Food, è abbuffata: Rocket Internet compra PizzaBo | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mercati

Food, è abbuffata: Rocket Internet compra PizzaBo

06 Feb 2015

Dopo Cibando, Restopolis e MyTable, un’altra exit: il gruppo di ecommerce tedesco, che punta alla leadership fuori da Usa e Cina, ha acquisito la startup fondata nel 2009 a Bologna da Christian Sarcuni. Che entra in un network globale presente in 39 Paesi.

E quattro! In meno di due mesi. Un’altra startup italiana del food ha fatto exit: Pizzabo.it, comprata da Rocket Internet, gruppo di ecommerce basato a Berlino, all’interno di una mega operazione che ha visto l’ingresso in Delivery Hero (30% per 586 milioni di dollari) e l’acquisizione di 9 food startups  (7 in Asia e 2 in Europa). La missione di Rocket Internet è diventare il leader mondiale fuori dagli Stati Uniti e dalla Cina.

È ormai evidente che il cambiamento delle abitudini di acquisto determinato dalla diffusione delle tecnologia digitali sta portando gran movimento a tavola, anche in Italia. A dicembre il colosso indiano Zomato ha comprato Cibando, l’app cerca-ristoranti, per 6 milioni di dollari. E questa settimana Tripadvisor ha fatto sapere che per il lancio di The Fork.it s’è pappata addirittura due startup tricolori: Restopolis, che aiuta a trovare il ristorante giusto, e MyTable.it, che fa un lavoro simile.

Ecco la storia di Restopolis

Il mercato quindi si sta consolidando, anche in vista di Expo: il gioco si fa duro ed è il momento delle multinazionali digitali. Un’opportunità e una minaccia per le nuove imprese tricolori.

Non è dato sapere a quale cifra sia stata acquistata PizzaBo, ma sicuramente la società creata da Christian Sarcuni, lucano di Matera, dopo la laurea in Scienze di Internet a Bologna nel 2009, quando aveva 25 anni, mettendo insieme qualche decina di pizzerie che ricevano uno scatolotto per trasmettere gli ordini. PizzaBo ha mantenuto il nome ma è cresciuta andando in altre città. Adesso fa un salto nell’iperspazio: entra in una nuova divisione di Rocket Internet dedicata al food, chiamata Global Online Takeaway Group e presente in 39 paesi. La visione è dichiarata: Food & Groceries is the Next Big Frontier in eCommerce.

Nello stesso anno di PizzaBo, 2009, ma a Torino nasce Mytable sulla base di un’intuizione: portare nei ristoranti il concetto della prenotazione in tempo reale, come si faceva già per gli aerei o gli alberghi. Il progetto è di Matteo Carluccio, 41 anni oggi, che lo sviluppa con l’amico Riccardo Reinerio. Cominciano con un obiettivo minimo: 40 ristoranti. Lo raggiungono, lo superano e nel 2011 diventano partner di Groupon. Adesso l’ingresso nella galassia TripAdvisior. Ma sempre all’insegna della forchetta.

 

Redazione

Articoli correlati