Incentivi e start up, Saccomanni firma il decreto attuativo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Svolte

Incentivi e start up, Saccomanni firma il decreto attuativo

31 Gen 2014

Il Ministro dell’Economia ha firmato il decreto contenente le norme sulle agevolazioni fiscali a favore di coloro che investono in start up innovative. Un passo avanti per favorire la crescita e l’innovazione in Italia

E’ fatta.  Questa mattina il Ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni ha firmato il decreto attuativo per le agevolazioni fiscali a favore di coloro che investono in start up innovative.

A circa due mesi dal via libera ottenuto dalla Commissione Europea, e dopo 41 giorni dalla firma del Ministero dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato,  il decreto attuativo contenente le norme sulle agevolazioni fiscali per le startup è ora pronto per la registrazione presso la Corte dei Conti , ultimo step  da superare prima di poter approdare in Gazzetta Ufficiale.

Gli incentivi contenuti nel DM si applicano alle persone fisiche e alle società. Le persone fisiche che investono nel capitale di una o più startup innovative hanno diritto a una detrazione Irpef del 19% per importi fino a 500.000 euro. Le società possono invece portare in deduzione dal reddito imponibile (Ires) il 20% dell’investimento, sempre che esso venga mantenuto per almeno due anni, fino a un massimo di 1,8 milioni di euro.

Le percentuali salgono rispettivamente al 25% per le persone fisiche e al 27% per le persone giuridiche qualora l’azienda in cui si investe è a vocazione sociale oppure sviluppa tecnologie applicate al mondo energetico.

La firma di oggi è sicuramente un ottimo segnale di come il tema dell’innovazione sia caro ai nostri politici: come ha sostenuto Stefano Firpo, capo della segreteria tecnica del MISE, con il decreto si possono ora attuare i meccanismi per favorire la crescita e l’innovazione in Italia. E’ stato un grande gioco di squadra, di cui oggi, finalmente, si può celebrare la vittoria.

 

 

di Ilaria Orfino

Articoli correlati