Camst group (ristorazione) lancia una Innovation Call per startup - Economyup

OPEN INNOVATION

Camst group (ristorazione) lancia una Innovation Call per startup



Aperta fino al 14 novembre, la call del gruppo di Bologna punta a selezionare realtà nel settori del food, retail tech e facility management per co-sviluppare progetti innovativi

05 Ott 2021


Camst Group

Camst group, cooperativa di servizi di ristorazione, lancia una call per startup, con l’obiettivo di sviluppare soluzioni innovative nei settori food, retail tech e facility management.

La call – che resterà aperta fino al 14 novembre – è riservata a startup già costituite con prototipo validato o soluzioni pronte in 6-10 mesi. Altri requisiti fondamentali sono la scalabilità delle tecnologie proposte, un team affiatato con un buon mix di esperienze e soluzioni che rispondano a uno o più dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs dell’Agenda Onu 2030).

Che cosa fa Camst Group

Cooperativa nata nel 1945 a Bologna, Camst Group porta la qualità della sua ristorazione nelle scuole, nelle aziende, negli ospedali, nelle fiere, nei centri commerciali e nelle città, in Italia e all’estero (Spagna, Danimarca e Germania, Svizzera). Nel 2017 Camst Group ha ampliato i propri servizi al facility management per offrire ai clienti un servizio completo. Il gruppo ha un fatturato aggregato di 542 milioni di euro, 15 mila dipendenti e 66 milioni di pasti (dati 2020).

WHITEPAPER
Come raggiungere il successo? Investimenti in tecnologia, resilienza e nuovi processi
CIO
Digital Transformation

Una giuria composta da manager Camst Group e partner selezionerà 15 startup che prenderanno parte ai virtual pitch che si terranno nei primi giorni di dicembre. Da quel momento, per i progetti più interessanti cominceranno dei percorsi di co-innovazione insieme all’azienda, con possibilità di investimento in equity.

Come funziona la call per startup

Sono dieci gli ambiti di innovazione della call: Automated commerce, In-store & restaurant tech, Disruptive food, Blockchain & traceability, Innovative packaging, Social health caring food,   Circular economy & food waste, Welfare, Inclusion & Community Engagement, Education, nutrition & health.

Una giuria composta da manager Camst Group e partner selezionerà 15 startup che prenderanno parte ai virtual pitch che si terranno nei primi giorni di dicembre. Da quel momento, per i progetti più interessanti cominceranno dei percorsi di co-innovazione insieme all’azienda, con possibilità di investimento in equity.

CLICCA QUI per maggiori informazioni e per presentare la candidatura 

Partner del progetto sono: GSK, Gruppo Amadori, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Le Village by Crédit Agricole Milano, Parma Is, ART-ER, Terre Ducali, Think4Food, MUG by Emil Banca, Réseau Entreprendre.

“Da sempre – sottolinea Francesco Malaguti, Chairman di Camst Group – abbiamo una sensibilità particolare nei confronti della sicurezza alimentare e del benessere delle persone, offrendo una ristorazione su misura e di qualità. La nostra esigenza di crescere in modo sostenibile trova conferma nella volontà dei giovani di affrontare le grandi sfide del pianeta. Con questa iniziativa Camst mette a disposizione delle nuove generazioni che si affacciano al mondo del lavoro con progetti originali e sostenibili, il proprio know-how e un gruppo di partner di grande autorevolezza”.

“Già da tempo lavoriamo con l’ecosistema delle startup per portare innovazione nei settori in cui operiamo. Grazie a questa call – aggiunge Alberto Raneri, Direttore Innovazione e Tecnologie di Camst – diamo loro l’opportunità di godere di un percorso dedicato e di un ampio network nazionale e internazionale. Le startup selezionate avranno infatti la possibilità di sviluppare un progetto pilota insieme all’Innovation Team di Camst group“.