Edison Pulse, 200mila euro per i protagonisti dell'innovazione | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Opportunità

Edison Pulse, 200mila euro per i protagonisti dell’innovazione

20 Nov 2014

Riparte l’iniziativa di Edison rivolta ai pionieri del cambiamento: dal 15 gennaio 2015 centri di ricerca, startup innovative e organizzazioni non profit possono presentare il progetto online nelle due categorie sviluppo del territorio ed energia

Nel 2015 Edison intende continuare a sostenere i pionieri del cambiamento e dell’innovazione attraverso la seconda edizione del concorso. Con Edison pulse, la società conferma il proprio contribuito allo sviluppo di nuove idee “a valore condiviso”, capaci cioè di valorizzare le risorse materiali e immateriali dell’azienda e allo stesso tempo generare valore per la società. Un approccio che mette in relazione il successo di un’azienda con il progresso sociale attraverso l’individuazione delle soluzioni che meglio integrano la conoscenza, le competenze e le infrastrutture di Edison con i bisogni locali.

La nuova edizione mette in gara due categorie: sviluppo del territorio, ossia soluzioni per la mitigazione degli impatti – ambientali e per il contesto socio-culturale- delle attività della filiera energetica e valorizzazione delle opportunità generate e generabili dalle stesse per il territorio attraverso reti virtuose; ed energia: studi e soluzioni progettuali per favorire l’accesso e la gestione di nuove forme di produzione, accumulo e consumo di energia e le buone pratiche di sostenibilità per quei territori e distretti produttivi che ne sono ancora sprovvisti.

I candidati potranno presentare il proprio progetto sulla piattaforma edisonpulse.it a partire dal 15 gennaio 2015 e seguire on line le diverse fasi del concorso che proclamerà i vincitori il 18 novembre 2015. Per facilitare lo sviluppo dei progetti, Edison offrirà ai finalisti e ai vincitori un’attività di supporto e consulenza da parte di un team dedicato di manager della società, professionisti del mondo accademico e rappresentanti delle istituzioni. Edison finanzierà le migliori iniziative di ogni categoria con 100.000 euro, per un totale di 200.000 euro.

Edison pulse sarà anche una community sul web dove tutti i progetti caricati sulla piattaforma potranno essere condivisi, valutati e arricchiti dalla rete. Per questa nuova edizione, la Giuria Edison composta da esperti della società e rappresentanti del modo accademico e istituzionale individuerà due finalisti per ciascuna categoria, ma sarà la rete a scegliere i due vincitori. La piattaforma diventerà una vera e propria vetrina virtuale per attrarre potenziali soci sviluppatori quali enti, aziende e istituzioni che potranno liberamente consultare i progetti e le iniziative presenti.

Una funzione di geolocalizzazione dei progetti sul territorio permetterà inoltre di creare la geografia dell’innovazione in Italia con l’obiettivo di amplificare le potenzialità di sviluppo e sinergie tra le iniziative.

Il bando è aperto a centri di ricerca, start up innovative e organizzazioni non profit con rilevante esperienza nell’ambito di interesse e le proposte devono riguardare aree del territorio italiano. Le iniziative proposte devono presentare uno stadio avanzato di progettazione ed essere in grado di realizzare soluzioni rilevanti e coerenti con i bisogni individuati: la presenza di un prototipo, la prontezza a entrare nel mercato, l’esistenza di una rete di partner già attiva sono elementi premianti. Le proposte dovranno essere innovative, rilevanti, capaci di creare valore condiviso a partire dalla cooperazione con Edison, e generare ricadute socio-culturali positive sul territorio. In aggiunta,  i progetti dovranno essere attenti all’ambiente e sostenibili nel tempo.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati