Torna Bioupper: ecco tutte le novità del contest per giovani realtà del Life Science | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Torna Bioupper: ecco tutte le novità del contest per giovani realtà del Life Science

di Antonio Palmieri

09 Apr 2018

Arriva la terza edizione dell’iniziativa promossa da Novartis e Fondazione Cariplo, quest’anno in collaborazione con IBM. Oltre al bando per startup, che scade il 5 giugno, è prevista una Call for Scale, destinata a società più mature, con scadenza il 29 maggio. Per i vincitori potenziali partnership commerciali

Come dice l’antico proverbio, “non c’è due senza tre”. Non è per il proverbio che siamo alla terza edizione di Bioupper, programma a sostegno dei giovani talenti che vogliono creare startup nelle scienze della vita, promosso da Novartis e Fondazione Cariplo, quest’anno in collaborazione con IBM. Bioupper è alla terza edizione perché funziona.
La seconda edizione ha raccolto oltre 150 candidature, il 30% in più rispetto alla prima del 2015.
Il 70% dei progetti finalisti delle prime due edizioni ha raccolto investimenti per un totale di oltre 2.200.000 euro, provenienti da grant, investitori privati e venture capitalist. Il 55% dei team si è costituito in impresa, mentre il 45% sta continuando la fase di sviluppo del proprio prodotto. Il 65% dei partecipanti, infine, ha stretto partnership commerciali e di co-sviluppo.
Assieme al coinvolgimento di IBM – la sua divisione Healthcare & Life Science che metterà a disposizione piattaforme tecnologiche e competenze – le novità di questa terza edizione sono le seguenti:
1. Bioupper sarà realizzata in Cariplo Factory, polo di Fondazione Cariplo dedicato a progetti di open innovation, anche attraverso l’uso della tecnologia.
2. Sono a disposizione 540.000 euro in servizi, divisi per i tre progetti vincitori della Call for Ideas, da investire per lo sviluppo del progetto sul mercato. Immutato resta il contenuto: si cercano ricercatori, giovani talenti e a tutti coloro che progettano e sognano di tradurre un’idea biotech in impresa. L’obiettivo è sempre quello di aiutarli a elaborare e presentare progetti innovativi di prodotto o di processo nel campo delle Scienze della Vita.
3. Per il processo di accelerazione è coinvolta una rete molto ampia di acceleratori e incubatori, tra cui: BioIndustry Park, Campania NewSteel, Consorzio ARCADigital Magics, dPixelFondazione Filarete, Fondazione Toscana Life SciencesI3PJcubeLuiss EnLabsPoliHubPTP – Science Park.
4. Per sostenere l’innovazione nel campo delle Scienze della Vita, è prevista anche una Call for Scale, rivolta a startup in fase post-seed, vale a dire startup che hanno sviluppato prodotti e servizi già maturi per essere portati sul mercato.
5. I vincitori della Call for scale potranno esplorare potenziali partnership commerciali, guidati da un comitato tecnico-scientifico composto da Novartis, Fondazione Cariplo, IBM e Cariplo Factory.  Usufruiranno di incontri one-to-one e avranno accesso al Match-Making Program, che porterà le startup a relazionarsi con i principali attori del mercato, per costruire opportunità di business.
6. Questa terza edizione ha il patrocinio del Ministero della Salute, del Ministero dello Sviluppo Economico e della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI).
Per partecipare a BioUpper si deve accedere al sito www.bioupper.com. La Call for Scale scade il 29 maggio e la Call for Ideas il 5 giugno 2018.
Questo è il quadro. Ora tocca a te…

  • 31 Share
Antonio Palmieri

Antonio Palmieri, milanese, esperto di comunicazione, deputato. Da quando c'è Internet sono curioso della Rete. Dal 2002 cerco di valorizzare le possibilità che il digitale offre per una vita migliore

Articoli correlati