Bmw, 500 milioni di euro per le startup della mobilità | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Corporate venture capital

Bmw, 500 milioni di euro per le startup della mobilità

09 Dic 2016

Il colosso automobilistico tedesco ha aumentato la dotazione del suo fondo di venture capital iVentures. Spostata anche la sede da New York alla Silicon Valley, per puntare al mercato delle startup californiane. L’obiettivo? Costruire l‘auto del futuro

Bmw spinge sull’acceleratore dell’innovazione, e mette il turbo al suo fondo di venture capital. Il colosso automobilistico tedesco ha deciso di aumentare la dotazione di Bmw iVentures da 100 milioni a 500 milioni di euro, per puntare ancora più forte sui servizi di mobilità innovativi. Ad annunciarlo è stata la stessa società che, tramite una nuota sul blog , ha anche dichiarato di voler spostare la sede del quartier generale del fondo da New York a San Francisco.

«In questi anni l’innovazione arriva sempre di più dalle startup – ha commentato Peter Schwarzenbauer membro del Consiglio di Amministrazione di Bmw AG – e con questo fondo potremo attingere alle potenzialità delle società early stage. Per raggiungere questo obiettivo, stiamo dando a Bmw iVenture una libertà molto più ampia e con l’intento di espanderci in Europa e in Asia, oltre che nella nostra nuova sede in Silicon Valley».

Bmw iVentures è stato fondato nel 2011 a New York, con l’obiettivo di investire nel settore della mobilità. Nel frattempo sono arrivati già quindici investimenti: tra questi spiccano i 47, 5 milioni spesi – poco più di un anno dopo la nascita del fondo – per finanziare ChargePoint, startup che realizza stazioni di rifornimento per auto elettriche, i 50 milioni per Moovit un’applicazione che gestisce tutte le informazioni relative ai trasporti pubblici cittadini, e il round da capogiro di 81 milioni per Carbon3D, che realizza stampanti 3D in grado di realizzare prototipi di parti motoristiche con grande precisione.

Adesso il mirino degli investitori si sposta sulla Silicon Valley, per dare la spinta decisiva a quella che in molti definiscono la nuova rivoluzione industriale: ovvero quella fatta di auto connesse, car sharing e smart city. «La mobilità del futuro e il nostro settore vengono definiti dal rapido cambiamento tecnologico sempre più rapido» sottolinea Klaus Fröhlich responsabile sviluppo Bmw «Per avere successo bisogna avere le idee migliori. Con iVentures possiamo essere vicini ai trend innovativi che fanno al caso nostro».  

Fabrizio Marino
Giornalista

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati