Disruptor Challenge U2B: Telepass cerca idee per la smart mobility con il crowdsourcing universitario | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Disruptor Challenge U2B: Telepass cerca idee per la smart mobility con il crowdsourcing universitario

30 Nov 2018

La competizione per studenti organizzata da University2Business con alcune società partner prevede 8 contest su 4 diversi ambiti tecnologici e settoriali. Uno di questi riguarda la mobilità intelligente ed è promosso da Telepass. Un modo per cercare idee innovative fuori dal perimetro aziendale. Ecco funziona il contest

Anche dagli studenti possono arrivare idee innovative per la smart mobility, la mobilità altamente tecnologica, a misura di cittadino e a basso impatto ambientale, per città più “intelligenti”. È l’approccio di open innovation a guidare il progetto Disruptor Challenge, un contest organizzato da University2Business, società del Gruppo Digital360, per stimolare l’imprenditorialità degli studenti universitari da una parte e per offrire visioni del futuro prossimo alle aziende dall’altro, con idee e proposte provenienti da chi sarà protagonista nel prossimo decennio.

I partecipanti, che possono presentare la propria candidatura fino al 10 dicembre, si sfideranno in 8 contest su 4 diversi ambiti tecnologici e settoriali, con Facebook come social media partner, realizzati in collaborazione con Enel per l’energia, Generali Italia per le assicurazioni, Gi Group per il lavoro e Telepass per la Smart Mobility, appunto. In questo modo la società del gruppo Atlantia conferma la propria vocazione a ricercare innovazione fuori dal proprio perimetro aziendale e, dopo aver acquisito e stretto accordi con startup innovative, punta ora sul crowdsourcing universitario.

QUI È POSSIBILE CANDIDARSI

CHE COS’È LA SMART MOBILITY

Il termine Smart mobility include una serie di elementi: la tecnologia, le infrastrutture per la mobilità (parcheggi, reti di ricarica, segnaletica, veicoli), le soluzioni per la mobilità (tra cui i modelli di new mobility o mobility on demand quali car sharing, bike sharing ecc. ecc.) e le persone. La Smart mobility punta offrire un’esperienza di mobilità senza soluzione di continuità, dal primo all’ultimo miglio, che sia flessibile, integrata, sicura, on demand, e conveniente dal punto di vista economico. L’obiettivo finale dell’introduzione di una mobilità smart nelle nostre città è ridurre il traffico, ridurre l’inquinamento, creare flussi di traffico intelligenti e senza blocchi, e rafforzare le economie di scala per promuovere una mobilità accessibile a tutti e a tutte le tasche.

TELEPASS E LA SMART MOBILITY

Il contest sulla smart mobility, come abbiamo visto, è organizzato da University2Business in collaborazione con Telepass, marchio di proprietà di Atlantia S.p.a. che contraddistingue il sistema di riscossione automatica del pedaggio autostradale introdotto in Italia nel 1989 da Società Autostrade. Perché Telepass ha scelto di contribuire alla realizzazione di Disruptor Challenge? Perché è sempre più interessata all’innovazione digitale e in particolare all’open innovation, strategia in base alla quale le aziende ricercano idee, soluzioni e prodotti innovativi fuori dal proprio perimetro, per esempio tra le startup, i fornitori o i consulenti. Telepass ha già acquisito in passato alcune startup e, più di recente, ha stretto un accordo con Washout, giovane impresa innovativa ideatrice di un’app per lavare auto e moto con prodotti waterless e non inquinanti, ovunque siano parcheggiati, senza la presenza del proprietario. Un’idea che sta rivoluzionando il settore dell’autolavaggio e che le è valsa la vittoria alla prima edizione di  BHeroes, il business talent ideato e promosso da Fabio Cannavale in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Ora Telepass ha deciso di puntare anche sul crowdsourcing, termine che deriva da crowd, folla, e outsourcing, esternalizzazione di un’attività fuori dalla propria impresa, e che sta a indicare la partecipazione collettiva alla creazione di un’idea o di un progetto. University2Business è infatti il primo marketplace italiano dove i giovani talenti universitari e le imprese possono conoscersi, incontrarsi e interagire con reciproco vantaggio in modalità crowdsourcing.

COME FUNZIONA IL DISRUPTOR CHALLENGE

Gli studenti  che ritengono di avere idee innovative pe rla Smart Mobility (o per altri ambiti del concorso) possono partecipare entro il 25 novembre attraverso due modalità: presentando una business idea in cui mettere in luce la propria inclinazione imprenditoriale o dando spazio alla propria creatività scrivendo un articolo visionario che risponda alla specifica challenge “future vision”. I partecipanti potranno candidarsi, se lo desiderano, a ogni contest, senza limiti.

La partecipazione darà la possibilità di concorrere a diversi premi e di gareggiare per la vittoria finale presentando le proprie idee durante l’evento conclusivo. I finalisti, infatti, potranno presentare il proprio progetto al management delle aziende partner, dando visibilità alle proprie competenze e capacità. Chi prenderà parte alla gara sulla Smart Mobility avrà dunque l’occasione di incontrare i manager di Telepass.

QUI È POSSIBILE CANDIDARSI

Articoli correlati