Capitali per le imprese, secondo l'AIFI sono in calo del 61% rispetto al 2016 - Economyup

ECOSISTEMA

Capitali per le imprese, secondo l’AIFI sono in calo del 61% rispetto al 2016



Il mercato italiano di private equity, venture capital e private debt è “mediocre”, secondo il presidente dell’Associazione del settore, Innocenzo Cipolleta. Nel primo semestre persi 3 miliardi. Crescono le operazioni sulle startup, ma in fase early stage. E non si riuscirà a raggiungere il livello dell’anno scorso

di Fabrizio Marino

24 Ott 2017


Nel primo semestre del 2017, il mercato italiano del private equity, venture capital e private debt ha avuto un andamento mediocre. A definirlo così è Innocenzo Cipolletta, presidente di AIFI, durante la presentazione dei dati del settore, martedì 24 ottobre a Milano. Secondo un’analisi condotta da AIFI, in collaborazione con PwC Transaction Services, la prima parte dell’anno ha fatto registrare un ammontare investito pari a 1,9 miliardi di euro, in calo del 61% rispetto ai 4,9 miliardi rilevati al 30 giugno 2016. Mentre in linea con lo scorso anno il numero delle operazioni, che si attesta a 139 (contro i 138 del 2016).

Più nel dettaglio, particolarmente positivo – in ambito Private Equity e Venture Capital – è il risultato ottenuto dall’attività di raccolta: a metà 2017 siamo già a quota 1.195 milioni contro i 775 del 2016. Ma non c’è da sorprendersi: qui pesa in maniera significativa la raccolta del fondo salva imprese QuattroR, che da solo a chiuso la campagna di fundraising a 711 milioni.

Investimenti in startup, difficilmente andrà meglio del 2016

Ma cosa ci dicono i dati relativi agli investimenti in startup? Citando un successo musicale della scorsa estate, potremmo commentare: bene, ma non benissimo. La nota positiva è che, secondo i dati Aifi, l’ammontare investito nel settore early stage in Italia è cresciuto del 24%, raggiungendo quota 43 milioni di euro, contro i 35 milioni della stessa finestra temporale del 2016. Fa ben sperare anche la distribuzione del numero degli investimenti, che oltre a posizionare l’early stage in prima linea tra i differenti segmenti di mercato, ha fatto registrate un numero di operazioni (65) superiori quelli dello scorso anno (50).

WHITEPAPER
Come creare un processo di Lead Management cucito secondo le tue esigenze!
CRM
Startup

Di negativo c’è, però, che seguendo questo ritmo difficilmente si raggiungeranno i 182 milioni di euro investiti in startup nel 2016. Il che deprime ulteriormente, dato che questa cifra è già ampiamente al di sotto della media europea degli investimenti in questo settore. Per capire la portata del fenomeno, la Francia ha investito 2,7 miliardi di euro, la Germania 2 miliardi mentre la Spagna 600 milioni. È auspicabile che, mantenendo questo ritmo, l’Italia sarà destinata a rimanere a lungo il fanalino di coda europeo in materia di investimenti nei confronti le giovani imprese innovative.

Fabrizio Marino

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.