della notizia su InsuranceUp

Articoli correlati