Reale Mutua investe ancora su Pharmercure che raccoglie 1,4 milioni - Economyup

OPEN INNOVATION

Reale Mutua investe ancora su Pharmercure che raccoglie 1,4 milioni



La startup di delivery farmaceutico guidata da Maurizio Campia ha appena concluso un aumento di capitale da 1,4 milioni, raggiungendo una valutazione post-money di 8 milioni di euro. Reale Mutua (già socia) ha investito in Pharmercure per mantenere inalterata la propria quota di partecipazione. Ecco perché

15 Dic 2021


Pharmercure

Reale Mutua continua a credere in Pharmercure, la startup di delivery farmaceutico guidata da Maurizio Campia, che ha appena concluso un aumento di capitale da 1,4 milioni, raggiungendo una valutazione post-money di 8 milioni di euro, con l’ingresso in società, tra gli altri, del fondo di VC di Azimut. Alla raccolta hanno partecipato anche investitori privati tramite una campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd. Reale Mutua (già socia della startup) ha investito per mantenere inalterata la propria quota di partecipazione. La compagnia assicurativa conferma così la sua volontà di proseguire in strategie di open innovation, l’innovazione aperta che porta le aziende a individuare soluzioni e prodotti innovativi fuori dal proprio perimetro, per esempio fra le startup.

Citata tra le migliori startup del comparto Digital Health nel Sud Europa dagli analisi della piattaforma Speedinvest, Pharmercure rientra tra gli investimenti del comparto AZ ELTIF – ALIcrowd di Azimut Investments (gestito in delega da Azimut Libera Impresa SGR.

Come è nata la startup del delivery dei farmaci

L’idea del delivery farmaceutico nasce nel 2018 in seno allo Startup Creation Lab dell’Università di Torino. Il modello di business mette in contatto, tramite una piattaforma evoluta, le farmacie di prossimità con i loro clienti. Proprio in questi giorni evidenzia la rapida evoluzione di questo settore che solo in Italia supera i 24 miliardi di Euro e coinvolge oltre 19.000 farmacie.
Oggi Pharmercure è attiva in più di 25 città sul territorio italiano, connettendo centinaia di farmacie, e sviluppa oltre 1 milione di euro di transato, con una crescita di oltre cinque volte nel 2020 rispetto all’anno precedente. L’obiettivo per il 2022 è quintuplicare tutte le principali metriche di business.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Nella visione dei fondatori la farmacia è destinata infatti a diventare sempre più un presidio sanitario territoriale, capace di assistere i cittadini esaltando la professionalità dei farmacisti grazie ai vantaggi offerti dalla digitalizzazione.

“Siamo davvero entusiasti della fiducia che una società esperta come Azimut ha deciso di riporre in Pharmercure e della conferma da parte di Reale Mutua dopo l’investimento del 2019” spiega Maurizio Campia CEO Pharmercure. “Questo risultato è frutto di un grandissimo lavoro da parte di tutto il team di Pharmercure e del prezioso supporto dei nostri consulenti che hanno seguito l’operazione, Mario Donadio dello studio legale Leading Law e Giorgio Ramotti della boutique di consulenza m&a Nash Advisory, a cui va tutto il nostro ringraziamento”.

Perché Reale Mutua continua a finanziare Pharmercure

“Reale Group ha deciso di confermare e consolidare l’investimento in Pharmercure non soltanto in continuità con la scelta fatta nel 2019, ma soprattutto a riprova dell’importanza del percorso che abbiamo intrapreso con la startup” ha dichiarato Andrea Birolo, Head of Corporate Venturing di Reale Group. “Un progetto in cui abbiamo creduto fin dall’inizio e che, a distanza di due anni, continua a progredire e rimanere coerente con la nostra strategia in tema di welfare e digital health”.

“In Blue Assistance – ha spiegato Marco Mazzucco, Amministratore Delegato di Blue Assistance – l’attività di Pharmercure ha trovato concretezza in termini di business. A marzo 2021, infatti, abbiamo lanciato virtualhospital.blue, l’innovativa piattaforma online che rappresenta un vero punto di riferimento per la continuità della salute e del welfare delle famiglie. Offre infatti alle persone soluzioni di digital health integrate con prestazioni domiciliari, tra cui è centrale la consegna dei farmaci, e l’accesso ai network sanitari e del benessere convenzionati con Blue Assistance”.