E Cernobbio scoprì le startup: la nuova impresa propulsore della crescita | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

E Cernobbio scoprì le startup: la nuova impresa propulsore della crescita

09 Set 2013

Al Workshop Ambrosetti hanno fatto irruzione le parole d’ordine dell’ecosistema innovazione già nella prolusione di Valerio De Molli. La partecipazione di Nicholas Shea di Startup-Chile e Vivek Kundra, il manager digitale della Casa Bianca

Vivek Kudra, Executive Vice President of Emerging Markets
«Ci sono corsi persino per la psicologia dei cani! Perché non ci preoccupiamo della psicologia degli imprenditori?»
Valerio De Molli, Managing Partner di The European House – Ambrosetti, non risparmia neanche le battute nella sua prolusione al Worksop 2013, tutta centrata sulla necessità di riconoscere il valore degli intraprenditori e degli innovatori, perché l’intraprendenza è la sola via possibile per la crescita.

Nelle sale fané e molto istituzionale di Villa d’Este hanno fatto irruzione le parole d’ordine della start up philophy. Ogni anno in Europa le nuove imprese creano 4 milioni di posti di lavoro, ha ricordato De Molli, citando il tanto citato Start up Act 3.0 di Obama e i 6 trilioni di dollari prodotti da aziende nate dopo il 1980. Ma gli europei disposti a mettersi in proprio diminuiscono: erano il 45% tre anni fa e sono adesso il 37%, contro il 51% degli americani e il 56% dei cinesi. E’ quello che De Molli chiama “l’entrepreneurship divide” .

A Cernobbio si è parlato di start up con Nicholas Shea, fondatore di Startup-Chile (ecco l’intervista del Sole 24 ore), che sintetizza così la sua ricetta: «Serve rendere il Paese più attrattivo soprattutto riducendo al minimo la burocrazia. Gli incentivi, poi, non guastano, anche non è necessario che presentino costi altissimi per la spesa pubblica; è sufficiente che siano ben articolati».

Sui temi dell’innovazione gli interventi di  David Gann dell’Imperial College di Londra (ecco l’intervista del Sole24 ore) e Vivek Kundra, primo Chief Information Officer nella storia degli Stati Uniti, l’ingegnere indiano chiamato dalla Casa Bianca a guidare l’innovazione digitale.

L’intervento di Valerio De Molli

L’intervento di Vivek Kudra, Executive Vice President of Emerging Markets

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati