La storia d'impresa vale 6 milioni di euro | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il premio

La storia d’impresa vale 6 milioni di euro

29 Gen 2014

Altri argomenti

L’Osservatorio monografie d’impresa, ente non profit, lancia il premio per la miglior monografia aziendale, destinato al miglior libro di storia aziendale pubblicato tra gennaio 2009 e maggio 2014. Possono partecipare aziende, autori, creativi ed editori del testo. Scadenza iscrizioni: 31 maggio

Monografia Vinavil, premio OMI 2013
“C’è un potenziale economico inespresso perfino negli archivi delle imprese italiane, se si pensa che la filiera coinvolta nella produzione e conservazione del patrimonio storico dell’impresa ha un potenziale economico di almeno 6 milioni di euro”: Mario Magagnino, consulente d’impresa e docente di comunicazione all’Università di Verona, ha fatto i conti partendo dall’archivio dell’Osservatorio monografie d’impresa, iniziativa non profit che lui stesso ha creato a Verona e conta oggi 500 volumi monografici su altrettante imprese italiane o filiali locali di multinazionali.
 
“La filiera produttiva delle monografie d’impresa comprende case editrici, agenzie di pubblicità e relazioni pubbliche, grafici, designer, fotografi, copywriter, giornalisti, stampatori, aziende cartarie e cartotecniche, e le risorse impiegate sono quasi sempre made in Italy, per via della lingua e della contiguità territoriale antro cui si sviluppa la maggior parte dei progetti” spiega Magagnino.
 
Le monografie d’impresa, cui è dedicato il Premio annuale dell’Osservatorio, le cui iscrizioni si chiuderanno il prossimo 31 maggio, sono soltanto uno degli strumenti su cui si declina il patrimonio storico dell’impresa, che può dar luogo ad archivi documentali e fotografici, mostre, musei aziendali, fino al merchandising.
 
“La monografia istituzionale d’impresa è un documento che raccoglie la biografia dell’impresa e ne illustra la strategia di sviluppo”, aggiunge Magagnino, “ma per quanto possa apparire semplice, in Italia è poco noto e poco diffuso, tanto che la maggioranza delle aziende lo ignora, commettendo almeno due leggerezze: rinunciare a un efficace strumento di marketing e, soprattutto, mettendo a rischio la memoria storica dell’azienda, dell’imprenditore, delle maestranze e del territorio”.
 
Il Premio Monografie istituzionali d’impresa 2014 è destinato al miglior libro di storia aziendale pubblicato tra gennaio 2009 e maggio 2014. Vi possono partecipare le aziende, ma anche gli autori, i creativi e gli editori delle monografie, scaricando il bando dal sito www.monografieimpresa.it.
 
Nel 2013 il premo è andato a Ballarini Paolo & Figli (strumenti di cottura), Vinavil Spa (colla vinilica) ed Electrolux Appliances Italia (elettrodomestici), Possono partecipare imprese, agenzie di comunicazione, creativi, fotografi e autori,
 
Il Premio ha l’adesione del Presidente della Repubblica e i patrocini del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Università degli Studi di Verona e della Camera di Commercio di Verona, oltre alla collaborazione delle principali associazioni italiane della comunicazione: Assocom (aziende di comunicazione), Assoprocom (professione comunicatore), Assorel (agenzie di relazioni pubbliche), Ferpi (professionisti relazioni pubbliche), TP (pubblicitari professionisti), Unicom (imprese di comunicazione).
 

Altri argomenti

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

  • OR-MARK

    Ottima iniziativa prof. Magagnino. E’ un veicolo di marketing che può aiutare, in questo momento, le aziende. E se si potessero raccontare le realtà interne aziendali,non solo quelle di facciata, non ritiene che sarebbero una guida anche per i giovani e per gli imprenditori stessi, che a volte cadono nella trappola di successi dovuti a concomitanze e congiunture casuali? Grazie per l’attenzione.

Articoli correlati