Tutti pazzi per l'hackathon, così le maratone digitali stanno conquistando le aziende | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tutti pazzi per l’hackathon, così le maratone digitali stanno conquistando le aziende



Dalla Pubblica Amministrazione alla Federazione Gioco Calcio, fino alle assicurazioni. Le competizioni per gli sviluppatori sono sempre più diffuse. Perché sono uno strumento agile di open innovation e accelerano la trasformazione digitale di processi e prodotti. Ecco le più importanti fra settembre e ottobre

19 Set 2017


L’innovazione digitale corre veloce e per affrontare le sfide della modernità servono corridori allenati. Anzi, per meglio dire, servono maratoneti. Non quelli che tutti conosciamo, però, con scarpe da running e canottiera. Parliamo di maratoneti digitali, cioè di sviluppatori software (una categoria di programmatori informatici) in grado di stare ore filate davanti a un computer e buttare giù migliaia di righe di codice, con l’obiettivo di cercare (o creare) soluzioni innovative per la gestione di prodotti e servizi.

Quando avviene tutto ciò? Generalmente durante un hackathon. Cos’è un hackathon? Nient’altro che una maratona appunto (qui trovate una definizione esaustiva), vale a dire una convention di sviluppatori ed esperti di programmazione che per un periodo di tempo determinato (generalmente un paio di giorni, ma mai più di una settimana) si riuniscono, come dicevamo, in cerca di soluzioni a problemi informatici.

In genere un hackathon viene organizzato da una società di software o da un grande gruppo di sviluppo informatico, anche se negli ultimi tempi, a questo strumento innovativo, sono sempre più interessate le grandi aziende che vogliono fare open innovation. Ecco tre appuntamenti da tenere d’occhio tra settembre e ottobre.

29/30 settembre, Un hackathon per innovare le assicurazioni

Il settore assicurativo è tra quelli maggiormente interessati dalla trasformazione digitale. Per questo capita spesso di imbattersi in maratone informatiche organizzate da società di assicurazioni. Come Allianz Now, per esempio, una maratona di 30 ore organizzata che si svolgerà a Milano il 29-30 settembre da Allianz insieme a Deloitte dedicata a coloro che vogliono mettersi in gioco e sviluppare soluzioni disruptive in questo settore. L’ambito su cui si dovranno confrontare gli innovatori digitali è quello della Sliced Insurance (soluzioni di acquisto a impulso).

L’hackathon è aperto a tutta la comunità tecnologica che vuole provare a portare innovazione nel settore assicurativo, confrontandosi con i dipendenti Allianz. Ogni membro di ciascuno dei 3 team vincitori riceverà un premio da 600 euro. Inoltre le startup vincitrici avranno l’opportunità di svolgere un’esperienza formativa presso Allianz Italia e Deloitte.

7/8 ottobre, Hack.Developers, quando la Pubblica Amministrazione cerca innovatori digitali

Un hackathon può aiutare la Pubblica Amministrazione a migliorare i propri servizi digitali? La risposta è sì. O almeno è quello che sperano Diego Piacentini, Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale, e il suo team per la trasformazione digitale, autori dell’iniziativa “Hack.Developers”. L’evento si fregia di essere il più grande hackathon italiano mai organizzato. Realizzato in collaborazione con Codemotion, e con il supporto di Cisco, IBM, Microsoft, Oracle e Red Hat, il 7/8 ottobre prossimi 20 città e circa 80 community tech si sfideranno a colpi di codice per testare alcune piattaforma digitali della pubblica amministrazione.

«Vogliamo che questo evento sia un modo per far conoscere a tutti le piattaforme digitali che mette a disposizione del cittadino la pubblica amministrazione» ha spiegato Giovanni Dajo, durante la presentazione dell’iniziativa «Ci aspettiamo che gli sviluppatori coinvolti ci diano i feedback necessari per migliorare questi strumenti».

Gli argomenti dell’hachathon saranno: SPID (Sistema Pubblico d’Identità Digitale); ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente); Dati.Gov.It (piattaforma per i dati aperti del Governo Italiano).

Per 48 ore, in tutta Italia, centinaia di sviluppatori software, ingegneri informatici, esperti di sicurezza informatica e studenti universitari si riuniranno per rispondere alle necessità sempre più impellenti di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione italiana. Sul sito hack.developers.italia.it sono disponibili le prime challenge annunciate e tutte le informazioni per chi è interessato a partecipare.

17/18 ottobre, Il primo hackathon sul calcio

Se pensate che il Var (Virtual Assistant Referee) sia l’apice dell’innovazione in ambito calcistico, potreste sbagliarvi. È in arrivo infatti il Allianz Now. Realizzato da Figc (Federazione Italiana Gioco Calcio), in collaborazione con Unicredit Start Lab e Italia Startup, il 14/15 ottobre a Trento gli innovatori digitali si incontreranno per sviluppare nuove idee legate a due dimensioni del mondo del calcio: la match analysis (come analizzare i big data nel mondo del calcio) e la comunità dei tesserati Figc (come valorizzare il rapporto tra la Federazione e i suoi tesserati).

Attorno all’hackathon verranno organizzati una serie di eventi pubblici, conferenze e seminari per innovatori con importanti partecipazioni da parte di gruppi industriali e di startup. A Trento saranno presenti, tra gli altri, rappresentanti di FIFA, UEFA, Google, Microsoft, SAP, TIM.

 

Fabrizio Marino

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.