Al via a Milano la sperimentazione di Yape, robot-fattorino per le consegne a guida autonoma - Economyup

SMART CITY

Al via a Milano la sperimentazione di Yape, robot-fattorino per le consegne a guida autonoma



Durerà 6 mesi la prima parte della sperimentazione di una flotta di robot a guida autonoma per consegne all’ultimo miglio di Yape, robot-fattorino ideato nel 2017 da e-Novia, in grado di trasportare fino a 10 kg per un massimo di 80 km. I test a Cascina Merlata

20 Lug 2022


Yape

Parte per la prima volta in Italia, a Milano, la sperimentazione di una flotta di robot a guida autonoma per consegne all’ultimo miglio di Yape, grazie al progetto “Sperimentazione Italia”, la sandbox normativa che consente a startup, imprese, università e centri di ricerca di sperimentare progetti innovativi attraverso una deroga temporanea alle norme vigenti.

L’autorizzazione, risultato della collaborazione tra il Dipartimento per la trasformazione digitale, il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e il Comune di Milano, è stata ottenuta da Yape, azienda del gruppo e-Novia che ha realizzato un robot-fattorino in grado di trasportare alimenti e prodotti sia in ambienti esterni che all’interno di edifici.

Dotato di due ruote auto-bilanciate, che permettono al robot di adattarsi a diversi contesti, Yape può trasportare fino a 10 chilogrammi per un massimo di 80 chilometri. Durante la sperimentazione sarà dotato di un sistema di regolazione della velocità che non supererà i 6 chilometri all’ora.

L’obiettivo è rendere il trasporto autonomo sempre più efficace, sicuro e sostenibile, riducendo il traffico e l’inquinamento legato alle consegne nei centri cittadini, oltre a venire incontro alle necessità di quei residenti che non possono o fanno fatica a spostarsi dalla propria abitazione.

Il progetto “Sperimentazione Italia”, si legge in un comunicato, punta così a fare del nostro Paese un laboratorio di innovazione, aprendo le porte all’applicazione di tecnologie emergenti a beneficio di cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione. In caso di sperimentazioni di successo, grazie ai dati raccolti, potrà essere proposta una modifica normativa per consentire alle innovazioni di diventare replicabili su tutto il territorio nazionale.

Cos’è Yape

Yape è un progetto creato interamente in Italia a partire dal 2017. Ci ha lavorato e-Novia, la “Fabbrica delle Imprese” e il suo team di oltre 60 ingegneri, con l’obiettivo di offrire una risposta innovativa alla domanda, in crescita, di spedizioni in ambito urbano. Nata nel 2012, e-Novia è una società attiva nel contesto del Politecnico di Milano e specializzata nello scouting di tecnologie e brevetti.

REPORT
SETTORE AUTOMOTIVE: Ecco il trend attuale e la sua evoluzione nel breve periodo
Amministrazione/Finanza/Controllo
Automotive

A novembre 2017 ha investito 6 milioni di euro in Yape Eldor Corporation, multinazionale dell’automotive con sede a Orsenigo (Como), dove nel 1972 è stata fondata da Pasquale Forte (presidente e CEO), da sempre attiva nell’hi-tech.

A Cremona, in quegli anni, sono stati svolti i primi test su strada.

(Qui un video su Yape girato nel 2017)

YAPE, il sistema di consegne a domicilio a guida autonoma

Come funzionerà la sperimentazione

Con l’autorizzazione del Dipartimento per la trasformazione digitale, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico, si avvia ora la prima parte della sperimentazione tecnica di Yape: questa fase durerà sei mesi e sarà volta a testare una flotta di veicoli nel contesto urbano, individuare le aree idonee alla circolazione del veicolo, mappare i potenziali percorsi di navigazione e testare gli algoritmi per il rilevamento degli ostacoli lungo il percorso.

Il Comune di Milano ha scelto come base per la sperimentazione l’area di Cascina Merlata, prevedendo un servizio di consegne tra gli esercizi commerciali e le residenze del “distretto UPTOWN”.

La seconda fase, al termine dei sei mesi, darà poi il via alla vera e propria sperimentazione, di cui potranno beneficiare i cittadini del Comune di Milano per un periodo di ulteriori 6 mesi.