Auguri per un 2014 più ricco del 2013 (ci vuole poco…) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Giri di boa

Auguri per un 2014 più ricco del 2013 (ci vuole poco…)

27 Dic 2013

L’anno che sta per concludersi è stato importante per tante aziende del Made in Italy, ma anche per tutto il sistema dell’innovazione. Nel 2014 i due mondi dovranno accelerare per passare dalle parole ai fatti e favorire l’incontro virtuoso fra piccole e medie imprese e start up. A vantaggio di tutti

Che cos’è il Capodanno se non una startup? L’inzio di una nuova navigazione dopo il simbolico giro di boa dei 12 mesi? E come in un’impresa si tirano le somme e si fanno i budget, con previsioni e impegni. Compatibilmente con il quadro politico europeo e italiano, limaccioso il primo e instabile il secondo, molte cose si sono mosse e si stanno muovendo, forse proprio grazie a questa specie di stordimento istituzionale di cui non è ancora chiaro l’esito (né a Bruxelles, né a Roma…). Come sempre pessimisti e ottimisti si contendono le versioni, ma cinque anni dopo la crisi finanziaria appare evidente che i suoi effetti negativi tendono a sfumare e i motori della ripresa da qualche parte sono già partiti. E’ una questione di cicli e la sfida è non restarne fuori solo per impreparazione o mancanza di visione.

Il 2013 è stato un anno importante per molte aziende italiane, soprattutto per quello orientate all’export o ancora meglio impegnate con decisioni nel lavoro di internazionalizzazione. Chi lo ha fatto e lo sta facendo con qualità e visione fattura all’estero ma per mantenere e (si spera) accrescere lavoro e ricchezza in Italia perché quello che riescono a ottenere sui mercati esteri dipende in buona parte dal valore immateriale dell’italianità, che va salvaguardato e irrobustito. Sono numerose le aziende che devono ancora cominciare questo percorso di autoconsapevolezza. 

Il 2013 è stato anche un anno di svolta per l’ecosistema dell’innovazione, come hanno scritto in queste ultime settimane su EconomyUp.it importanti e competenti protagonisti. Sono stati fatti significativi passi avanti sul fronte normativo, è certamente aumentata la sensibilità e l’attenzione, anche se non è ancora sufficiente ad attirare capitali consistenti. Ma siamo decisamente in un’altra fase, c’è chi addirittura comincia a temere la bolla e chi parla già di inflazione. Ben venga anche un po’ di confusione se è premessa di nuova cultura imprenditoriale e di nuove imprese.

A questo punto è facile augurarsi e augurare a tutti un 2014 più ricco e brillante. Perché, a proposito di denari, basta poco per avere di più. Ma soprattutto perché dall’incontro fra il robusto sistema del Made in Italy, fatto di migliaia di piccole e medie imprese, e l’effervescente e un po’ caotico mondo delle startup possono solo venir fuori scintille e nuove fiamme imprenditoriali. A vantaggio di tutti. EconomyUp.it nel 2013 ha provato a rappresentare questo abbraccio virtuoso con il Manifesto della crescita possibile, 10 parole chiave affidate a 10 campioni del made in Italy da una parte e la fotografia dell’innovazione dall’altra. Nel 2014 ci piacerebbe passare dai sistemi alle imprese e alle persone. Perché le idee, ma anche gli affari, camminano sulle gambe degli uomini. Tanti auguri per un 2014 impegnato, soddisfacente e ricco. 

di Giovanni Iozzia

Articoli correlati